Editoriale

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga
    La verità nascosta

    Guerra umanitaria in Kosovo? Hanno espiantato organi e trafficato droga

    Una guerra voluta dalla Nato e che D'Alema difese perfino in un libro titotalo "Gli italiani e la guerra"
    15 dicembre 2010 - Alessandro Marescotti
  • I Rom: dal Kosovo al Casilino 900

    Storia incredibile di alcune famiglie rom, imparentate tra loro, che dagli anni novanta in poi, quando il clima sociale e politico in Kosovo cominciava a farsi pesante, lasciarono le loro case per raggiungere l'Italia. Pensavano di essersi lasciati alle spalle l'inferno. Arrivarono, invece, al CASILINO 900.
    10 settembre 2009 - Raffaele Coniglio
  • D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato
    L'appello pubblico di PeaceLink: "Bisogna chiedere scusa alle vittime innocenti"

    D'Alema, vittima dei bombardamenti Nato

    Il messaggio è arrivato ai suoi indirizzi e-mail, che vengono letti dai suoi assistenti, tra l'altro pagati anche con i nostri soldi. Il risultato è stato il silenzio assoluto. Questa è la coscienza di Massimo D'Alema.
    28 maggio 2009 - Alessandro Marescotti
  • A dieci anni dal bombardamento NATO della televisione nazionale serba
    Furono uccise 16 persone e violate le Convenzioni di Ginevra

    A dieci anni dal bombardamento NATO della televisione nazionale serba

    Oggi chiediamo che l'allora Presidente del Consiglio Massimo D'Alema offra pubblicamente le proprie scuse ad ognuna delle vittime con un atto formale e solenne.
    19 aprile 2009 - Alessandro Marescotti
Mentre i pacifisti sostenevano la mobilitazione non-violenta in Kossovo, i "potenti della terra" facevano finta di niente

Kossovo quando l'indifferenza genera guerra

11 marzo 1998 - Alessandro Marescotti

Su PeaceLink ci eravano già occupati del Kossovo dando informazioni sulla mobilitazione non-violenta promossa dalla Campagna Kossovo il 10 ottobre 1997. Scrivevamo: "Ma perche' la comunita' internazionale intervenga per il rispetto dei diritti umani in Kossovo occorre che il conflitto si espasperi e degeneri in guerra? Come mai la non-violenza sembra non attirare l'attenzione della comunita' internazionale? E' proprio vero cio' che pensano i nazionalisti, ossia che solo con la guerra si puo' contare nelle trattative internazionale?"
Questi interrogativi sono oggi di drammatica attualità e pesano sulla coscienza indifferente dei capi di governo. Riportiamo questa settimana una sintesi dell'appello della Campagna Kossovo per una soluzione non-violenta del conflitto.

<font FACE="Kana" SIZE="4"><p ALIGN="CENTER">APPELLO</p></font>

 

Al Segretario Generale dell’ONU e ai membri del Consiglio di Sicurezza

All’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani

Al Chairman in Office dell’OSCE

Alla Presidenza e all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa

Alla Presidenza dell’Unione Europea

Al Presidente del Parlamento Europeo

Al Gruppo di Contatto

A tutti i media internazionali

 

 

NOI, Organizzazioni Non Governative e Associazioni di base, impegnate da molti anni per una soluzione pacifica e non-violenta della questione del Kossovo, riuniti a Bolzano per esaminare la situazione in Kossovo, estremamente scossi dalle recenti azioni violente che hanno causato morti, feriti e l’arresto di cittadini inermi, che esasperano la tensione e provocano una reale minaccia alla pace regionale

 

VOGLIAMO SOTTOLINEARE CHE

 

1. Non é possibile giustificare gli attacchi della Polizia serba e dell’Esercito che hanno avuto luogo a partire dal 28 Febbraio nella zona di Drenica come operazioni anti-terrorismo. Il cannoneggiamento di case private, l’uccisione di civili, compresa una donna incinta e persone dai 16 ai 70 anni, la mutilazione di cadaveri, sono palesi violazioni dei diritti umani.

2. Il prevedibile effetto di questa operazione non é l’eliminazione del cosiddetto Esercito di Liberazione del Kossovo (UCK), ma il rafforzamento delle simpatie popolari tra gli albanesi del Kossovo per una lotta violenta e armata. La politica non-violenta perseguita per 10 anni ha sinora prevenuto l’estendersi della guerra nella regione del Kossovo. La mancanza di miglioramenti della situazione ed i recenti attacchi possono seriamente danneggiare questa opzione non-violenta.

3. Ancora ci sono forze che possono continuare la politica non-violenta, ma il loro compito é impossibile senza un radicale cambiamento dell’atteggiamento pratico, il supporto e l’effettivo aiuto della comunità internazionale.

4. Le proteste pacifiche (violentemente represse) organizzate dall’Unione Indipendente degli Studenti dell’Università di Prishtina (UPSUP), sono un chiaro esempio di un movimento non-violento per ottenere il ritorno negli edifici scolastici e universitari. Questo obiettivo é in effetti lo stesso previsto dall’Accordo Milosevic-Rugova sull’educazione, di cui molti governi e organizzazioni internazionali hanno chiesto l’implementazione per più di 18 mesi.

5. E' molto importante che le elezioni in Kossovo (del Parlamento e della Presidenza dell´auto-proclamata Repubblica di Kosova) previste per il 22 di marzo, si svolgano in maniera pacifica. In questo momento critico, in cui UCK sta acquistando sempre maggior visibilità é molto importante lasciare uno spazio di espressione al popolo albanese per un’alternativa democratica.

LA QUESTIONE DEL KOSSOVO E' UNA QUESTIONE INTERNAZIONALE; CHE RISCHIA L’ESCALATION VERSO UNA NUOVA GUERRA NEI BALCANI. LA COMUNITA' INTERNAZIONALE DEVE ADOTTARE LE SEGUENTI MISURE:

 

  • Premere con la massima forza sul governo della Repubblica Federativa di Jugoslavia (Serbia e Montenegro) per fermare immediatamente le operazioni militari e la repressione poliziesca in Kossovo, anche tramite la reimposizione delle sanzioni economiche.
  • Richiedere con la massima forza il ritiro delle forze poliziesche e militari recentemente dispiegate in Kossovo, e la smobilitazione delle organizzazioni paramilitari, di civili e profughi armati. Nello stesso tempo i partiti albanesi del Kossovo devono chiedere la fine immediata di ogni atto dell’UCK. La prospettiva dovrebbe essere di Un Kossovo smilitarizzato.
  • Organizzare l’accesso delle organizzazioni internazionali umanitarie a tutto il territorio del Kossovo senza limitazioni, specialmente nelle zone dove è necessario soccorso medico d’emergenza.
  • Creare immediatamente una commissione ad hoc delle Nazioni Unite per scoprire la verità sui massacri di Drenica, e incaricare il Tribunale Penale Internazionale per la ex-Jugoslavia di investigare su di essi.
  • Assicurare una presenza internazionale (membri dei governi democratici, parlamentari, organizzazioni internazionali, associazioni della società civile e partiti politici, media internazionali) alle manifestazioni degli studenti previste per venerdì 13 marzo e alle elezioni di domenica 22 marzo.
  • Premere per il ritorno degli osservatori dell’OSCE, espulsi nel 1993, e ristabilire la loro presenza su tutto il territorio del Kossovo.
  • Scegliere un Alto Rappresentante Internazionale per affrontare il problema del Kossovo, con un mandato forte per implementare misure di confidence building: normalizzazione nei campi dell’istruzione, della salute, della giustizia. dei media e della pubblica amministrazione.
  • ORGANIZZARE UNA CONFERENZA GOVERNATIVA INTERNAZIONALE PER RISOLVERE I PROBLEMI REGIONALE DEI BALCANI ENUNCIANDO PRINCIPI CONDIVISI E APPLICANDOLI COERENTEMENTE.

 

 

 

Campagna per una Soluzione Non-violenta in Kossovo (Italia)

Società per i Popoli Minacciati (Sud Tirolo, Italia)

Fondazione Bertelsmann (Germania)

Assemblea dei Cittadini di Helsinki

Movimento per un’Alternativa Nonviolenta - MAN (Francia)

Pax Christi Internazionale

Peaceworkers (USA)

 

Bolzano, 8 marzo 1998

E in particolare segnaliamo i contatti chiave per avere informazioni aggiornate sulla Campagna Kossovo:

Segreteria Campagna Kossovo
c/o Etta Ragusa
c.p. aperta 8
Grottaglie (TA)
tel.099/5662252-5661344

Per la posta elettronica:
Simone Ginzburg
Via Lionello Spada 49
40129 Bologna Italia
tel: 051/6310081
ginzburg@area.bo.cnr.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy