FinestraSud

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Aggiornamenti dell'ultima Ora

    Aggiornamenti

    I missionari presenti in Sicilia ci tengono aggiornati sulla situazione dei 37 profughi
    18 luglio 2004 - Missionari Comboniani Castel Volturno
    Fonte: Comboniani Agrigento e Castel Votlurno in Sicilia

    Castel Volturno 18/07/04 Ore 18:19

    In questo tempo siamo in attesa degli sviluppi legali della situazione, sia per quello che riguarda i 14 profughi della CAP Anamur rinchiusi nel CPT di Ponte Galeria (ROMA) come degli altri 22 attualmente rinchiusi nel Centro di Identificazione di Caltanissetta (Pian del Lago).
    Per quelli di Ponte Galeria in rischio di deportazione, sono al lavoro gli avvocati per bloccare l’ordine di espulsione considerato incostituzionale perché non sono state osservate le procedure legali. Per quelli di Caltanissetta siamo ancora in attesa della decisione finale della commissione inviata dal Ministero, anche se informazioni che ci arrivano da varie parti danno come possibile per loro il permesso di soggiorno per motivi umanitari.
    Pensiamo che la rete abbia svolto e continui a svolgere un ottimo lavoro.
    Ci teniamo informati sui prossimi sviluppi della situazione.

    Missionari Comboniani Castel Volturno

    -------------------------------------------------------

    CAP Anamur 17/07/04 Ore 16:45

    I Missionari Comboniani stanno facendo una richiesta formale al Ministero degli Interni e al Prefetto di Caltanisetta di poter accogliere nelle proprie comunità i 22 rifugiati rimasti nel CPT di Caltanisetta.

    ----------------------------------------------------

    CAP Anamur 17/07/04 Ore 15:15

    Dopo l’incontro in prefettura con i sindaci delle varie città d’Italia, si sono recati al CPT di Caltanisetta dove i sindaci speravano di entrare nel CPT. Sono però stati bloccati e non fatti entrare.
    Nel CPT sono entrati solo alcuni deputati con due interpreti uno per inglese e uno per l’arabo.
    Per quanto riguarda i 14 portati a Fiumicino ora si trovano nel CPT di Ponte Galeria, in attesa di essere rimpatriati.

    ------------------------------------------------

    CAP Anamur 17/07/04 Ore 12:00

    Si è concluso ora l’incontro tra il prefetto di Caltanisetta, i sindaci e i rappresentanti di diverse città Italiane, per Venezia è presente Beppe Caccia, che si sono offerti di dare accoglienza ai profughi della CAP Anamur orma i ridotti a 22. infatti questa notte 14 di loro sono stati portati a Fiumicino, era presente l’avvocato Marco Paggi dell’ASGI. L’incontro di questa mattina rivela come ancora una volta in materia di immigrazione i prefetti non hanno nessuna autorità ma siano semplici pedine dipendenti in tutto e per tutto dal ministero. In questa situazione siamo di fronte ad una vera e propria sospensione dei principi democratici e alla completa inosservanza delle leggi, gli avvocati testimoni di questo incontro invocano invano gli articoli della nostra costituzione. Il prefetto in chiara difficoltà è ancora una volta una dimostrazione palese di come tutto si decida a Roma.

    ----------------------------------------------

    Alle 11:30 di questa mattina ho ricevuto telefonicamente notizia dai Padri Comboniani di Castel Volturno che questa notte, intorno alle 4:00 un mezzo con a bordo tre o quattro persone bianche e un numero non meglio identificato di extra comunitari (forse 14) si è allontanato dal CPT di Pian del Lago (Caltanisetta) e si è diretto verso l'areoporto di Fiumicino per reimpatriare gli immigrati verso la Nigeria. In questo momento una serie di persone appartenenti a varie Associazioni sono presso l'areoporto romano per cercare di comprendere l'accaduto ed eventualemente bloccare con una manifestazione l'illegale rimpatrio, che avverrebbe contravvenendo qualsiasi forma di rispetto della legge e di accoglienza umanitaria. Contestualmente alla stessa telefonata Padre Nascimbene chiede sensibilità nella diffusione della notizia ed eventualmente forme di sit-in presso l'areporto di Fiumicino.

    Paola

    -----------------------------------------------

    Caltanisetta 16/07/04 Ore 16:15

    Questa mattina si è riunito il GIP per confermare o no l’arresto del comandante, del primo ufficiale e del armatore della CAP Anamur, dopo lunghe conversazioni hanno deciso di dare loro la libertà in attesa del processo. Da pochi minuti sono usciti dal carcere.

    -----------------------------------------------

    Caltanisetta 15/07/04 Ore 19:30

    Sono ancora in corso i colloqui della commissione venuta da Roma per esaminare i casi dei rifugiati dell’Anamur. Le probabilità per i rifugiati di ottenere il permesso d’asilo sembrano molto scarse, non è comunque detta l’ultima parola.
    Alle ore 16:30 ad Agrigento c’è stata una manifestazione con 300 persone.
    I due deputati Tana De Zulueta e Tiziana Valpiana sono entrate oggi nel CPT di Caltanisetta per visitare i 37 rifugiati. Durante la loro visita hanno spiegato ai rifugiati che c’è la possibilità di fare la richiesta di un avvocato. Hanno inoltre consegnato ai 37, i nomi di alcuni avvocati della zona che si sono resi disponibili per un eventuale ricorso in caso di espulsione.

    Si invitano le varie città ad organizzare pressioni iniziative etc.

    ------------------------------------------

    Agrigento 14/07/ Ore 22:50

    I profughi sono nel CPTA di Caltanisetta dove la commissione procede con l’intervista dei profughi.

    Domani Giovedì 15 davanti alla questura prefettura di Agrigento ci sarà una grande manifestazione proclamata dalle associazioni Ecclesiali e Politiche della Sicilia.
    Arriveranno alcuni deputati da Roma per visitare il CPT di Caltanisetta.

    Il Venerdì 16 ci sarà la prima udienza dove il GIP deciderà se convalidare l’arresto del comandante, del primo ufficiale e dell’armatore della nave CAP Anamur.
    E’ in programma una manifestazione a Palermo

    E’ bene appoggiare con iniziative e manifestazioni alla prefettura a seconda delle proprie possibilità.

    --------------------------

    Caltanisetta 14 / 07 2004 Ore 18:0 0
    In questo momento la commissione venuta da Roma sta intervistando i 37 rifugiati che sono stati trasportati dal CPT di Agrigento al CTP di Caltanisetta (Pian del Lago)

    --------------------------

    Agrigento 14 / 07 2004 Ore 16:00

    Oggi le forze dell’ordine del CPT di Agrigento sono intervenuti sul sit-in di giovani davanti all’entrata del CPT. C’è stato un finto incendio all’interno del CPT per distogliere l’attenzione dei giovani. I giovani hanno resistito all’intervento della polizia. Alcuni giovani sono stati picchiati, le forze dell’ordine sono riuscite a rompere il sit-in dei manifestanti. Cinque macchine della polizia seguite dal bus con sopra i 37 rifugiati si sono diretti verso il CPT di Caltanisetta (Pian del Lago).
    Associazioni e gruppi si mobilitano per contestare questa azione accelerata del ministero, chiedendo che si segua la prassi legale. A Caltanisetta arriverà la commissione del ministero, per intervistare i rifugiati, una prassi accelerata che lede i diritti di questi profughi. Ieri il console sudanese è stato presente all’interno del CPT di Agrigento, e non ha riconosciuto i profughi come sudanesi. Pertanto facciamo notare che il console rappresentando il governo è la parte contraria, non dimentichiamo che i profughi stanno scappando dal loro paese. L’associazione la Misericordia ha presentato la domanda di asilo politico, ma la procedura non è completa, collegi di avvocati si stanno mobilitando per intervenire legalmente. Chiediamo una vostra adesione dalle varie città d’Italia. Prefetture Questure fate qualche cosa corretto legale ma fate qualche cosa.

    --------------------------

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy