Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Mille passi per la democrazia
    Referendum 17 aprile 2016

    Mille passi per la democrazia

    Per lui votare oggi è un gesto naturale, anche a 95 anni. Ci ha messo un'ora e tre quarti per partire da via Argentina e arrivare al suo seggio in via Medaglie d'Oro, scuola media Colombo di Taranto, e tornare indietro a casa sua.
    17 aprile 2016 - Alessandro Marescotti
  • Peacelink: "Referendum, diamo voce alla sovranità popolare"
    Voto del 17 aprile sulle trivellazioni

    Peacelink: "Referendum, diamo voce alla sovranità popolare"

    L’astensionismo e l’inerzia civile potrebbe avere gravi conseguenze. L'invito del presidente del Consiglio a non votare è un passo indietro per la democrazia, è un danno arrecato alle coscienze, prima ancora che al mare o ai suoi fondali
    15 aprile 2016 - Associazione PeaceLink
  • Il 17 aprile esercitiamo la sovranità popolare
    Referendum

    Il 17 aprile esercitiamo la sovranità popolare

    Solo un partito che detesta la democrazia può dire di non andare a votare
    15 aprile 2016 - Alessandro Marescotti
  • Gli scienziati che votano SI' il 17 aprile
    Referendum sulle trivellazioni in mare

    Gli scienziati che votano SI' il 17 aprile

    L’appello per un voto favorevole al referendum sulle trivelle del 17 aprile firmato da una cinquantina di scienziati (tra i primi Gianni Silvestrini, Luca Mercalli, Flavia Marzano, Giorgio Parisi, Vincenzo Balzani, Mario Tozzi, Enzo Boschi, Marcello Buiatti, Stefano Caserini).
    14 aprile 2016
Riflessioni dopo il voto del 17 aprile

Gli indifferenti

18 aprile 2016 - Alessandro Marescotti

Con il romanzo “Gli indifferenti” Alberto Moravia metteva a nudo l’ignavia degli italiani che appoggiarono il fascismo. Evidenziò l’indolenza e la mancanza di passione civile contro cui si era scagliato anche Francesco De Sanctis nella sua storia della letteratura italiana. Per qualche tempo – dopo la fine del fascismo – l’Italia ha cercato di risorgere coltivando proprio le virtù che si oppongono all’indifferenza: la partecipazione democratica, l’impegno civile e l’indignazione.

Per tanto tempo Dante, Galileo, Leopardi, Gramsci furono i riferimenti di quella cultura impegnata che li considerò “perdenti” nella storia ma “punti di partenza” di un nuovo spirito nazionale che sarebbe risorto dalla sconfitta morale, prima ancora che storica.

Perché il perdente oggi

Sarà il vincente domani

Questo cantava Bob Dylan e questo pensava la sinistra italiana. Che declamava Gramsci come il nemico degli indifferenti. Il povero Gramsci scriveva:

Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.

L’indifferenza è il peso morto della storia. L’indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà.

Come suonano oggi queste parole dopo che a Ravenna è andato a votare per il referendum solo il 28% degli aventi diritto?

Si sono venduti Gramsci, si sono venduti la Resistenza, si sono venduti la letteratura e la storia, si sono venduti l’elogio dell’impegno civile e si sono ingoiati il mondo intero. Ora comandano. Ora ci dicono di vivere la mediocrità quotidiana senza grandi scuotimenti dell’anima. Ora loro sono i puntelli di un sistema di potere non dissimile da quello della vecchia DC, un sistema fatto di indifferenza, di cinismo e di carriere facili all’ombra della politica. Tutto è depotenziato, addio Gramsci, salvo farne sopravvivere la fondazione.

Una sinistra di governo si è oggi ben piazzata al governo con un’operazione di “compromesso storico” riuscito benissimo con lobby e affaristi. E per fare questo non occorre più l’indignazione di un tempo. Occorre l’indifferenza. L’indifferenza di cui Moravia scriveva nel suo romanzo.

Non c’è stato bisogno di calcare il manganello sui crani refrattari. Basta l’indifferenza, basta tornare a quello spirito indolente che ha consentito all’Italia di sopportare le invasioni, molte sventure e tanta ignominia. Gramsci parlava non a caso di un processo di riforma morale e intellettuale per il popolo italiano.

Il popolo italiano sembra in questi anni in grande maggioranza dimenticarsi i problemi globali e i disastri ecologici. In fondo, a pensarci bene, è andato a votare contro il nucleare due volte, superando il quorum, non perché avesse raggiunto la consapevolezza critica e la maturazione civile ma perché erano saltate in aria due centrali nucleari, la prima nell’Urss (si disse che erano dei pasticcioni irresponsabili) e la seconda nel Giappone (non dissero più nulla, i giapponesi sono precisi). Se non fossero saltate in aria, il corteo dei Napolitano-like avrebbe detto di non preoccuparsi del nucleare.

Ma non è questo il momento di essere arrabbiati con il mondo. La Ginestra da cui Leopardi ripartì, il fiore che rinasce nel deserto, è e continua ad essere la sfida di oggi, fatta di tanta pazienza, di tanta dignità, di tanta cittadinanza attiva e di tanta intelligenza per capire anche dove abbiamo sbagliato. Dobbiamo ripartire nelle scuole educando alla cittadinanza attiva e a tutti quei valori che contrastano l’indifferenza. Altrimenti che futuro e quale speranza lasciamo ai giovani? 

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies