Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il Pacifico impegno di Obama: dalla Libia all’Iran mette le basi in Australia
    il lancio di un missile potrebbe provocare un vero e proprio contrattacco con forze nucleari strategiche

    Il Pacifico impegno di Obama: dalla Libia all’Iran mette le basi in Australia

    gli sforzi per impedire all'Iran di acquisire armi nucleari potrebbero provocare reazioni pericolose, incluso il perseguimento del paese di altri sistemi di armi non convenzionali
    19 novembre 2011 - Rossana De Simone
  • Ma l’Alta Finanza sa di essere nei guai?

    Ma l’Alta Finanza sa di essere nei guai?

    Stanotte la polizia ha rimosso il presidio di Occupy Wall Street. Ma i manifestanti non sembrano intenzionati ad arrendersi. In questo articolo del mese scorso, la cronaca delle prime settimane a Zuccotti Park.
    15 novembre 2011 - Chris Hedges
  • Due pesi e due misure
    In risposta al discorso di Obama all'ONU

    Due pesi e due misure

    L'ultimo discorso di Obama all'ONU, il 21 settembre scorso, ricalca molto da vicino quelli del suo predecessore George Bush Jr., tra contraddizioni e affermazioni fuorvianti e insincere.
    2 novembre 2011 - Stephen Zunes
  • Dall'Argentina a Wall Street
    Occupy Wall Street

    Dall'Argentina a Wall Street

    Un'analisi di ciò che lega i movimenti sociali dell'America Latina al movimento "Occupy Wall Street" attraverso la cronaca di una giornata al Liberty Plaza Park occupato.
    18 ottobre 2011 - Benjamin Dangl
Politica di Palazzo, spionaggio Usa e mediattivismo

I leader dell'Ulivo, i sottomarini nucleari e le biciclette telematiche

Mentre Rutelli, D'Alema e Fassino discutono, dal fondo del mare possono partire le intercettazioni. Nessuno chiede se Echelon li spia. Evidentemente non è una cosa molto importante. Intanto un ciclista americano viene processato per aver usato l'alta tecnologia al servizio della pace. Il 29 settembre entrerà in tribunale per il processo. Intanto "loro" discutono, discutono, discutono...
26 settembre 2004 - Alessandro Marescotti

Il "grande orecchio"

E' in corso una silenziosa riconversione dei sottomarini nucleari americani. Tanti parlamentari ormai non prestano più attenzione a queste cose. Non controllano. Ma vengono controllati alla grande. Fanno finta di niente, mettono la testa sotto la sabbia come gli struzzi perché il problema è più grande di loro. Rassegnati, hanno gettato la spugna e si occupano d'altro. E' una triste realtà. Provate a cercare fra i temi di dibattito politico, nelle zuffe dei salotti televisivi, quello di cui ci appresteremo a trattare e scoprirete lo zero assoluto.

I leader dell'Ulivo in questo momento si beccano per cose che il comune cittadino non comprende.

C'è una politica fatta di segreti retroscena e pugnalate alle spalle.

Ma c'è anche qualcuno che nel frattempo - magari su un sottomarino - può ascoltare indisturbato le telefonate dei big della politica (o dell'economia).

Dal fondo del Mediterraneo si può intercettare la telefonata segreta di D'Alema, di Fassino, di Prodi, di Rutelli. O di un ministro. O di un'azienda italiana. I parlamentari più sensibili farebbero bene a sollevare il problema. Non è un film quello che racconteremo.

Cominciamo con il trasferimento del "grande orecchio" di Echelon da San Vito dei Normanni a Taranto, sede del più importante nodo del sistema di spionaggio americano C4i.

E passiamo in particolare ad un elemento non secondario: gli Stati Uniti continuano a mantenere nel Mediterraneo i loro sommergibili a propulsione nucleare senza alcuno scopo operativo plausibile.

Perché?

Non vi è infatti alcuna minaccia militare navale nel Mediterraneo.

Cerchiamo allora di capirci qualcosa, visto che i leader dell'Ulivo sono indaffarati a concentrasi su altre cose più importanti.

Prendiamo da una buona biblioteca "La guerra moderna", un librone tecnico-militare scritto da Luttwak e Koehl (Rizzoli editore) che ordina tutte le informazioni come un dizionario. Alla voce "sottomarino" apprendiamo che i sottomarini "in origine erano destinati alla difesa costiera" e poi nel corso del tempo "si sono rilevati importanti sistemi d'arma offensivi". Infatti "dal 1945 il sottomarino è diventato il tipo di unità navale dominante, non solo per l'attacco alle unità militari e mercantili, ma anche per gli attacchi contro il territorio nemico e la lotta antisom".

Questo che vuol dire?

Che i sottomarini nucleari americani non servono attualmente nel Mediterraneo: eppure ci sono.

Non abbiamo bisogno di alcuna difesa costiera verso nazioni che minacciano un attacco, né gli Stati Uniti hanno bisogno di attaccare alcuna nazione del Mediterraneo.

La Libia? I militari libici stappano lo spumante a Taranto e fanno esercitazioni congiunte nella base Nato di Chiapparo. L'Italia ha inaugurato una stagione inedita di collaborazione con la marina militare di Gheddafi. Il Capo di Stato Maggiore della Marina Libica, Brigadiere Hamdi Al Shibani Al Swehli, ha incontrato l'Ammiraglio Sergio Biraghi, Capo di Stato Maggiore della Marina Miltare Italiana, per definire concretamente lo sviluppo di una più stretta collaborazione tra le due Marine.

Quali sono dunque i motivi per cui i sottomarini americani gironzolano ancora nel Mediterraneo in assenza di "nemici"?

Qui giungiamo allo spinoso capitolo della progressiva conversione dei sottomarini Usa in strumenti di spionaggio che completano, dalla profondità degli abissi, quell'opera che Echelon compie dall'alto dei satelliti . Decine di migliaia di chilometri di cavi subacquei infatti uniscono l'Europa al Nord Africa e al Medio Oriente. Sono in gran parte gestiti dalla Flag Telecom Holding Ltd.

I sottomarini a propulsione nucleare possono rimanere in fondo al mare molto di più rispetto ai sottomarini diesel-elettrici. "Il tallone d'Achille dei sottomarini diesel-elettrici risiede nella limitata capacità delle loro batterie. Una volta scaricate le batterie essi devono riemergere per caricarle", si legge sul librone di Luttwak e Koehl. I sottomarini nucleari Usa non hanno bisogno di riemergere mentre è magari in corso una interessantissima conversazione telefonica. La ragione della presenza dei sottomarini nucleari nel Mediterraneo non è più strettamente "militare" ma riguarda il controllo politico ed economico delle nazioni europee.

Forse così capiremo meglio perché sbattono inspiegabilmente sul fondale (i cavi telefonici sono sui fondali) come è accaduto al sottomarino nucleare Hartford nell'ottobre del 2003 o perché nel giugno del 2001 il sottomarino spia americano NR-1 è finito contro un peschereccio pugliese nel mare di Brindisi.

Ma i comandi militari americani sono esenti da ogni processo. Viene invece processato il ciclista americano Joshua Kinberg, un mediattivista che è stato arrestato per aver ideato una bicicletta collegata ad Internet senza fili che stampa sull'asfalto (con vernice lavabile ed ecologica) le scritte contro la guerra inviate dal web.
Joshua Kinberg, il mediattivista arrestato negli Usa per la sua bicicletta ipertecnologica


Se non possiamo bloccare i sottomarini Usa, possiamo almeno sostenere Joshua.

Il suo email è: info@bikesagainstbush.com
Il suo sito è http://www.bikesagainstbush.com

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy