Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

Colombia: preoccupazione per le pesanti minacce al giornalista Cristiano Morsolin

30 aprile 2005 - redazione reporter associati

Riceviamo e volentieri pubblichiamo
Roma, 29 Aprile 2005. L’Osservatorio ha ricevuto con grande preoccupazione informazioni a proposito di presunti atti persecutori contro l’educatore italiano Cristiano Morsolin, coordinatore dell’Osservatorio Indipendente sulla Regione Andina "Selvas.org", che si occupa di progetti sociali orientati alla difesa dei diritti umani in America Latina e, più specificatamente in Colombia, dal dicembre 2004.

Le minacce e le persecuzioni contro Cristiano Morsolin sono aumentate dopo le denuncie da lui effettaute a seguito del massacro perpetrato nella Comunidad de Paz di San José de Apartadó lo scorso 21 febbraio (si veda “Appello Urgente” dell’Osservatorio COL 002/0205/OBS 017) In base alle informazioni, il 7 aprile 2005, Cristiano Morsolin ha ricevuto un messaggio contenente minacce in cui lo si informa che i paramilitari "stanno cercando un giornalista italiano."

In questo messaggio si fa riferimento anche al fatto che il governo colombiano e l’esercito non si conformano alle reazioni internazionali suscitate dalla diffusione al di fuori della Colombia degli articoli di Cristiano Morsolin sul massacro. Inoltre, l’8 aprile verso le 8 di mattina, un uomo, apparentemente un contadino, è rimasto poco più di un’ora di fronte all’abitazione di Morsolin.

Per tale ragioni Cristiano Morsolin ha dovuto cambiare casa e dopo la sua partenza, la stessa è stata messa sotto controllo permanente da persone non identificate; e durante lo stesso periodo è stata notata la presenza di uomini armati nelle vie circostanti. Secondo le informazioni, l’11 aprile 2005, una Chevrolet bianca senza targa, con la luce accesa e una persona all’interno, è rimasta davanti agli uffici di CENSAT-Agua Viva (organizzazione ambientalista con la quale collabora Cristiano Morsolin e appartenente alla rete internazionale "Friends of the Earth International/ Amici della Terra Internazionale") a Bogotà, dalle 14 alle 19.15, quando Morsolin è uscito.

La stessa macchina è stata vista ancora nei pressi degli uffici del CENSAT il 15 e il 21 aprile, rispettivamente verso l’una e mezza e le 9 del mattino. Sempre secondo le informazioni in possesso, Cristiano Morsolin ha iniziato a lavorare sulla situazione dei diritti umani in Colombia nel dicembre 2004 in collaborazione con la “Piattaforma colombiana per i diritti umani, la democrazia e lo sviluppo”, per realizzare un rapporto dal titolo "Rielezione: la Stegoneria Continua" riferendosi al secondo anno di governo del Presidente Uribe.

Dal marzo 2005, Cristiano Morsolin vive a Bogotà, e ha documentato la mobilitazione della società civile italiana e del Parlamento Europeo, sul massacro avvenuto nella comunità di San José de Apartadó. Cristiano Morsolin è insieme alla difenditrice dei diritti umani Gloria Cuartas, ex sindaco di San José de Apartado e segretaria generale del gruppo politico: "Fronte sociale e politico", che ha denunciato pubblicamente la responsabilità dell’esercito colombiano nel massacro anch’essa attualmente oggetto di minacce e persecuzioni.

In base alle informazioni, per gli stessi motivi di denuncia del summenzionato massacro ha subito minacce anche Padre Javier Giraldo, membro delle Comunità di Pace di San José de Apartadó e autore della relazione "Debito con l’Umanità. Paramilitarismo di Stato: 1988-2003". Padre Giraldo è stato anche direttore della Banca Dati sui diritti umani e la violenza poliltica in Colombia, che pubblica il rapporto "Notte e Nebbia" (pubblicazione trimestrale creata nel luglio 1996 per la diffusione delle informazioni raccolte e sistematizzate dalla Banca Dati sulla Violenza Politica, sotto la responsabilità congiunta del Centro di Ricerche ed Educazione Popolare (CINEP) e la Commissione di Giustizia e Pace).

L’Osservatorio è seriamente preoccupato per l’integrità fisica e psicologica di Cristiano Morsolin, così come per quella di Gloria Cuartas e di Padre Javier Giraldo e ricorda l’obbligo dello stato colombiano di garantire “la protezione, da parte delle autorità competenti, di chiunque, individualmente ed in associazione con altri, contro violenze, minacce, ritorsioni, discriminazione vessatorie di fatto o di diritto, pressioni o altre azioni arbitrarie conseguenti al legittimo esercizio dei diritti” menzionati nella [Dichiarazione sui difensori dei Diritti Umani]" (Art. 12.2).

Note:

Il sito web di “Selvas” - www.selvas.org - dove scrive Cristiano,ha preparato un appello da inviare alle autorita' colombiane :

http://www.selvas.org/APPELLO250405.html

per esprimere tutta la nostra solidarietà e vicinanza.
Cui va aggiunta la solidarietà della redazione dei corrispondenti e dei collaboratori di Reporter Associati
A cui si aggiungono quelli dell'associazione Peacelink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy