Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Esce in italiano il libro di Arkadij Babcenko sulla sua esperienza di soldato in Cecenia

    Coscienza e soldati russi

    Una riflessione di Elena Murdaca, traduttrice del libro, sui soldati russi in Cecenia.
    13 marzo 2011 - Elena Murdaca
  • In Russia, an intensifying insurgency

    Under crackdown, Chechen separatism turns into a regional Islamist revolt
    30 ottobre 2009 - Philip P. Pan
  • 19 gennaio 2009: in Russia il diritto è stato ucciso

    Ancora una volta, chi si batte per la difesa dei diritti umani in Russia paga con la propria vita. Le parole di Anna Politkovskaja raccontano il coraggio dell'avvocato Stanislav Markelov
    20 gennaio 2009 - Elena Murdaca
  • Memorie sotto sequestro
    Memorial Russia, sequestrate le memorie dei gulag

    Memorie sotto sequestro

    L'appello contro il sequestro del materiale informatico del centro di ricerca scientifica e attività informativa "Memorial" di San Pietroburgo, che mette a rischio la memoria delle vittime della repressioni sovietiche
    11 dicembre 2008 - Maddalena Parolin e Elena Murdaca

Un peaceLinker in Cecenia

[[Img859]]Il 18 maggio 2000 partiro' per la Cecenia assieme ai volontari dell'"Operazione Colomba", il corpo civile di Pace di Rimini
15 maggio 2000 - Carlo Gubitosa

Premetto che non sono assolutamente convinto di mettere a repentaglio la mia vita: ormai i russi hanno fatto terra bruciata e i ribelli sono ormai quattro gatti nel sud della regione (io entrero' da nord) che si divertono ogni tanto a sabotare qualche convoglio militare. Per cui, a meno che non decida di indossare la divisa dell'esercito russo e fare una passeggiata per le strade di montagna, non credo di correre grossi rischi.

Sono convinto che la paura di morire, e in genere tutte le paure, non impediscano di morire, ma impediscano di vivere.
Speciale Cecenia
A darmi sicurezza c'e' anche la presenza di Andrea Pagliarani (dimenticavo: siamo in quattro a partire), un volontario dell'"Operazione Colomba" che oltre ad essere gia' stato in Cecenia ha anche vissuto in prima persona i recenti disordini a Timor est e diversi capitoli della guerra in Jugoslavia. Non e' un "duro", anzi e' un ragazzo abbastanza esile di corporatura e molto riservato, ma ha uno sguardo sicuro e soprattutto e' una persona che riesce a seguire il cuore con la testa, senza facili sentimentalismi o entusiasmi passeggeri, ma con lucida determinazione.

In Cecenia sta avvenendo da anni un massacro silenzioso, di cui fanno le spese soprattutto le popolazioni civili grazie all'omerta' dei governi occidentali, che non possono di certo attaccare la Russia con bombe intelligenti per ripristinare i diritti umani, perche' in questo caso l'"effetto collaterale" delle bombe sarebbe la terza guerra mondiale.
Operazione Colomba
Oltre all'omerta', va aggiunto anche lo sciacallaggio, il business delle armi fatto sui cadaveri dei profughi civili. I civili in Cecenia non hanno nessun tipo di tutela anche perche' la comunita' internazionale che dovrebbe tutelare i loro diritti ha scelto invece di tutelare a tutti i costi gli scambi militari ed economici.

Il Caucaso rappresenta il centro vitale per il controllo delle condotte petrolifere utilizzate per lo sfruttamento del greggio e del gas naturale del Mar Caspio. Ancora una volta gli interessi economici e commerciali prevalgono sulle vite umane. Il gruppo verde dell'Europarlamento aveva lanciato un appello al vertice UE di Helsinky chiedendo "sanzioni" contro Mosca, ma le potenze occidentali dicono "niente sanzioni economiche". La scarsa reazione da parte dei paesi della comunità internazionale favorisce quello che sta accadendo in Cecenia.

Oltre all'omerta' e allo sciacallaggio, infine, dobbiamo aggiungere anche la complicita': negli ultimi anni l'Italia ha esportato verso la Russia un ingente quantitativo di armi, e negli ultimi mesi del 1999 l'Italia ha ratificato, con le leggi n. 398 e n. 397, l'accordo di cooperazione militare con la Russia e quello relativo all'industria per la difesa di Mosca, entrambi firmati a Roma nel novembre 1996.

La Camera dei Deputati ha approvato i provvedimenti proprio mentre erano in corso i bombardamenti con cui la Russia ha devastato la Cecenia, che hanno causato molte vittime e decine di migliaia di profughi. Gli accordi sono di notevole valenza politica, in quanto sono i primi del genere stipulati fra Paesi che al tempo della guerra fredda erano nemici.

Alla luce di questi fatti, risulta chiaro che faccio parte di un paese omertoso, che preferisce discutere di arbitri e gol annullati anziche' interrogarsi sulle sofferenze altrui, un paese sciacallo, che pur di commerciare include tra i suoi partner economici anche assassini e malfattori, come hanno fatto la Telecom e la Stet facendo grossi affari con Milosevic fino al giorno prima dei bombardamenti Nato, un paese complice, che fornisce agli stati repressivi le armi con cui alimentare i conflitti.

Ora, delle due l'una: o mi tappo gli occhi e le orecchie e mi rinchiudo in casa e vedermi tutte le puntate registrate di "Un medico in famiglia" dal 1998 ad oggi oppure, dicevo, decido di essere un protagonista e non uno spettatore della storia del mio tempo.
Poiche' non mi piace fare lo struzzo, il 18 partiro' per la Cecenia, e al mio ritorno cerchero' di raccontare le cose che ho visto per svergognare il maggior numero di commercianti di armi, politici complici di assassini e giornalisti imbavagliati e venduti.

Ma queste, dicevo, sono le motivazioni semplici, quelle nobili e disinteressate, che mi spiegano in parte ma non totalmente che diamine vado a fare in mezzo ai russi quando qui e' gia' estate. Ci sono poi delle altre ragioni, che sono piu' complicate perche' neanche io riesco a spiegarle fin in fondo.

Forse ha qualcosa a che fare con la grande sensazione di liberta' che ho provato verso i nove anni quando sono uscito di casa da solo per la prima volta, la consapevolezza di poter girare liberamente per la citta', di poter scegliere ad ogni angolo se girare a destra o a sinistra, se andare diritto o tornare indietro, senza piu' seguire il percorso obbligato segnato dai passi di mia madre. La sensazione di essere libero di fermarmi e camminare, di guardare le vetrine o la gente, di restare in Italia o andare dall'altro capo del mondo, di stare zitto e coltivare il mio orticello o guardare negli occhi i potenti della terra e dire "tu non mi freghi. Puoi fregare i giornalisti che paghi, l'opinione pubblica che ammansisci, ma non me. Io ho avuto il tempo di leggere, chiedere e capire, e forse avro' anche il tempo di sbugiardarti per bene".

Non credo di fare nulla di particolarmente rischioso, sono andato diverse volte sulla tangenziale est di milano (il posto con il piu' alto tasso di mortalita' in Italia) e non ho mai avuto paura del rischio che correvo. Non vedo perche' dovrei pisciarmi sotto solo per andare a stare un po' di giorni a fare quello che gli operatori della Caritas locale fanno gia' da mesi e che continueranno a fare per altri mesi dopo che me ne saro' andato.

Oltre alle motivazioni "facili" ed umanitarie, le mie motivazioni complicate riguardano qualcosa di piu' profondo, la sensazione che solo vivendo fino in fondo la mia vita, il mio tempo, la mia storia e le mie esperienze posso sentirmi pienamente uomo e pienamente me stesso.

Sarebbe comodo per me mandare tutto a quel paese e badare ai fatti miei, in fin dei conti mi mancano tre settimane alla fine del servizio civile e ho ancora 17 giorni di licenza da sfruttare.

Non credo pero' nelle soluzioni facili e nelle soluzioni comode, mi hanno gia' tradito in passato. Nell'estate del 1992 o del 1993, non ricordo bene, leggendo un annuncio su "Cuore", avevo sentito una "vocina", una luce interiore, un moto interiore che mi spingeva a dare la mia adesione ad una marcia di pace in Jugoslavia, una marcia passata alla storia come la "Marcia dei 500" su Sarajevo, guidata da Don Tonino Bello. Un gruppo di pazzi in marcia verso una citta' assediata in piena guerra. In quella occasione ho rinunciato a partecipare perche' la mia vita mi sembrava troppo preziosa per buttarla via. A distanza di sette anni vado in Cecenia esattamente per la stessa motivazione. Quella vocina luminosa di sette anni fa finalmente e' riuscita a farsi sentire e ad esprimersi.

Note:

Carlo Gubitosa e' nato a Taranto 29 anni fa ed e' segretario di PeaceLink. Sta facendo l'obiettore di coscienza a Rimini presso Associazione Comunita' Papa Giovanni XXIII di Rimini, nel Corpo Civile di Pace denominato Operazione Colomba (tel.0541/753000).
Dopo la riforma della legge sull'obiezione di coscienza ora e' possibile per gli obiettori recarsi all'estero per missioni di pace.
Carlo Gubitosa, oltre che capo scout, e' un esperto di Internet e telecomunicazioni. Collabora con vari giornali ed ha vinto l'edizione 1999 del Premio Giornalistico SMAU.
E' autore di libri sulla telematica sociale, fra cui "Oltre Internet", della Editrice Missionaria Italiana (EMI).
Il suo indirizzo di posta elettronica e' c.gubitosa@peacelink.it Durante la missione in Cecenia verranno mantenuti i collegamenti telefonici con l'ente di servizio civile e PeaceLink ne dara' un costante resoconto sul sito.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy