Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Ban the bomb, oggi iniziano i negoziati a New York
    Volantini per sensibilizzare sulle armi atomiche

    Ban the bomb, oggi iniziano i negoziati a New York

    Qui forniamo un po' di materiali e di link. Fai la tua parte, stampa, diffondi, parlane con le persone che conosci. L'ONU dei popoli comincia da noi, dalla nostra azione per la pace e il disarmo
    26 marzo 2017 - Alessandro Marescotti
  • Cominciano i negoziati per dichiarare illegali le armi nucleari
    Al Palazzo di Vetro di New York

    Cominciano i negoziati per dichiarare illegali le armi nucleari

    Dal 27 marzo all'ONU si avvia un processo di portata storica per equiparare le armi nucleari a quelle chimiche e biologiche: armi di sterminio di massa, indiscriminate e quindi capaci di violare la Convenzione di Ginevra a protezione dei civili. Intanto sugli F-35 e sulle portaerei americane è previsto l'arrivo delle nuove testate nucleari B61-12.
    26 marzo 2017 - Alessandro Marescotti
  • Colpo di sonno nucleare
    "L'erronea indicazione di voto favorevole – spiega sempre il governo – è stata successivamente rettificata dalla nostra Rappresentanza"

    Colpo di sonno nucleare

    Il 27 ottobre 2016, durante il governo Renzi, l’Italia (accodandosi agli Stati Uniti) ha votato «No», nella prima commissione dell'Assemblea generale, alla risoluzione che proponeva di avviare nel 2017 negoziati per un Trattato internazionale volto a vietare le armi nucleari, risoluzione approvata in commissione a grande maggioranza. Successivamente, il 23 dicembre 2016 durante il governo Gentiloni, quando la stessa risoluzione è stata votata all'Assemblea generale delle Nazioni Unite, l’Italia ha invece votato «Sì» insieme alla maggioranza.
    Capovolgimento della posizione italiana? No, solo un errore tecnico. «Tale errore – spiega il governo nella risposta scritta – sembra essere dipeso dalle circostanze in cui è avvenuta la votazione, a tarda ora della notte». In altre parole il rappresentante italiano, probabilmente per un colpo di sonno, ha premuto il pulsante sbagliato.
    Manlio Dinucci
  • Sosteniamo il Trattato internazionale per mettere al bando le armi nucleari
    Il diritto internazionale vieta l'uccisione dei civili

    Sosteniamo il Trattato internazionale per mettere al bando le armi nucleari

    Qui trovate anche un dossier che raccoglie i più importanti documenti di questo storico processo negoziale. Nel 2017 si terranno i negoziati dal 27 al 31 marzo e dal 15 giugno al 7 luglio.
    22 dicembre 2016 - Associazione PeaceLink
E' in atto all'ONU un negoziato concreto ed effettivo, oltre che di portata storica

A New York si sta negoziando un trattato di divieto delle armi nucleari

I negoziati vanno avanti nonostante l'invito al boicottaggio e alle proteste delle superpotenze nucleari. Il discorso conclusivo della sessione, tenuto da Elayne Whyte Gómez, presidentessa della Conferenza (rappresentante permanente del Costa Rica alle Nazioni Unite), ha annunciato che a fine maggio verrà messa in circolazione una bozza di testo di Trattato.
1 aprile 2017 - Alfonso Navarra

A New York nella Conferenza ONU, istituita dalla risoluzione A/RES/71/258 del 23 dicembre 2016, la cui prima sessione si è chiusa ieri, 31 marzo, si sta negoziando EFFETTIVAMENTE un Trattato di divieto delle armi nucleari: è un passo molto importante, tanto importante che per questo abbiamo visto le Potenze Nucleari del Consiglio di Sicurezza, in una conferenza stampa al Palazzo di vetro, protestare ed invitare al boicottaggio. Gi F35 sono gli aerei destinati a trasportare le nuove armi nucleari

Il discorso conclusivo della sessione, tenuto da Elayne Whyte Gómez, presidentessa della Conferenza (rappresentante permanente del Costa Rica alle Nazioni Unite), ha annunciato che a fine maggio verrà messa in circolazione una bozza di testo di Trattato.

Nella discussione tra gli Stati partecipanti (ovviamente, come si è accennato, nell'assenza dei Paesi nucleari) si è registrata una grande ed insperata convergenza di posizioni; la principale diversità di opinioni sta su quanto il Trattato di proibizione deve anticipare i criteri di una futura Convenzione per l'eliminazione delle armi nucleari.

La società civile organizzata in ICAN collabora ed interviene attivamente con le sue proposte. 

E' un metodo ONU innovativo che va rimarcato perchè concretizza la speranza di una democrazia internazionale.

ICAN che coalizza tutte le reti storiche del pacifismo, del disarmismo, della nonviolenza, preme perché non vi sia spazio legittimante per la "deterrenza" e per le "condivisioni" (attraverso il divieto ESPLICITO del possesso, cioè della minaccia dell'uso, non solo dell'uso) e perché il Trattato sia collegato ad una più complessa "architettura" di disarmo ed alla pace.

In Italia i Disarmisti esigenti, una coalizione coalizione sociale di organizzazioni, nonché di attiviste e attivisti e personalità nonviolente, stimolate dall'appello di Stéphane Hessel ed Albert Jacquard ad “esigere un disarmo nucleare totale”, premono affinché l'Italia rappresentata dal governo partecipi positivamente alla sessione finale di giugno-luglio.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies