Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il viaggio low cost delle armi da guerra
    Comunitaria 2010. Il commercio delle armi all'interno dell'UE avrà meno regole

    Il viaggio low cost delle armi da guerra

    Con meno controlli aumenterebbero le "triangolazioni" e le armi dirette a paesi in guerra e che agiscono in violazione dei diritti umani. Cosa è accaduto da quando, nel 1990, si decise di impegnare i Governi sulla riconversione dell’industria di armi? Siamo sicuri che il nostro mandato sia così cambiato?
    9 novembre 2011 - Lidia Giannotti
  • 4 novembre

    I costi del crimine della guerra, oggi

    La festa delle Forze Armate è una vetrina del modello di guerra e del complesso militare-industriale nazionale. Ma dopo la guerra in Libia, i bombardamenti dei caccia dell'Aeronautica, le numerose basi utilizzate dagli alleati e l'espansione delle spese per l'acquisto di nuovi e sofisticati sistemi di morte, deve diventare un momento per riflettere sul senso delle guerre moderne e rilanciare le campagne per la smilitarizzazione del territorio e il disarmo globale.
    30 ottobre 2011 - Antonio Mazzeo
  • Mercanti di morte

    L’Egitto in fiamme acquista elicotteri made in Italy

    Nuovi affari in Egitto per i piazzisti d’armi mentre le forze armate continuano a reprimere brutalmente le manifestazioni per il pane, la libertà e la democrazia.
    15 luglio 2011 - Antonio Mazzeo
  • Le armi e la difesa del colosso africano
    Nigeria

    Le armi e la difesa del colosso africano

    28 aprile 2011 - Vincenzo Gallo
Intervento alla commemorazione del 60° anniversario di fondazione della FAO

Innalzare gli aiuti per il Terzo Mondo allo 0,7% del Prodotto Interno Lordo

"Una società che spende centinaia di miliardi in armamenti e consente che ogni anno muoiano di fame cinque milioni di bambini è una società malata di egoismo e di indifferenza".
17 ottobre 2005 - Carlo Azeglio Ciampi (Presidente della Repubblica)
Fonte: http://www.quirinale.it/Discorsi/Discorso.asp?id=27844
Roma - Sede della FAO, 17 ottobre 2005


Signor Direttore Generale,
Signori Delegati,
Signore e Signori,
Il Presidente Ciampi con Jacques Diouf, Direttore Generale della FAO


ho accolto con grande piacere l'invito a partecipare alla commemorazione del 60° anniversario della fondazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Agricoltura e l'Alimentazione.
Solo due settimane or sono - Signor Direttore Generale - Ella mi ha consegnato la Medaglia Agricola della FAO. E' un riconoscimento di cui sono particolarmente onorato e che considero un impegno per l'Italia - e mio personale - a continuare nella lotta alla fame; a sostenere la FAO con determinazione nella sua alta missione; a rafforzare ulteriormente il vincolo speciale che la lega alla FAO.
Rivolgo in questa occasione le mie felicitazioni al Presidente Lula, cui è stata conferita la stessa prestigiosa onorificenza.

Coloro che hanno conosciuto un mondo senza Nazioni Unite hanno caro l'enorme progresso compiuto dall'umanità; sanno quanto dobbiamo alla saggezza e alla lungimiranza degli ideatori e dei firmatari della Carta di San Francisco.
Essi cercarono di dare vita ad una società internazionale fondata sulla legalità e sulla solidarietà; seppero guardare lontano ed immaginare, mentre infuriava ancora la guerra, un mondo in cui ogni essere umano sarebbe stato in grado di soddisfare, dopo il diritto alla sicurezza, il diritto al cibo.
Dalla loro visione nacque la FAO che oggi, insieme all'IFAD e al PAM, compone il polo agroalimentare di Roma.
A Roma si stabilì, in seguito, anche l'Istituto Internazionale per le Risorse Genetiche Vegetali, preposto alla conservazione e alla valorizzazione della biodiversità.

A sessant'anni di distanza, la missione della FAO è più che mai indispensabile e attuale. Al di fuori del mondo industrializzato, centinaia di milioni di esseri umani vivono la disperazione quotidiana di non trovare di che nutrirsi, di non riuscire a dare la speranza di una vita dignitosa ai propri figli.
Fame e denutrizione stringono in una morsa letale popolazioni già vittime di terribili malattie - AIDS, malaria e tubercolosi - di guerre e conflitti etnici.
La coscienza non può non ribellarsi di fronte a questa strage silenziosa.

La cerimonia di oggi si svolge a poche settimane dalla conclusione del Vertice dei Capi di Stato e di Governo delle Nazioni Unite, che ha riaffermato l'impegno della comunità internazionale a raggiungere gli obiettivi del Millennio. Primo fra tutti, quello di ridurre della metà, entro il 2015, il numero delle persone che soffrono la fame.
Quell'obiettivo fu per la prima volta individuato quale fondamentale traguardo di civiltà e di coscienza proprio in questa sala, in occasione del Vertice Mondiale dell'Alimentazione nel 1996.

La Dichiarazione del Millennio riafferma la necessità di arginare il lacerante divario tra il Nord e il Sud del mondo attraverso un piano d'azione rigoroso.
All'ONU e alle sue istituzioni spetta il merito di aver indotto la comunità internazionale a cimentarsi con questa sfida - la massima sfida dei nostri tempi - imponendo un'agenda di mobilitazione sul tema dello sviluppo che non ha precedenti.

Sostenuta con determinazione, quell'agenda ha messo in moto un percorso scandito dalle tappe di Monterrey, di Johannesburg e del secondo Vertice dell'Alimentazione di Roma.

Cinque anni non sono passati invano.
Il volume di aiuti allo sviluppo è aumentato considerevolmente e aumenterà ancora, di quasi 50 miliardi di dollari l'anno entro il 2010; i governi dei Paesi sviluppati hanno promesso di raggiungere entro il 2015 un livello di aiuti pari allo 0,7% del loro Prodotto Interno Lordo; lo stock di debito dei Paesi poveri e più indebitati è stato ridotto del 61%, nell'ambito di un'iniziativa di remissione del debito di cui l'Italia è stata tra i promotori e a cui ha contribuito cancellando 2,6 miliardi di euro, con l'obiettivo di giungere quanto prima a 4,8 miliardi, pari al 100% del debito bilaterale nei nostri confronti; infine, poche settimane or sono, le Istituzioni Finanziarie Internazionali hanno approvato la proposta del G8 di eliminare il 100% del debito multilaterale dei Paesi più poveri.

Sono risultati incoraggianti.
Non bisogna mai dimenticare, tuttavia, che nessuna assistenza internazionale può sostituirsi all'assunzione di responsabilità fondamentali dirette.
I fattori chiave dello sviluppo sono gli stessi in ogni parte del mondo: stabilità, legittimità democratica dei governi, certezza del diritto, rispetto dei diritti umani e civili, libertà economica, tutela del patrimonio ambientale e delle proprie radici culturali. Creare queste condizioni, senza disperdere preziose risorse in sanguinosi conflitti armati e nei mille rivoli della corruzione, è compito primario dei beneficiari.

C'è ancora così tanto da fare. In Africa, in particolare, il raggiungimento degli obiettivi del Millennio appare come un traguardo ancora molto distante.
È soprattutto l'arretratezza rurale che frena lo sviluppo dell'Africa: terreni inariditi dall'avanzare della desertificazione e impoveriti da colture inadeguate.

Grave è anche la permanente carenza di infrastrutture essenziali per la raccolta e la conservazione dell'acqua e di efficienti sistemi di irrigazione.

Sempre di più l'approvvigionamento idrico, elemento indispensabile di un'agricoltura fiorente, appare come un problema strategico: bisogna mirare ad una gestione razionale di questa risorsa, che deve essere oggetto di collaborazione e non di conflitto fra i Paesi.

Lo sviluppo rurale è al cuore della rinascita dell'Africa.

Ne è ben consapevole la FAO, che ha impegnato la sua esperienza e le sue risorse per l'attuazione del programma di sviluppo agricolo della NEPAD.

Signor Direttore Generale,
l'Italia sostiene senza riserve gli sforzi della FAO. Il nostro programma di cooperazione con l'Organizzazione è tra i maggiori che conduciamo all'interno del sistema delle Nazioni Unite; esso si concentra sulla sicurezza alimentare, lo sviluppo sostenibile, l'assistenza alle politiche agricole, gli aiuti di emergenza.

L'Italia accompagna a tale azione un crescente impegno finanziario a favore dei programmi per la sicurezza alimentare della FAO, dell'IFAD e del PAM.

Il contributo italiano al Fondo Globale per la lotta contro l'AIDS, la malaria e la tubercolosi sarà innalzato da 100 a 130 milioni di euro nel prossimo biennio. Si aggiunge, in questo campo, l'opera benemerita di efficienti Associazioni di volontariato.

L'Italia è fortemente impegnata anche nella cooperazione sanitaria, nella ricerca biomedica e nei progetti di tutela ambientale.

I nostri centri di ricerca sono tra i più attivi nella formazione e nel trasferimento di tecnologie avanzate ai Paesi in via di sviluppo. Ricordo che questa è la missione specifica degli Istituti scientifici di Trieste, nati nell'alveo e nello spirito delle Nazioni Unite, che l'Italia ha voluto e largamente finanzia. Scienza e tecnologia sono strumenti essenziali per lo sviluppo rurale.

Il settore agricolo, tuttavia, potrà realizzare appieno il suo potenziale solo se i prodotti dei Paesi in via di sviluppo potranno accedere liberamente ai mercati dei Paesi industrializzati.
La positiva conclusione del Doha Round consentirebbe, secondo le stime della Banca Mondiale, di strappare alla povertà oltre cento milioni di persone.
Ci avviciniamo alla Conferenza Ministeriale dell'Organizzazione Mondiale del Commercio di Hong Kong. Non possiamo negare ai Paesi emergenti e ai Paesi poveri le opportunità del commercio internazionale, sulle quali si fonda tanta parte della nostra prosperità.

Signor Direttore Generale,
da oltre mezzo secolo la FAO si batte al fianco dei poveri, di coloro che soffrono la fame. Non vi è missione più nobile; non vi è compito che meglio rifletta lo spirito e la lettera della Carta delle Nazioni Unite, che impegna gli Stati membri ad impiegare gli "strumenti internazionali per promuovere il progresso economico e sociale di tutti i popoli".

La costruzione di un ordine mondiale più giusto è, in primo luogo, un imperativo morale. Ma non è solo questo: un mondo nel quale i benefici del progresso scientifico e della crescita economica siano ripartiti in modo più equo è anche un mondo più sicuro per tutti.

Una società che spende centinaia di miliardi in armamenti e consente che ogni anno muoiano di fame cinque milioni di bambini è una società malata di egoismo e di indifferenza.

Dobbiamo colmare il solco - fatto di ingiustizia e di disperazione - che divide Paesi ricchi e Paesi poveri; da esso traggono origine e alimento i fenomeni che minacciano la sicurezza di tutti noi: l'estremismo, il fondamentalismo, l'odio etnico.

A New York, lo scorso settembre, i leader mondiali ne hanno preso atto e hanno solennemente rilanciato l'alleanza solidale tra Nord e Sud per vincere la povertà.
E' un impegno che non può essere disatteso: ne dipende in larga misura la convivenza pacifica tra i nostri popoli nei prossimi decenni.

Signor Direttore Generale,
Signori Delegati,
Signore e Signori,
la povertà e la fame sono i più antichi nemici dell'umanità. Per la prima volta nella storia disponiamo dei mezzi per sconfiggerli: abbiamo le risorse economiche, la tecnologia e il sostegno dell'opinione pubblica.
Dipende soltanto da noi.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy