Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Italia a rischio

    Al referendum con 2 reattori nucleari USA nel Golfo di Napoli

    Alla vigilia del referendum approda nel Golfo di Napoli la portaerei "George Bush" a propulsione nucleare: due reattori da 194 MW e un'infinità di missili cruise all'uranio impoverito. I porti italiani sempre più a rischio atomico...
    12 giugno 2011 - Antonio Mazzeo
  • Messaggio di solidarietà antinuclear dagli USA
    Messaggio di Michael Mariotte, Direttore Esecutivo, Servizio di informazione e risorse sulla questione nucleare, USA

    Messaggio di solidarietà antinuclear dagli USA

    Il Nuclear Information and Resource Service (NIRS) statunitense appoggia il movimento antinucleare italiano e il referendum del 12/13 giugno per impedire la costruzione di nuovi centrali nucleari in Italia
    8 giugno, 2011
    Michael Mariotte
  • Golfo di Augusta sempre più a rischio Chernobyl-Fukushima
    Italia radioattiva

    Golfo di Augusta sempre più a rischio Chernobyl-Fukushima

    Con la guerra alla Libia aumentano le soste dei sottomarini nucleari nella baia di Augusta (Sr), una delle aree più inquinate del Mediterraneo. Un'interrogazione denuncia l'assenza di piani d'emergenza in caso d'incidenti ai reattori.
    13 aprile 2011 - Antonio Mazzeo
  • Dopo lo Start-2 lavoriamo per un'Italia "nuclear free"
    Un cambio di strategia anche per l'Italia

    Dopo lo Start-2 lavoriamo per un'Italia "nuclear free"

    Da questo momento in poi si pone all'ordine del giorno l'obiettivo della denuclearizzazione del territorio nazionale: per un'Italia libera dalle bombe atomiche.
    8 aprile 2010 - Associazione PeaceLink

Cosa sanno i sindaci del transito nucleare?

Sono avvisati del transito di sottomarini a propulsione nucleare nei dodici porti a rischio, ossia a Augusta, Brindisi, Cagliari, Castellammare di Stabia, Gaeta, La Maddalena, La Spezia, Livorno, Napoli, Taranto, Trieste, Venezia?
6 ottobre 2000 - Alessandro Marescotti

Piano emergenza nucleare: il "segreto" è ora su Internet

I Verdi hanno messo integralmente sul loro sito Internet il piano di emergenza nucleare della Marina Militare, classificato come "riservato" e di cui alcuni giornali ("Il Manifesto" e "Diario della settimana") avevano pubblicato ampi stralci.

L'indirizzo e':
http://www.verdi.it/sitonuov/document/laspezia/piano.htm

E' all'interno di un dossier piu' ampio che ha il seguente indirizzo:
http://www.verdi.it/sitonuov/document/laspezia/laspezia.htm

Il piano di emergenza di La Spezia non e' stato ottenuto - come a Taranto - con una richiesta formale alla Prefettura ai sensi del decreto legislativo 230/95 ma e' stato procurato in... "altro modo".

Le informazioni del piano di La Spezia sono piu' tecniche e approfondite sotto il profilo militare, mentre quelle ottenute a Taranto sono piu' dettagliate sotto il profilo civile (quasi assente nel documento riservato di La Spezia). Il piano di La Spezia e' monco in quanto mancano le misure di competenza civile, che il sindaco di La Spezia non ha mai ottenuto perche' "segrete".
Quindi Taranto costituisce - a livello nazionale - la citta' che ha ottenuto le informazioni piu' ampie e precise sull'evacuazione della popolazione e sulla protezione civile.

I SINDACI SANNO O NON SANNO?

Nonostante le carenze che l'informazione diffusa a La Spezia presenta, emergono dettagli di estrema rilevanza per tutti i porti a rischio nucleare.
Nel documento di La Spezia vi e' infatti un aspetto importante, relativo alle comunicazioni alle autorita' civili: "Il previsto arrivo in porto dell'unita' a propulsione nucleare verra' comunicato alla Prefettura e al Comune, in modo riservato, a cura di MARIDIPART LA SPEZIA". Quindi i sindaci dovrebbero essere tenuti al corrente del transito nei porti: ma avviene tutto cio'?
Sarebbe interessante - visto che un'indagine a ritroso non mette a rischio alcunche' - avere dai sindaci stessi una statistica del transito di unita' a propulsione nucleare per ogni porto a rischio.

ENTRANDO NEI DETTAGLI

Le "disposizioni ed operazioni da attuare in caso di arrivo, sosta e partenza di unita' militari a propulsione nucleare" sono una pagina classificata con il "riservato" nel "Piano di emergenza per le navi militari a propulsione nucleare in sosta nella base di La Spezia", redatta dal Comando in Capo del Dipartimento Militare Marittimo Alto Tirreno di La Spezia. In esse si legge: "Il previsto arrivo in porto dell'unita' a propulsione nucleare verra' comunicato alla Prefettura e al Comune, in modo riservato, a cura di MARIDIPART LA SPEZIA. Tale comunicazione sara' fatta, per quanto possibile, 48 ore prima del previsto arrivo dell'unita' e confermata appena avuta notizia della sua imminante entrata nelle acque territoriali. Le comunicazioni dovranno essere limitate al solo arrivo e al posto di ormeggio, con esclusione di notizie sulla durata e i motivi della sosta. Alla Prefettura e al Comune sara' anche data notizia dell'avvenuta partenza dell'unita' non appena questa sara' uscita dal porto o avra' lasciato l'ancoraggio".

MA L'INFORMAZIONE VIENE DATA IN OGNI PORTO?

Se queste sono le norme in vigore a La Spezia, e' lecito chiedersi: anche i sindaci degli altri undici porti a rischio nucleare ricevono queste informazioni?
E se si': perche' non fornire ai consiglieri comunali un'informazione statistica su quanto e' avvenuto in passato?
E se no: perche' non invocare per tutti i porti a rischio lo stesso trattamento riservato a La Spezia?

Perche' usare ancora il segreto per celare all'opinione pubblica informazioni che non hanno piu' alcuna ragione di segretezza, specie dopo la pubblicazione intergrale del piano "segreto" sui sito nazionale dei Verdi?

Note:

Chi volesse esprimere il proprio parere sul futuro delle bandiere può scrivere a volontari@peacelink.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy