FinestraSud

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    I "figli invisibili"

    Discriminazione a scuola

    [[Img1579]]
    I bambini, figli di immigrate "irregolari", perchè prive di permesso di soggiono, non hanno diritto ai buoni mensa, buoni libri e al pulmino che li raccoglie prima delle lezioni e li accompagna alla fine del tempo scolastico.
    20 dicembre 2003 - Padre Giorgio Poletti
    Fonte: Missionari Comboniani di Castel Volturno

    Discriminazione a Scuola

    Alcune mamme africane sono venute da noi con i loro bambini, arrabbiate e con la decisione di manifestare contro le autorità. Le ho ascoltate: i loro bambini/e nati in Italia, alcuni nati addirittura da padri italiani che hanno poi abbandonato la donna africana e i figli e frequentanti le scuole di Castel Volturno, non hanno diritto al buono mensa per la materna e le elementari, al buono trasporto per le elementari e le medie e al buono libri per le elementari e le medie. Queste mamme africane sono “illegali”, non hanno, o gli è scaduto il permesso di soggiorno, quindi i bambini non hanno il diritto a quelle facilitazioni che sono proprie dei poveri e di cui i bambini/e italiani usufruiscono. In passato Padre Franco, Fr.Nicola e io stesso abbiamo cercato di ottenere questi buoni per i bambini africani ma abbiamo sempre avuto risposta negativa dai Servizi Sociali del Comune perché la volontà politica è quella di non aiutare gli immigrati e in particolare gli irregolari. Di questo siamo testimoni perché in passato ci siamo trovati in Comune davanti a proposte anche della Regione continuamente eluse dalle autorità comunali con l’affermazione che loro per gli immigrati non vogliono fare niente. Queste sono parole testuali ascoltate da un assessore e dai suoi aiutanti.
    E’ probabile che tecnicamente ci fosse stata una possibilità ma è sempre stata elusa dalle autorità competenti. Così nel 2003 ci troviamo ancora davanti a questa discriminazione.


    Il caso sta venendo alla luce e diventando attraverso i mass media di dominio pubblico.
    Le mamme africane si sono costituite in un movimento pacifico a difesa dei diritti dei loro bambini/e decise ad andare avanti. Queste mamme si incontrano settimanalmente negli ambienti della parrocchia per parlare tra loro e per crescere nella coscienza dei loro diritti fondamentali come esseri umani. I loro bambini/e sono fondamentalmente italiani perché nati in Italia e parlano correttamente l’italiano e faranno parte delle future generazioni italiane, con il loro colore nero.
    Non si può negare a un bambino/a una refezione calda a scuola nel pasto di mezzogiorno, come il pulmino o i libri a chi ne ha bisogno… Ma la terra dove vivo ha progetti diversi…e si dimentica dell’istruzione e della formazione, tanto per qualcuno a cosa servono!
    Le difficoltà scolastiche, ad usufruire di quei servizi che vengono messi a disposizione degli immigrati poveri fanno sì che molti bambini non vadano a scuola e vivano senza istruzione al margine della società civile. E’ stato questo il grido di denuncia della direttrice del II Circolo di Castel Volturno che ha chiamato questi bambini : i bambini invisibili…

    Padre Giorgio Poletti

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy