Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Otto Pérez Molina, ex-generale di estrema destra, è il nuovo presidente

    Guatemala: un militare al potere

    Le elezioni sono state caratterizzate da un alto tasso di astensionismo
    8 novembre 2011 - David Lifodi
  • Otto Pérez Molina non sfonda e si ferma al 38%

    Guatemala: ballottaggio presidenziale tra le destre

    Ritardi e caos durante lo spoglio elettorale
    13 settembre 2011 - David Lifodi
  • L'ultradestra sfrutta l'insicurezza sociale e rischia di fare il pieno di voti

    Guatemala: Otto Pérez Molina probabile presidente

    Le presidenziali di domenica 11 Settembre si preannunciano senza storia
    6 settembre 2011 - David Lifodi
  • Lettera aperta delle comunità di Cotzal (Quiché, Guatemala)
    Guatemala. La società italiana ENEL e le autorità governative hanno cercato di ignorare i diritti delle comunità Maja sul territorio e le decisioni che lo riguardano

    Lettera aperta delle comunità di Cotzal (Quiché, Guatemala)

    "Noi esigiamo i nostri diritti sulle montagne, i fiumi e i boschi che sono quelli che danno vita alle nostre comunità indigene, alle nostre figlie e ai nostri figli, alle future generazioni, questo è quanto stiamo esigendo dall’ENEL ed il Governo deve rispettare i nostri diritti legittimi"
    8 agosto 2011
Il governo Berger accusato di tollerare le azioni di gruppi armati clandestini contro le organizzazioni per i diritti umani

Guatemala: La Urng denuncia intimidazioni contro i movimenti sociali

L'ex movimento di guerriglia chiede l'immediato scioglimento dei paramilitari
8 luglio 2005 - David Lifodi

La presenza di gruppi paramilitari paralleli o comunque contigui ai governi statali è purtroppo pratica comune in America Latina.
In particolare il Guatemala, uscito nel 1996 (data degli accordi di pace) da una guerra civile in cui il popolo maya ha subito un vero e proprio genocidio pianificato a tavolino dall'esercito e dallo stato, starebbe rischiando di piombare di nuovo nell'incubo dei gruppi armati paramilitari.
La denuncia arriva dalla Urng (Unidad Revolucionaria Nacional Guatemalteca), l'ex movimento di guerriglia adesso riconvertito in partito politico, che in un comunicato stampa parla apertamente del ritorno alle pratiche repressive messe in pratica nel periodo dell'operazione "tierra asada" e della "contrainsurgencia". La Urng si riferisce alla presenza di un gruppo che rivendicherebbe l'autorità di organizzare operazioni di pulizia sociale, la cosiddetta "limpieza social", nei confronti dei movimento sociali guatemaltechi nella zona del vulcano Tolimàn (regione di Sololà). Inoltre gli ex guerriglieri accusano il governo Berger, finora dimostratosi fin troppo tollerante di fronte a questa nuova ondata di violenza e responsabile di dichiarazioni superficiali ed evasive in merito a questo argomento.
Sulla decisa richiesta della Urng di scioglimento immediato di questi gruppi illegali però il governo non si è ancora pronunciato, rifiutando di chiarire di fronte all'intero paese la posizione che intende assumere e tenendo una linea di condotta abbastanza ambigua.
In questo contesto restano difficoltose le condizioni in cui lavorano i movimenti per i diritti umani, sia perché quasi nessun partito si occupa delle condizioni delle popolazioni vittime della guerra civile (che ha causato 200mila morti), sia perché la popolazione non si è ancora scordata le violenze e gli abusi (impuniti) compiuti dalle Pac (Pattuglie di Autodifesa Civile) nei confronti delle comunità. La presenza di strutture clandestine che intimidiscono continuamente la società civile hanno assunto un livello intollerabile e preoccupante, e sembra che dietro la tolleranza del governo Berger ci sia un accordo tra gli Stati Uniti e tutti paesi centroamericani per combattere la delinquenza delle "maras", le gang giovanili che sempre più stanno prendendo piede in Guatemala e El Salvador. Le operazioni di "limpieza social" di questi gruppi clandestini sarebbero utilizzate ufficialmente per combattere la delinquenza, ma in realtà sotto questo apparente obiettivo si celerebbe il tentativo nemmeno poi tanto nascosto di reprimere e intimidire le organizzazioni sociali.
Adesso spetterà al governo Berger chiarire quali sono le sue vere intenzioni.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy