Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il premier francese Hollande ha ringraziato la coalizione guidata dagli Usa per aver fornito informazioni per l'attacco

    Attacchi aerei francesi in Siria

    Obiettivi dichiarato: i campi di addestramento dell'ISIS. Ma se la Francia avesse voluto combattere l'Isis non avrebbe appoggiato la coalizione che ha destabilizzato Libia e Siria, con l'aiuto dell'Isis. L'Isis, come è stato documentato, riceve l'appoggio delle monarchie del Golfo.
    27 settembre 2015 - Alessandro Marescotti
  • COORDINAMENTO DONNE per la PACE - Presentazione Libri

    COORDINAMENTO DONNE per la PACE - Presentazione Libri

    Vi presenteremo i libri e Vi mostreremo i nostri manufatti e, attraverso la loro vendita, sosterremo le associazioni che intervengono nei campi profughi in Siria
    18 giugno 2014 - Laura Tussi
  • Siria, al di là del Bene e del Male

    Siria, al di là del Bene e del Male

    24 maggio 2014 - Nadia Redoglia
  • Adonis: una voce del vento siriano
    L'intervista di PRESSENZA - International Press Agency

    Adonis: una voce del vento siriano

    Adonis, nome d’arte di Ali Ahmed Saïd Esber, ci propone qualche considerazione sulla tragedia che vive oggi il suo paese, la Siria.
    21 maggio 2014 - Laura Tussi
Siria

"Intervento di protezione"

Guardatela in faccia la "protezione umanitaria". Se vi piace tanto, eccola qui: gente falciata via a mitragliate solo perche' si era messa una telecamera in spalla.
23 ottobre 2015 - Carlo Gubitosa

Gli insorti possono contare sull'appoggio della Nato. Nella foto un blindato usato dai ribelli

Qualcuno mi ha fatto notare che sulla Siria Sofri avrebbe invocato un "intervento di protezione", e non una azione di guerra. Ma sono troppo vecchio e ne ho sentite troppe per abboccare ancora ai giochi semantici della propaganda. Intervento di protezione, missione di pace, polizia internazionale, guerra umanitaria, usiamo pure tutti gli eufemismi che vogliamo, ma ormai dopo Wikileaks non ci sono piu' scuse per autoilludersi, rifugiarsi nella retorica o negare la realta': i video rilasciati da Wikileaks hanno dimostrato che dietro tutto questo apparato teorico ci sono ragazzi in eccesso di testosterone che non sanno fare la differenza tra quello che accade in un videogame e la gente che ammazzano per strada.

Guardatela in faccia la "protezione umanitaria". Se vi piace tanto, eccola qui: gente falciata via a mitragliate solo perche' si era messa una telecamera in spalla. Chi vuole risolvere cosi' i problemi dei siriani non si preoccupi: tutto questo si e' fatto e si continuera' a fare, chiamandolo "intervento di protezione", "pace" e "liberazione dei popoli", si fara' anche con l'applauso di Sofri e di chi cede ai ricatti emotivi della propaganda di guerra, ma lo farete senza la mia adesione emotiva, senza il mio supporto politico, senza il mio plauso e il mio silenzio acquiescente.

Guardate in faccia come abbiamo protetto l'Iraq da Saddam e dalle fantomatiche armi di distruzione di massa. Chi vuole fare la pace con le armi guardi bene come vengono usate.

Note:

WikiLeaks Video of US Military Killing Innocent Civilians in Iraq
https://www.youtube.com/watch?v=LF9P5vIzYyE
On July 12, 2007, the US military killed several innocent civilians including two Reuters employees Namir Noor-Eldeen (photojournalist), 22, and his driver Saeed Chmagh, 40.

"Avviso riguardante i contenuti".
Su Youtube appare:
"Questo video potrebbe essere inappropriato per alcuni utenti".

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies