Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Otto Pérez Molina, ex-generale di estrema destra, è il nuovo presidente

    Guatemala: un militare al potere

    Le elezioni sono state caratterizzate da un alto tasso di astensionismo
    8 novembre 2011 - David Lifodi
  • Otto Pérez Molina non sfonda e si ferma al 38%

    Guatemala: ballottaggio presidenziale tra le destre

    Ritardi e caos durante lo spoglio elettorale
    13 settembre 2011 - David Lifodi
  • L'ultradestra sfrutta l'insicurezza sociale e rischia di fare il pieno di voti

    Guatemala: Otto Pérez Molina probabile presidente

    Le presidenziali di domenica 11 Settembre si preannunciano senza storia
    6 settembre 2011 - David Lifodi
  • Lettera aperta delle comunità di Cotzal (Quiché, Guatemala)
    Guatemala. La società italiana ENEL e le autorità governative hanno cercato di ignorare i diritti delle comunità Maja sul territorio e le decisioni che lo riguardano

    Lettera aperta delle comunità di Cotzal (Quiché, Guatemala)

    "Noi esigiamo i nostri diritti sulle montagne, i fiumi e i boschi che sono quelli che danno vita alle nostre comunità indigene, alle nostre figlie e ai nostri figli, alle future generazioni, questo è quanto stiamo esigendo dall’ENEL ed il Governo deve rispettare i nostri diritti legittimi"
    8 agosto 2011

Violenza sulle donne in america Centrale: AI pubblica un raporto sul Guatemala ed invia una lettera aperta al presidente di El Salvador

24 novembre 2005 - Amnesty International

Il 12 agosto 2005 Claudina Isabel Velásquez Paíz, una studentessa di
giurisprudenza di 19 anni, e' uscita da casa per recarsi all'Universita'
di Citta' del Guatemala. E' stata l'ultima volta che i suoi familiari
l'hanno vista viva. Il suo corpo e' stato rivenuto il giorno dopo: dopo
averla stuprata, le avevano sparato alla testa. Claudina e' l'ennesima
vittima in un paese che non protegge le donne dalla violenza.

Come in altre centinaia di casi, le indagini preliminari sull'omicidio di
Claudina si sono rivelate insoddisfacenti. I medici legali hanno svolto
esami sul suo corpo, ma non sui vestiti, che sono stati restituiti alla
famiglia. Sui principali indiziati non e' stato compiuto alcun test per
determinare se avessero usato una pistola, non sono stati eseguiti
riscontri sui potenziali testimoni e sono stati trascurati altri
importanti indizi.

Da quando, nel giugno 2005, Amnesty International ha pubblicato un
rapporto sugli omicidi di donne, la societa' civile del Guatemala ha
continuato a premere sul governo affinche' agisse efficacemente per
contrastare questo fenomeno. C'e' stata una proposta di legge del
Congresso sulla creazione di un Istituto nazionale di medicina legale, che
pare non sia sostenuta dal Governo.

Pur accogliendo con favore l'aumento delle risorse assegnate all'Ufficio
del procuratore speciale per i crimini contro la vita, Amnesty
International nota che questo provvedimento non avra' effetti concreti fin
quando la vasta maggioranza degli omicidi di donne rimarra' impunita e non
sara' oggetto di indagini adeguate. Infatti, sui casi di omicidi di donne
assegnati all'Ufficio del procuratore speciale dal gennaio 2005 non si
sono registrate incriminazioni ne' tanto meno condanne.

Secondo fonti giornalistiche, tra gennaio e ottobre 2005 sono state
assassinate 531 donne, una cifra che ha gia' superato il totale di 527
omicidi registrato nel 2004. La stessa polizia ha ammesso che la violenza
sessuale contro le donne e' in aumento.

------

Il governo di El Salvador ha un debito permanente nei confronti delle
donne e puo' ripagarlo solo assicurando giustizia. E' quanto scrive
Amnesty International al presidente Saca, in una lettera aperta diffusa in
occasione della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza
contro le donne.

Nella lettera, Amnesty International si dichiara preoccupata per la
mancanza di volonta', da parte delle autorita', di indagare a fondo sui
casi di violenza contro le donne e per il trattamento che i familiari
delle vittime ricevono quando denunciano episodi del genere.

Tra la fine del 2002 e la meta' del 2004, almeno 20 donne e ragazze sono
state violentate e brutalmente assassinate nel paese. In 12 casi, i corpi
delle vittime erano stati sfigurati, smembrati o decapitati. Di due di
essi rimaneva poco piu' dello scheletro e alcuni mostravano evidenti segni
di bruciature.

Solo in 3 casi su 20, i responsabili sono stati individuati e condannati.
Negli altri 17, le indagini si sono rivelate inadeguate o semplicemente
inesistenti.

'I metodi utilizzati in questi omicidi sono molto simili a quelli cui
ricorrevano le squadre della morte negli anni '70 per terrorizzare la
popolazione. Considerata anche l'assenza di indagini, nel paese si e'
creato un clima di paura e di sfiducia nei confronti della giustizia' -
sottolinea Amnesty International.

Un'inchiesta condotta dal Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla
violenza contro le donne ha confermato che il numero delle denunce
presentate alle autorita' e' estremamente basso rispetto a quello dei casi
segnalati dalla stampa e dalle organizzazioni per i diritti umani. Le sue
raccomandazioni, cosi' come quelle delle istituzioni e degli organismi
locali, sono state ignorate dalle autorita'.

'L'assenza di giustizia non solo mina lo stato di diritto ma pone le donne
salvadoregne in una situazione di costante pericolo' - prosegue la lettera
aperta di Amnesty International.

L'organizzazione per i diritti umani chiede al governo di El Salvador di
avviare urgentemente indagini sugli omicidi di donne e ragazze e portare i
responsabili di fronte alla giustizia. Amnesty International ribadisce
l'importanza dell'adozione di misure concrete per impedire ulteriori
omicidi.

Note:

Il rapporto di Amnesty International sugli omicidi di donne in Guatemala
e' disponibile in lingua inglese all'indirizzo
web.amnesty.org/library/index/ENGAMR340172005

La lettera aperta di Amnesty International al presidente Saca e'
disponibile in lingua inglese all'indirizzo
web.amnesty.org/library/index/ENGAMR29022005

Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia - Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 - cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy