Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Qui è un inferno infuocato

    Ali Babà

    Gli iracheni, senza nessuna differenza religiosa o etnica, che siano sunnuti, sciiti, cattolici o altro, per indicare gli americani hanno un solo termine “Ali Baba”
    14 luglio 2011 - Tusio De Iuliis
  • La mia reazione alla morte di Osama bin Laden

    Chomsky vuol far riflettere i suoi lettori sul fatto che bin Laden avrebbe potuto essere catturato vivo e portato davanti ad un tribunale internazionale, come ci si aspetterebbe dalle società che rispettano il diritto internazionale e le più semplici norme del diritto
    16 maggio 2011 - Noam Chomsky
  • Verità e giustizia per Falluja!

    Le conseguenze dei gas utilizzati nel 2005 a Fallujah lasciano presupporre l'utilizzo di sostanze teratogene e pertanto invito tutti quelli che possono a firmare la petizione su unponteper.it
    Per coloro che hanno avuto modo di vedere il report di Tareq sui feti nati in questi ultimi anni credo sia imprescindibile partecipare a questa petizione.
    3 novembre 2010 - Roberto Del Bianco
  • Per sport e per passione
    Domenica scorsa 24 ottobre, a Lugo di Romagna. Ma la storia inizia molto prima.

    Per sport e per passione

    La solidarietà, a volte, corre anche al volante di una Ferrari...
    27 ottobre 2010 - Roberto Del Bianco

La Fuga Vigliacca

Non ci può far certo gioire la constatazione che quanto avevamo previsto, al termine della vergognosa operazione militare compiuta in Iraq, ha trovato ormai da mesi forma compiuta nel desolante stillicidio quotidiano di vittime militari.
16 novembre 2003 - Vittorio Moccia

Non ci può far certo gioire la constatazione che quanto avevamo previsto, al termine della vergognosa operazione militare compiuta in Iraq, ha trovato ormai da mesi forma compiuta nel desolante stillicidio quotidiano di vittime militari.
Un intervento d'occupazione tanto rozzo, quanto a logica e forma attuativa, ormai neppure più sostenuto delle motivazioni che avevano tentato di forzarne mediaticamente il consenso, non avrebbe portato altro che al caos civile ed alla totale ingovernabilità del paese "occupato".

I fatti mostrano come il drammatico precipitare della situazione di queste ultime ore, nelle quali riesce perfino ostico comprendere con esattezza finalità e natura degli attentati, spinga ad accelerare decisioni e strategie per il futuro dell'Iraq. E' comunque molto difficile credere che lo slogan del "tutto terrorismo" possa reggere ancora a lungo e spiegare le ragioni di una guerra che non è ancora terminata e troverà difficile soluzione, se continuerà ad essere interpretata come la semplice ed isolata iniziativa di sparuti gruppi di "terroristi".

Va aggiunto che, qui in Italia, si intravede il pericolo che i sentimenti, suscitati dalla spaventosa carneficina di militari italiani, possano da un lato produrre posizioni di estremismo acritico ed ottuso, perfino nell'ambito del pacifismo; possano dall'altro essere sfruttatati per ennesime manovre mediatiche funzionali a nauseanti beghe di politica interna.

Crediamo piuttosto che sarebbe molto più utile far affidamento sulla ragione e sul valore del rispetto del prossimo, che dovrebbe nascere dalla nostra sensibilità di esseri umani.

E' un dato di fatto che l'Iraq, dopo l'intervento militare USA, rappresenti un magma ribollente, nel quale sono confluiti ed ormai si catalizzano, pronti a propagarsi, mille ingredienti esplosivi.

Viene da giudicare d'altra parte come vigliacca e inumana verso cittadini doppiamente violentati, da un dittatore sanguinario e da una guerra infame e priva di senso logico (o meglio con un senso dettato esclusivamente da interessi economici) qualsiasi posizione di irrigidimento ideologico che si traduca nella follia dell' "abbandoniamo a tutti i costi il campo".

A nostro avviso sarebbe opportuno che, sotto la regia dell'ONU, forze di occupazione militare si traducessero al più presto in forze civili e multinazionali di pace e difesa; che venissero ripristinate le strutture internazionali di assistenza sanitaria funzionali almeno al recupero dei requisiti minimi di vivibilità; che si consentisse infine di condurre con i fatti la nazione a forme di reale autogoverno .

Questa volta è una strada obbligata...

Vittorio Moccia
Associazione PeaceLink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy