Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    L'ipocrisia di una guerra breve

    Noi pacifisti siamo per una guerra quanto più breve possibile?
    Vi è molta ipocrisia in giro: "Voi pacifisti siete per una guerra breve, ovviamente".
    Ci dispiace non allinearci con gli auspici della Borsa.
    22 marzo 2003 - Alessandro Marescotti

    Noi non possiamo auspicare un conflitto rapidissimo indipendentemente dalla sua violenza omicida. Non è la durata ma l'intensità che ci spaventa, a differenza della Borsa che pensa con altri parametri. In questo momento dobbiamo essere intransigentemente dalla parte delle vittime, dalla parte della popolazione irakena, schiacciata da una dittatura e ora schiacciata anche da una guerra. Questa gente ha bisogno di protezione.

    Dobbiamo perciò batterci perché vengano denunciati e fermati i crimini di guerra.
    I bombardamenti a tappeto sono crimini di guerra.

    I raid contro i civili sono crimini di guerra.

    La distruzione di infrastrutture indispensabili per la sopravvivenza della gente è violazione del diritto umanitario in tempo di guerra.

    Noi quindi non lottiamo per una "guerra breve" ma per frenare o fermare la follia del sangue. Per proteggere la popolazione occorrerà rispettare delle regole che valgono anche in guerra. Probabilmente - invocando anche in sede Onu il rispetto rigoroso delle Convenzioni di Ginevra - i tempi del conflitto si allungheranno a beneficio di un maggiore rispetto dei civili.

    Lottiamo per il massimo rispetto della popolazione e della vita umana.

    Un rigoroso rispetto delle norme a tutela dei civili forse allungherà la guerra perché - se l'opinione pubblica si farà sentire - legherà almeno una delle due mani di chi vorra finire subito il lavoro sporco in un bagno di sangue. Durante la guerra del Kossovo il generale Clark si lamentò della pressione dell'opinione pubblica: "Era come combattere con una mano legata dietro la schiena", disse.

    Ecco l'obiettivo: possiamo frenare il bagno di sangue se saremo in tanti. Dobbiamo costringere chi vuole avere mano libera nel lavoro sporco a combattere con una mano legata dietro la schiena.

    Forse questo non farà bene alla Borsa (neppure la guerra però le ha giovato) ma difenderà la popolazione da attacchi indiscriminati.

    E forse difenderà anche i soldati angloamericani dall'impazienza dei loro generali.


    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy