Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Il presidente Santos intende privatizzare l'intero sistema educativo del paese

    Colombia: studenti in lotta sull'onda cilena

    Tutta la società civile appoggia la protesta studentesca
    19 novembre 2011 - David Lifodi
  • I padroni della Patagonia

    I padroni della Patagonia

    Benetton, Ted Turner, Jeremy Irons, Michael Douglas, Sylvester Stallone, sono solo alcuni dei nomi accusati di voler depredare un paradiso naturale, ricco di acqua e risorse, per i propri interessi.
    12 settembre 2011 - redazione Taringa!-Inteligencia Colectiva
  • 11 settembre 1973: Golpe Militare in Cile
    La storia commemora anche un altro crimine contro l'Umanità

    11 settembre 1973: Golpe Militare in Cile

    Quel giorno le Forze Armate del Cile guidate dalle più alte autorità, misero in atto un colpo di stato militare che è ormai ricordato come il momento in cui terminò la Democrazia cilena.
    10 settembre 2011 - Ernesto Celestini
  • Chieste le dimissioni del ministro dell'Interno

    Cile: lo sciopero manda in crisi il governo

    La repressione dei carabineros provoca un morto e 1400 fermati
    1 settembre 2011 - David Lifodi

Cile: i 4 attivisti Mapuches pongono fine allo sciopero della fame, ma la mobilitazione continua

continua la lotta per ottenere la liberazione di tutti i prigionieri politici condannati in base alla legge anti-terrorismo voluta da Pinochet
16 maggio 2006 - Anna Polo
Fonte: www.prensahumanista.cl
- 16 maggio 2006

Il 14 maggio José Marileo Saravia (32 anni), Juan Carlos Huenulao
(39), Jaime Marileo Saravia (27) e Patricia Troncoso Robles (36) hanno posto fine allo sciopero della fame iniziato il 13 marzo e sono stati ricoverati all’ospedale di Temuco. Cristina Painamal, portavoce dell’”Associazione familiari e amici dei prigionieri politici Mapuches”, ha dichiarato che si tratta di una sospensione momentanea dello sciopero come segno di riconoscimento della “timida volontà” del governo di risolvere il problema, ma ha aggiunto che le mobilitazioni continueranno fino ad ottenere la liberazione di tutti i Mapuches condannati in base alla legge anti-terrorismo ereditata dalla dittatura di Pinochet, che permette l’uso di testimoni incappucciati e altre irregolarità processuali. Sono stati citati anche i casi di Víctor Ancalaf Llaupe, Aniceto Norin Catriman e Pascual Pichun Paillalao, tutti condannati a 5 anni e un giorno di prigione, il primo per “comportamento terrorista” e gli altri due per “minacce terroriste”.
Il governo si è impegnato a discutere con la massima urgenza il progetto di legge presentato dal senatore Navarro, che dovrebbe concedere agli attivisti la libertà condizionata. Perché i condannati in base alla legge anti-terrorismo possano beneficiarne immediatamente, sono necessarie tuttavia delle modificazioni. Se queste non verranno introdotte, i prigionieri dovranno aspettare fino ad ottobre e in questo caso riprenderanno lo sciopero.
Fuori dal carcere continuano comunque le manifestazioni di solidarietà: altre cinque persone si sono aggiunte alle due che lo scorso 10 maggio hanno cominciato uno sciopero della fame di protesta.

Note:

per aderire all'appello scrivere a violeta.serena@fastwebnet.it Alleanza Mapuche Internazionale (Sezione Italiana)

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy