Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

Delego le funzioni...

Il proclama

Per la prima volta in 47 anni Fidel Castro delega le sue funzioni...
2 agosto 2006
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Il proclama
Crisi intestinale acuta, sanguinamento sostenuto, complicata operazione chirurgica, delego pertanto le mie funzioni... E' insolitamente preciso e dettagliato, il «Proclama del comandante en jefe al pueblo de Cuba» che l'agenzia cubana Prensa Latina ha trasmesso integralmente.
L'enorme sforzo
Spiega Fidel al popolo cubano: «Con motivo dell'enorme sforzo realizzato per visitare la città argentina di Cordoba», dove si è tenuto il vertice del Mercosur (un vertice a suo modo storico: Cuba infatti si prepara a entrare in quella alleanza economica, il primo accordo firmato dall'Avana dopo anni di isolamento), e per la successiva visita alla città in cui nacque il Che e i festeggiamenti per gli anniversari della presa della caserma Moncada, «la mia salute, che ha resistito a tutte le prove, si è sottoposta a uno stress estremo». Stress che ha provocato «una crisi intestinale acuta, con sanguinamento sostenuto, che mi ha obbligato ad affrontare una complicata operazione chirurgica».
Tutti i dettagli
In modo insolito, Fidel Castro assicura i cubani che esistono «radiografie, endoscopie e materiale filmato», ed è un avviso ai numerosi maldicenti che da Miami hanno già cominciato a tessere leggende sanitarie sullo stato di salute del «Comandante en jefe». Fidel annuncia di doversi obbligare a settimane di riposo, e «siccome il nostro paese è minacciato», dirama sei decisioni.
«Delego provvisoriamente...»
Le sei «deleghe provvisorie» che il leader cubano firma per la prima volta in vita sua sono una testimonianza del so cattivo stato di salute. Le funzioni di Primo segretario del comitato centrale del partito comunista di Cuba sono assunte dal Secondo segretario, «companero Raul Castro Ruz», il fratello. Al «mencionado companero Raul» sono affidati, provvisoriamente come tutti gli altri incarichi, anche le cariche di «comandante in capo delle eroiche forze rivoluzionarie», di presidente del consiglio di stato e del governo della repubblica.
Gli altri successori
Il programma di salute pubblica viene affidato a José Ramon Balaguer Cabrera, l'educazione a José Ramon Manchado Ventura e a Esteban Lazo Hernandez, l'energia a Carlos Lage Davila. I finanziamenti per questi programmi, cioè le casse di Cuba, saranno gestiti da Carlos Lage, Francisco Soberon Valdes e da Felipe Perez Roque, il ministro degli esteri, «che mi hanno accompagnato in questa gestione e dovranno costituire una commissione per questi obiettivi».
Compleanno posticipato
Alla fine Fidel raccomanda «la massima attenzione» al vertice dei Non allineati di metà settembre e chiede di posporre la festa per il suo ottantesimo compleanno: dal 13 agosto al 2 dicembre, cinquantesimo dello sbarco del Granma.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy