Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Violenza (2001)

    Le bombe sono sempre reazionarie

    11 aprile 2001 - Enrico Peyretti

    Chi mette le bombe o è un cinico o è un fesso. In ogni caso, è un delinquente, nemico della politica.
    E' un cinico se è al servizio di chi punta sulla paura e l'insicurezza per vincere le elezioni, criminalizzando ogni sinistra. E in tal caso, fessi sono gli elettori che cadono nella trappola.

    E' un fesso se crede di essere di sinistra e di fare con la bomba qualcosa contro gli Stati Uniti, contro la Fiat, contro la globalizzazione iniqua, contro la destra. E' un gran fesso perché lavora gratis, e completamente a proprio rischio, a servizio di chi vuol dimostrare che ogni critica della violenza economica e strutturale è violenza omicida e criminale.

    Con l'aiuto dei cinici e dei fessi, la destra, che fa l'indignata, ride sotto i baffi, perché le bombe, come ogni strategia della tensione, giocano a suo vantaggio. A meno che il popolo non sia o non diventi abbastanza smaliziato, libero dalla pubblicità politica, capace di smascherare il gioco indegno.

    Chi vuole criticare davvero, efficacemente, la violenza economica che domina il mondo, deve scegliere e imparare la protesta positiva e costruttiva della più pura nonviolenza attiva e profonda, spirituale; deve dissociarsi decisamente da chi resta ambiguo e disposto a giustificare o tollerare lo scontro fisico, le minacce, gli esplosivi, il terrore, fino all'omicidio, nell'illusione stupida di andare così verso una società senza violenza né economica né fisica, senza sfruttamento e senza guerra. Chi usa o giustifica i mezzi violenti cade in una assurda contraddizione logica e morale, ottiene effetti del tutto controproducenti, rende un gradito servizio agli autori delle maggiori violenze sistematiche, che per giunta invece di ringraziarlo lo condanneranno come unico violento.

    Tutto ciò vale - ricordiamolo ancora una volta - per la protesta a Genova in luglio contro la politica dei G8. E' già cominciata la campagna, aiutata dalle bombe, per la quale chiunque denuncia la violenza strutturale è un violento bombarolo. Sapremo dimostrare il contrario?

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy