Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Decima Giornata Ecumenica del Dialogo Cristiano-Islamico. Dialogo, Pluralismo, Democrazia: il nostro comune orizzonte

    Le Differenze come Bene Comune

    Il dialogo tra le persone e tra i popoli necessita di pluralismo e democrazia, il nostro comune orizzonte, dove il termine dialogo presuppone lo strumento della ragione, del logos umanistico, che sia mezzo critico per porre le istanze e le rivendicazioni dei diritti umani dei più deboli, degli oppressi e degli emarginati, in rapporto dialettico con le istituzioni e i governi, tramite spinte e pressioni rivoluzionarie e di cambiamento dal basso, con azioni di disobbedienza civile, di cittadinanza attiva, tramite movimenti nonviolenti per la pace che rivendichino il diritto umano al bene comune e alla felicità.
    22 giugno 2011 - Laura Tussi
  • Ripensare la Chiesa nel tempo del pluralismo e del cristianesimo globale.

    Il Dialogo è finito?

    Una rivoluzione copernicana interculturale, per favorire prospettive di pace che superino gli odi ancestrali tra popoli, genti e minoranze, oltre le barriere ideologiche, i muri caratteriali, creando così contesti di fraternità, accoglienza, legami e relazioni di idee, nel bisogno di amore per la comunione tra esseri umani, tra donne e uomini in cammino, in ricerca e confronto comunitario, attraverso la forza della verità, in vista di un avvenire migliore.
    6 giugno 2011 - Laura Tussi
  • L'ultima opera di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini...

    Il Vangelo secondo Leonard Cohen

    L’autorevole Rivista SCUOLA e DIDATTICA- CULTURA e PROFESSIONE propone una recensione al libro di BRUNETTO SALVARANI e ODOARDO SEMELLINI, dal titolo “Il Vangelo secondo Leonard Cohen. Il lungo esilio di un canadese errante”, CLAUDIANA Editrice.
    31 marzo 2011 - Laura Tussi
  • Attualmente le religioni sono tornate all'attenzione dell'interesse collettivo, dal punto di vista sociale e culturale. Siamo immersi nel pluralismo di fedi, idee, opinioni, credenze...

    "Parole delle Fedi" - Editrice Missionaria Italiana

    All’interno della Collana “Parole delle Fedi”, la Editrice Missionaria Italiana propone, tra le altre opere dei già citati autori, il quaderno n.32 dal titolo SACRO di LAURA TUSSI.



    16 dicembre 2010 - Laura Tussi

Crocifisso pret-a-porter

Una serie di domande per ragionare sull'uso strumentale della religione a fini politici. Il crocifisso diventa un simbolo "facile da portare", da indossare quando conviene per poi metterlo nell'armadio quando la coerenza chiede qualcosa di piu' delle parole a vuoto che fischiano nei microfoni.
31 ottobre 2003 - Carlo Gubitosa

Vignetta di Mauro Biani

Come mai don Lorenzo Milani, un santo scomodo che la fiction Rai ha trasformato in un "santino" buono per tutte le stagioni, aveva tolto il crocifisso dalla sua scuola di Barbiana per metterlo in un'altra stanza? Neera Fallaci, nel libro "Vita del prete Lorenzo Milani" racconta che don Lorenzo "tolse il crocifisso perché non doveva esserci neppure un simbolo che facesse pensare che quella era una scuola confessionale. Lì c'erano solo uomini che studiavano e discutevano per la propria elevazione civile e morale". Perche' nessuno da' voce ai sacerdoti e ai cristiani che sono d'accordo con don Lorenzo?

Come mai la televisione ha assegnato il ruolo di paladino della scuola laica ad una persona che si presta benissimo ad interpretare la parte del "diverso", dello "straniero", del "musulmano", dell'"anticlericale", alimentando i sentimenti di odio e di contrapposizione legati alla presenza dei migranti in Italia?
I simboli delle principali religioni del mondo


Come mai le forze politiche di sinistra che si battono per avere delle scuole con pareti "laiche" sono le stesse che quando erano al governo hanno di fatto spianato la strada ai finanziamenti pubblici destinati alle scuole confessionali?

Come mai le forze politiche di destra che oggi sono pronte a fare barricate per difendere i simboli della cristianita' non hanno mosso un dito per migliorare le condizioni dei carcerati dopo essersi spellati le mani in parlamento di fronte alla richiesta di indulto formulata dal sommo pontefice?

Come mai ci si accapiglia per tenere o per rimuovere un crocifisso in un luogo frequentato da bambini, mentre a nessuno importa di cosa viene appeso alle pareti di ospedali, uffici pubblici, caserme, biblioteche, questure, tribunali e altri luoghi dove la "cristianita'" o la laicita' della nazione potrebbero essere ugualmente affermate? Per caso c'entra qualcosa la presenza nelle scuole di bambini, che immaginiamo come soggetti influenzabili? Se e' cosi', perche' nessuno si vergogna di fare politica sulla pelle dei bambini? Perche' questi bambini non vengono lasciati liberi di crescere e ragionare valutando con serenita' l'esempio e le testimonianze dei genitori cattolici, del maestro laico, del salumaio musulmano e del bidello buddista, arrivando a maturare una scelta religiosa consapevole e ben informata?

Per finire: non e' che tutta questa polemica sul crocifisso rischia di alimentare solamente i fondamentalismi (musulmani e cristiani) mettendo in secondo piano i veri sentimenti religiosi dei cattolici e i veri sentimenti di civilta' del pensiero laico? Chi ci guadagna da questa esplosione di odio e di intolleranza? Non e' che il circo della politica, dopo essersi alimentato delle guerre tra poveri tra manifestanti antiglobalizzazione e poliziotti globalizzati, adesso vuole nutrirsi della paura e della rabbia che divide laici e religiosi, cattolici e musulmani?

Di fronte a questa vicenda, ho maturato solamente quattro personali convinzioni: voglio trovare un crocifisso quando vado in chiesa, voglio trovare una lavagna quando entro in una scuola, voglio trovare persone serie quando vado in parlamento, voglio che il mio paese sia talmente cristiano da poter accogliere senza odio, paura o diffidenza tutte le religioni del mondo.

Un'ultima domanda: ma il ministro Moratti lo sapra' o no che in Italia ci sono delle scuole rimaste senza crocifisso perche' non ci sono abbastanza soldi?

Note:

Suggerimenti di lettura:

AA.VV.
E' L'ORA DELLE RELIGIONI
La scuola e il mosaico delle fedi

Editrice Missionaria Italiana
SCHEDA Online: http://www.emi.it/scheda.asp?nisbn=1012-1

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy