Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Se esiste il 99%  questa è l'ora di svegliarsi!
    Perché la BCE non fa prestiti direttamente ai propri cittadini?

    Se esiste il 99% questa è l'ora di svegliarsi!

    Un modo facile facile per spiegarci come le banche si arricchiscono con i nostri soldi e perché i politici europei non vogliono il referendum in Grecia.
  • Favoletta leggera leggera con piccole riflessioni e morale

    Tremonti & il Carrozziere

    “Sabato prossimo andiamo fuori con i miei amici e con quella macchina abbozzata io non ci voglio andare, cerca di farla riparare in settimana. Ciao ci vediamo stasera”.
    12 ottobre 2011 - Ernesto Celestini
  • Crisi dell'euro: pilotata da una rete di finanzieri senza scrupoli?
    In una grande orgia di debiti durante la partita a poker giocata per l'Euro si è preparato il terreno per la rovina economica di tutti i giocatori

    Crisi dell'euro: pilotata da una rete di finanzieri senza scrupoli?

    Un commento sulla crisi finanziaria vissuta da tutti i paesi occidentali, sulle cause che l'hanno prodotta e sulle conseguenze che potrà causare ai paesi più deboli della zona Euro e a quelli che saranno tassati per pagare il loro debito estero. Ma sarà questa la strada giusta?
    Internationalnews
  • Israele verso l'ingresso nell'OCSE
    ISRAELE

    Israele verso l'ingresso nell'OCSE

    Un documento confidenziale svela l'accettazione dell'occupazione israeliana da parte dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico
    6 aprile 2010 - M.C.R.
Alba e Mercosur rappresentano le differenti alternative all'Alca

Messico: sorprendente accordo economico con l'Argentina

I legami commerciali stretti dai due paesi segnalano una ripresa del dialogo Fox-Kirchner
13 giugno 2006 - David Lifodi

Se l'andamento economico è buono, allora è più semplice mettere da parte le controversie politiche. In un momento in cui all'interno dei paesi aderenti al Mercosur (Argentina, Uruguay, Paraguay, Brasile) la situazione non è così idilliaca, soprattutto per via dell'intenzione del ministro dell'Economia uruguayano Astori di firmare il Trattato di Libero Commercio (Tlc) con gli Stati Uniti, arriva un sorprendente accordo economico tra Messico e Argentina. I legami commerciali stretti dai due paesi segnalano una ripresa del dialogo dopo che i rapporti si erano raffreddati in occasione del vertice delle Americhe tenutosi lo scorso anno proprio in Argentina. In quella circostanza, mentre nelle piazze grandi manifestazioni popolari protestavano per scongiurare la firma dell'Alca, il padrone di casa Kirchner entrò in rotta di collisione con il presidente messicano Fox. Oppositore dell'Alca il primo, fervente sostenitore il secondo, oltre ad essere rimasto uno dei pochi baluardi statunitensi in America Latina. Nonostante questo i due presidenti firmarono una bozza di accordo per l'Acuerdo de Complementacion Economica (denominato anche Ace 6) e di cui adesso è stato deciso l'ampliamento pochi giorni fa a Città del Messico in seguito alla ratifica di entrambi i paesi. In realtà l'avvio della cooperazione economica tra Messico e Argentina risale al 1993, e nel luglio del 2002 il resto dei paesi aderenti al blocco commerciale del Mercosur seguì la direzione presa da Buenos Aires. Con l'entrata in vigore di questo accordo ci si attende che il commercio bilaterale tra i due paesi raggiunga un incremento di 716 milioni di dollari.
A prima vista l'Ace 6 potrebbe dare l'impressione di essere una sorta di Tlc camuffato, come i tanti accordi bilaterali firmati dagli Stati Uniti con molte delle ormai esauste repubbliche centroamericane, ma in realtà non si tratta di un accordo di libero commercio, che è stato tra l'altro vietato e messo al bando proprio dall'Argentina come paese integrante del Mercosur.
L'Acuerdo de Complementacion Economica stabilisce che 2664 beni prodotti in Argentina possano essere importati in forma illimitata e senza alcun vincolo economico (ad esempio quelli imposti dalle dogane) nel mercato messicano, mentre da parte messicana saranno 3065 i prodotti che potranno arrivare in Argentina senza il pagamento di alcun tipo di dazio. Tra i prodotti che non saranno più sottoposti ai dazi doganali si trovano minerali e combustibili, macchinari meccanici, il settore manifatturiero, cosmetici, vernici, medicinali. Tra i paesi del Mercosur quello che ha stretto maggiori relazioni economiche con il Messico resta comunque l'Uruguay, mentre Brasile e la stessa Argentina hanno comunque limitato la loro apertura verso il vicino degli Stati Uniti. Peraltro giova ricordare che il Messico ha deciso di diversificare i paesi con cui stringere legami commerciali proprio per difendersi dell'invadenza degli Stati Uniti, ormai veri padroni e monopolizzatori del mercato messicano: di circa 130 milioni di dollari che esporta il Messico con la vendita dei suoi prodotti, circa cento finiscono per essere diretti verso il grande e ingombrante vicino del Nord.
Pur non trattandosi di un Tlc è però altrettanto innegabile che l'Acuerdo de Complementacion Economica risponde comunque più ad una gestione diretta ad avvantaggiare i maggiori gruppi economici di entrambi i paesi che non le piccole imprese, le cooperative e in generale tutte quelle forme di economia popolare che si sono sviluppate in Argentina in seguito alla crisi di inizio Duemila. Sebbene Kirchner per adesso non sembri interessato all'adesione all'Alba (Alternativa Bolivariana per le Americhe) di cui gli alfieri principali sembrano essere rimasti Bolivia, Venezuela e Cuba, al contrario sarà interessante vedere quale potrebbe essere l’eventuale ruolo di Chavez all'interno del Mercosur, di cui si è vociferato negli ultimi mesi, soprattutto perché l'Alba intende creare una forte unità popolare latinoamericana in cui i paesi godano di un'indipendenza energetica e di un'autonomia finanziaria che riesca ad evitar loro la dipendenza dalle grandi imprese transnazionali che hanno la loro sede principalmente negli Stati Uniti.

Note:

Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy