Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Liberati i no global arrestati - Comunicato di PeaceLink

    E' un grido di libertà, è un segno di speranza.
    Tutti i no global arrestati sono stati "liberati" dal Tribunale del Riesame di Catanzaro.
    3 dicembre 2002 - Alessandro Marescotti

    I dubbi da noi espressi al momento degli arresti sono ora confermati. Arriva finalmente un provvedimento della magistratura che rende giustizia e apre uno squarcio di verità su quest''inquietante vicenda.

    Ma occorre andare oltre e capire che qualcosa va riformato nella giustizia, e non ci riferiamo a provvedimenti contro l'autonomia dei magistrati. Ci riferiamo ad una urgente riforma delle norme che - retaggio di epoca nefasta e illiberale - possono consentire abusi e distorsioni nelle inchieste. Ci rivolgiamo quindi ai parlamentari perché vengano abolite le norme fasciste che, sopravvivendo nel codice penale, consentono ancora oggi di perseguire le opinioni e le associazioni in base ad una loro presunta pericolosità ideologica.

    Spiace dover constatare che il dibattito politico sulle cosiddette "riforme istituzionali" non abbia mai posto al centro l'eliminazione di residui normativi autoritari e pericolosi in quanto ideati e creati in un'epoca in cui le libertà dei cittadini erano considerate un "vizio" da estirpare.

    Ma, oltre a questo pericolo incombente sulle libertà civili, occorre eliminare un'altra fonte di possibili abusi e distorsioni: quella di arbitrarie intercettazioni telefoniche e ambientali non motivate da reali indizi di reato. Come ha affermato il gip del Tribunale di Napoli Pierluigi Di Stefano, in relazione alle intercettazioni verso il telefono di Francesco Caruso, "la polizia giudiziaria inquirente sta realizzando, in modo indiretto, delle intercettazioni preventive, il che allo stato non viene consentito nemmeno in materia di criminalità mafiosa" (1). Un altro magistrato, il gip Luca Semeraro, ha aggiunto: "Procedere alle intercettazioni in assenza di concreti elementi indiziari del reato per cui si procede, determinerebbe solo un uso improprio delle intercettazioni telefoniche" (2). Tali intercettazioni a carico non di "indagati" ma di "persone informate sui fatti", diventerebbero attività preventive e stravolgerebbero le finalità probatorie dell'intercettazione telefonica. Se l'esperimento effettuato sui no global ora liberati dovesse diventare una prassi usuale, saremmo di fronte alla realizzazione made in Italy del "Grande Fratello" di Orwell. Tutti potremmo essere spiati "a scopi preventivi".

    Oltre alla "guerra preventiva" dobbiamo subire in silenzio anche la "spiata preventiva" su migliaia di telefonate, fax ed email?

    Noi ci opponiamo con tutte le forze a questa prospettiva di controllo globale. Non vogliamo che la "guerra al terrorismo", concepita con i metodi indiscriminati Bush, infligga un altro "danno collaterale", questa volta alla nostra democrazia.
    Il grido di libertà di oggi divenga il grido di libertà della nostra democrazia.

    Note:

    (1) (2) Fonte: Il Corriere della Sera 19/11/02

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy