Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

Venezuela: Chavez sfida Mr. Danger-Bush

Ribatte alla signora Rice, che annuncia azioni per contrastarne l'influenza in America latina, minacciando di tagliare le forniture petrolifere venezuelane agli Usa. E poi annuncia un viaggio in Iran
21 febbraio 2006 - Maurizio Matteuzzi
Fonte: Il Manifesto

Lo scontro fra il presidente venezuelano Hugo Chavez e l'amministrazione di George Bush (che lui chiama «Mr.Danger») si fa globale. Non più solo o principalmente l'America latina ma il mondo. Grazie al petrolio, senza il quale gli americani si sarebbero con ogni probabilità già sbarazzati di Chavez da tempo. «Ho accettato l'invito ai Ahmadi Nejad e andrò a Tehran», ha detto Chavez. Come non bastasse la visita in Iran, il paese diventato il nemico numero uno di Washington, il presidente venezuelano ha anche ribadito che il suo governo «renderà sempre più profondi i rapporti con Cuba», l'altra e più antica ossessione degli Stati uniti. Senza parlare della Bolivia di Evo Morales, ora è arrivato anche René Préval a Haiti che potrebbe essere interessato alle avances petrolifere di Chavez.

Chavez era già stato a Tehran negli anni passati nel suo obiettivo di rafforzare una politica petrolifera coordinata nell'ambito dell'Opec, ma erano i tempi del riformatore Khatami, la faccia più simpatica dell'islamismo iraniano. Ora è diverso perché Ahmadi Nejad rappresenta invece l'islamismo più intransigente e con le sue iniziative sul nucleare nonché le sparate su Israele e l'olocausto costituisce l'uomo nero della politica internazionale. Andare a trovarlo in questo momento è un messaggio chiaro e preciso.

D'altra parte ormai fra Washington e Caracas è uno scambio continuo di colpi. Giovedì la signora Condoleezza Rice davanti al Congresso Usa aveva definito Chavez «uno dei maggiori pericoli per la democrazia in Ameria latina» e aveva ammonito «la comunità internazionale» a essere «molto più attiva nell'appoggio e nella difesa del popolo venezuelano». Il riferimento era al processo per tradimento che si trovano ad affrontare quelli di una ong chiamata Sumate che ha avuto un ruolo di primo piano nella raccolta delle firme per arrivare al referendum revocatorio (perso) nell'agosto del 2004 contro Chavez. Chavez non può esercitare la sua influenza, petrolifera e no, in America latina perché questo è «indebita interferenza» e «destabilizzazione», ma Bush (come tutti i suoi predecessori) può usare tutto il suo peso economico e politico, per esempio sovvenzionando con fondi la ong venezuelana Sumate che si propone di cacciare il presidente legittimo, e questo va bene.

La signora Rice, che dicono abbia soppiantato al Dipartimento di Stato i neo-conservatori con i neo-realisti, ha assicurato i congressiti che l'amministrazione farà di tutto per tagliare l'influenza nefasta di Chavez in America latina e convincere i vari leader della regione che il vero pericolo non sono gli Usa ma il Venezuela di Chavez.

Il giorno dopo le dichiarazioni della Rice, è toccato a Chavez. Che ha a sua volta ammonito e sfidato gli americani. «Il governo degli Stati uniti deve sapere che se oltrepassa i limiti non avrà più il petrolio venezuelano - ha detto in un atto pubblico -. Ho già cominciato a prendere misure al riguardo, ma non dico quali».

Il Venezuela è il quinto esportatore mondiale ma il secondo o terzo fornitore di greggio agli Stati uniti. Il 15% del mercato Usa è coperto dal greggio venezuelano e il 50% del greggio venezuelano finisce negli Usa. Un bell'incastro reciproco. Perché secondo alcuni analisti non sarebbe così facile per il Venezuela trovare altri mercati su due piedi nel caso si arrivasse alla rottura definitiva anche in campo petrolifero. Ma Chavez nega: «Loro non credono che possa decidere di tagliare il petrolio perché non sapremmo poi dove collocarlo. Ma si sbagliano: il petrolio non va a male, è una risorsa strategica per tutto il mondo e ci sono molti paesi che ci chiedono più petrolio e noi dobbiamo dire di no perché la metà dei nostri barili vanno negli Stati uniti...». L'annuncio del viaggio a Tehran rientra in questa strategia.

A rendere ancor più complicato il gioco, sta il fatto che Pdvsa, la compagnia petrolifera venezuelana che Chavez ha riconquistato dopo lo sciopero golpista della fine 2002, possiede attraverso la società Citgo qualche decina di migliaia di stazioni di servizio negli Stati uniti e almeno 6 raffinerie. E' da tempo che Chavez si prepara al momento - forse inevitabile - della rottura: negli ultimi 5 anni l'export petrolifero venezuelano negli Usa è diminuito intorno al 45% mentre è cresciuto quello verso la Cina, l'India e i paesi dell'America latina. Poi alcuni mesi fa Chavez ha annunciato di aver cominciato a ritirare i petro-dollari venezuelani depositati nelle banche Usa per convertirli in euro e depositarli nelle banche europee (ed evitare così anche i rischi di confisca-congelamento). Ora annuncia altre mosse, anche se «non dice quali». La direzione però è chiarissima.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy