Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza”. (Art. 1. Dichiarazione Universale dei Diritti Umani)

    Una coda colorata lunga venti chilometri.

    Una di queste sere dall’alto dell’autorevolezza di un programma di approfondimento televisivo, non sarà difficile trovare uno dei tanti tuttologi che li definirà illusi o ipocriti. Fatto è che domenica camminando da solo in mezzo al “Popolo della Pace”, mi sono sentito molto meno solo.
    26 settembre 2011 - Ernesto Celestini
  • L'esercito ha tentato di impedire con violenza l'arrivo dei movimenti indigeni a Ibaguè

    Colombia: la marcia indigena prosegue nonostante le aggressioni governative

    Il 21 Novembre è previsto l’arrivo a Bogotà
    16 novembre 2008 - David Lifodi
  • La bandiera arcobaleno non è un simbolo di pace
    Lettera aperta a Santa Romana Chiesa

    La bandiera arcobaleno non è un simbolo di pace

    Secondo l'agenzia di stampa vaticana Fides sarebbe stata disegnata per i gay
    23 giugno 2008 - Giacomo Alessandroni
  • Tutti  i diritti Umani di ( e per) tutti gli Uomini ...

    Tutti i diritti Umani di ( e per) tutti gli Uomini ...

    7 ottobre 2007 - redazione Movimento Ambasciatori per la Pace sezione Provincia di Caserta e Regione Campania

Noi che ripudiamo tutte le stragi

16 ottobre 2001 - Peppe Sini

La marcia Perugia-Assisi del 14 ottobre 2001 e' stata la piu' grande epifania della pace, la piu' grande manifestazione contro la guerra, il terrore e l'uccidere che si sia data nel mondo in questi tragici mesi dopo l'orrore dell'11 settembre e gli orrori a quell'orrore seguiti ed in corso.

1. Si illudevano taluni che della marcia di Aldo Capitini si potesse fare un uso improprio, si potesse farne bottino e mercimonio. Invece essa e' stata, ancora una volta, il luogo visibile e veggente dell'impegno per la pace il piu' nitido ed intransigente, la nonviolenza in cammino.

2. Lo sanno quelli che quei ventiquattro chilometri sono ormai anni o decenni che se li camminano davvero: si puo' entrare nella marcia con mille riserve mentali, imbevuti di radicati pregiudizi e diffidenze reciproche. Ma la marcia ti chiama e ti scioglie il cuore indurito. Ed anche chi vi entra con duplice intento ne esce con animo perturbato e commosso. Anche e forse soprattutto questo e' la marcia della pace: un cammino interiore di meditazione e di riconoscimento di umanita'.

3. Continueranno, coloro che hanno voluto la guerra e dieci e due anni fa ed oggi ancora, a mentire a se stessi e ai mass-media, continueranno. E come loro, insieme a loro, continueranno, coloro che riproducono nel loro agire autoritarismo, militarismo e maschilismo fascista (sono esempi di modi di pensare e di agire fascisti le gesta e le parole di molti leaderini - anche in tuta e in tonaca - del movimento cosiddetto "antiglobalizzazione"), continueranno, si', ad adorare in pubblico o in privato la violenza (i piu' ipocriti: la violenza "levatrice"), e la menzogna, come sola forma di comunicazione che conoscono, riconoscono e ammirano e venerano; continueranno. Ma la loro menzogna, la loro violenza, cadono smascherate a fronte della nonviolenza e della nonmenzogna: e la marcia, ancora una volta, e' stata la marcia di migliaia, forse di centinaia di migliaia di donne e di uomini di volonta' buona che non si riconoscono nei maneggi e nelle doppiezze dei sepolcri imbiancati.

4. La marcia per la pace e' stata la prima grande risposta dell'umanita' alle stragi terroriste. Alle stragi terroriste commesse da gruppi della criminalita' organizzata, ed a quelle commesse da eserciti statali. Essa ripudia tutte le stragi, tutte le guerre, tutte le uccisioni. Essa rivendica la comune umanita' di tutti gli esseri umani.

5. La marcia della pace e' la nonviolenza in cammino. E dunque: la marcia e' solo cominciata; l'opposizione alla guerra e al terrore, all'ingiustizia globale, questa opposizione e' oggi piu' limpida e piu' forte.

6. E dunque al lavoro. Agiamo per fermare la guerra, per difendere il diritto internazionale e la legalita' costituzionale, per salvare le vite umane delle persone bersaglio dei bombardamenti in corso. Ed agiamo con la nonviolenza, con la scelta della nonviolenza, la limpidezza della nonviolenza, la forza della nonviolenza. Subito, adesso, occorre imporre a chi governa e rappresenta il nostro paese di recedere dal crimine commesso con la deliberazione parlamentare che aderendo alla guerra ha violato la Costituzione ed ha collocato fuori della legge governo, parlamento e capo dello Stato. L'Italia torni alla legalita', e si adoperi per la pace, subito.

7. Per ottenere questo, con la scelta della nonviolenza, per la pace e la legalita', proponiamo di preparare ed organizzare: l'azione diretta nonviolenta; la disobbedienza civile; lo sciopero generale.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy