Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Legge bavaglio: limiti a poteri d'indagine e diritto di cronaca e obblighi per i piccoli siti internet
    Riparte la mobilitazione a difesa della stampa e di internet. Wikipedia si autosospende

    Legge bavaglio: limiti a poteri d'indagine e diritto di cronaca e obblighi per i piccoli siti internet

    Ma in questi anni si è accentuato lo sfibramento dei contesti amministrativi - e quindi il privilegio, il baratto politico e la corruzione - è diventata intollerabile la marginalità degli onesti e la criminalità organizzata ha occupato nuovi territori
    Lidia Giannotti
  • Notte bianca della rete
    Ieri a Roma le associazioni hanno promosso una "notte della rete" per la libertà di espressione e di informazione

    Notte bianca della rete

    Continua con incontri e dibattiti la protesta di chi ritiene incostituzionale che un'autorità amministrativa possa modificare i contenuti di un sito, senza l'intervento di un giudice
    6 luglio 2011 - Lidia Giannotti
  • Cuba, dopo quasi quarant’anni di attacchi, ha inviato un gruppo di uomini disarmati negli Stati Uniti. Cinque di questi uomini sono stati arrestati nel sud della Florida da agenti dell’FBI e tenuti in celle di isolamento per 17 mesi

    Cinque Cubani in carcere negli USA

    17 settembre 2010 - Laura Tussi
  • Il rapporto tra “vita e tecnica” nella lezione magistrale di Stefano Rodotà
    “Le parole della politica”, ciclo di incontri organizzato a Roma dall’editore Laterza e da Repubblica

    Il rapporto tra “vita e tecnica” nella lezione magistrale di Stefano Rodotà

    Progresso tecnologico, invadenza della biopolitica e nuovi rischi di “human divide” esigono la costruzione sempre più convinta di percorsi di libertà e uguaglianza. E’ l’unica strada per riconciliare tecnica e vita nelle nostre relazioni quotidiane
    21 luglio 2010 - Lidia Giannotti

Solidarietà al giornalista argentino Mariano Saravia

Peacelink solidarizza con l'autore di "La sombra azul"
20 novembre 2005 - Alejandra Bariviera

La vicenda del giornalista-scrittore Mariano Saravia commuove e provoca sdegno in tutti noi, specialmente in chi desidera e spera la rinascita di un’Argentina dove prevalgano la chiarezza, l’onestà e la libertà d’espressione.

Nato a Mendoza (Argentina) 38 anni fa, giornalista e autore di altri due libri: "Naciones secuestradas" e "Fiestas populares de Córdoba" ha presentato “La Sombra Azul” il 24 marzo scorso nel Cabildo di Córdoba (1).
Data e il luogo non scelti a caso.
Quel giorno si è commemorato il 28° anniversario del colpo di stato e, in quel luogo, si sono compiute le atrocità raccontate in questo libro.

Dalla sua pubblicazione in Argentina, e soprattutto dalla sua recente uscita in Danimarca e Svezia, Mariano continua a ricevere minacce e intimidazioni. Anche richieste di risarcimento da parte di alcuni dei soggetti citati nel suo libro, che sono in carcere con verdetti già emessi per la violazione dei diritti umani. Il far fronte a queste denuncie, ha già comportato la confisca di una percentuale importante del suo stipendio come giornalista.

Mercoledì scorso ha fatto pubblici questi eventi attraverso le pagine del giornale per il quale lavora: “La Voz del Interior” di Córdoba.
In questi ultimi due giorni si sono susseguite manifestazioni di solidarietà da parte delle principali testate argentine, dall’ordine dei giornalisti e dalla rappresentanza legislativa di Córdoba che, nella sessione del 17 novembre scorso e dietro proposta della parlamentare María Eugenia Taquela, ha approvato una dichiarazione di solidarietà e di netto rifiuto alle minacce ricevute.

Mesi fa ho scritto un piccolo articolo nato dal mio incontro con Rosa e Atilio Curiñanco, rappresentanti della comunità mapuche di Esquel venuti in Italia. Riporto qui la fine del mio articolo: “Li ho lasciati, ma nel mio cuore rimangono i loro sguardi e le loro voci pieni di dignità, rispetto e senso dell'onore.
Valori che la nostra società "avanzata" non ci permette molto frequentemente d'incontrare.”

Penso che il lavoro di Mariano Savaria e di tanti che, come lui, stanno cercando di far luce sulle ombre del nostro passato, deve essere sostenuto, protetto e aiutato.
Perché la dignità, il rispetto e la verità possano tornare ad essere dei valori, che possano esistere e crescere non solo in Argentina o in America Latina, ma nel nostro mondo tutto.

Note:

Poder Legislativo Provincia de Córdoba
http://www.legiscba.gov.ar/noticia_ampliada.asp?id_News=95

Argenpress
http://www.argenpress.info/nota.asp?num=025715

Reporteros sin fronteras
http://www.rsf.org/article.php3?id_article=15654

(1) Cabildo: sede dei governi locali ai tempi della colonia. Nel periodo raccontato nel libro era un distretto di polizia.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy