Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Otto Pérez Molina, ex-generale di estrema destra, è il nuovo presidente

    Guatemala: un militare al potere

    Le elezioni sono state caratterizzate da un alto tasso di astensionismo
    8 novembre 2011 - David Lifodi
  • Otto Pérez Molina non sfonda e si ferma al 38%

    Guatemala: ballottaggio presidenziale tra le destre

    Ritardi e caos durante lo spoglio elettorale
    13 settembre 2011 - David Lifodi
  • L'ultradestra sfrutta l'insicurezza sociale e rischia di fare il pieno di voti

    Guatemala: Otto Pérez Molina probabile presidente

    Le presidenziali di domenica 11 Settembre si preannunciano senza storia
    6 settembre 2011 - David Lifodi
  • Lettera aperta delle comunità di Cotzal (Quiché, Guatemala)
    Guatemala. La società italiana ENEL e le autorità governative hanno cercato di ignorare i diritti delle comunità Maja sul territorio e le decisioni che lo riguardano

    Lettera aperta delle comunità di Cotzal (Quiché, Guatemala)

    "Noi esigiamo i nostri diritti sulle montagne, i fiumi e i boschi che sono quelli che danno vita alle nostre comunità indigene, alle nostre figlie e ai nostri figli, alle future generazioni, questo è quanto stiamo esigendo dall’ENEL ed il Governo deve rispettare i nostri diritti legittimi"
    8 agosto 2011

Guatemala:rotto il tavolo di dialogo in tema minerario

A tre giorni dalla presentazione della proposta di legge sull’attività mineraria questa mattina il Cardinal Ramazzini, come portavoce della commissione di alto livello sull’attività mineraria, ha deciso di rompere il tavolo di dialogo con il governo.
8 marzo 2006 - Flaviano Bianchini

“Il 23 agosto abbiamo costituito questa tavola di dialogo con le parti interessate e abbiamo fissato dei punti da rispettare, oggi il governo ci presenta una legge totalmente inaccettabile! Questa legge permette alle multinazionali di fare i loro interessi senza preoccuparsi dei diritti umani delle popolazioni locali” queste le parole dell’alto prelato deciso a riportare la chiesa alla sua funzione originale, ormai spesso trascurata, in difesa dei più deboli.
Il collettivo ecologista Madreselva rincara la dose: “il 23 agosto il governo ci ha dato la parola che avrebbe rispettato il volere delle consulte popolari, in Sipacapa 12 aldee han votato no, una si è astenuta e solamente una a votato sì; nonostante ciò non è ancora stata sospesa la concessione mineraria alla Glamis Gold.”
Nel documento programmatico si chiedeva una legge ben precisa sull’utilizzo dell’acqua, alla quale le multinazionali possono accedere gratis e senza limitazioni privando l’ambiente e le popolazioni di questo indispensabile bene. Si chiedevano anche delle leggi ben precise in materia ambientale ma in questa legge l’ambiente non viene neanche menzionato. Si chiedeva la distinzione tra miniere artigianali, non artigianali, metalliche e non metalliche. Inoltre si chiedeva il rispetto dell’articolo 169 dell’ILO (International Labor Organization – ente delle Nazioni Unite per i diritti dei lavoratori -) che prevede che lo stato deve tutelare le popolazioni indigene e consultarle in merito alle proprie risorse.
“Non ci sederemo più al tavolo di dialogo fino a quando questi punti non saranno rispettati” queste le parole del collettivo ecologista Madreselva e del Cardinal Ramazzini.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy