Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • BoLiBia?

    17 ottobre 2011 - Marinella Correggia
  • La strada della discordia in Bolivia: sincere, meschine e grandi opposizioni

    La strada della discordia in Bolivia: sincere, meschine e grandi opposizioni

    Succede forse che ora le vittime della repressione si rivoltano contro il proprio progetto liberatore? O che qualcosa è cambiato nella direzione mentale di coloro che lo patrocinano? O succede forse che gli interessi in gioco pilotano l’informazione? La cosa interessante non è analizzare i fatti con atteggiamento manicheo, ma scindere il possibile errore dalla malafede.
    7 ottobre 2011 - Javier Tolcachier
  • Continua il dibattito in seguito alla repressione della polizia

    Tipnis boliviano: prosegue la marcia indigena

    Nominati i nuovi ministri agli Interni e alla Difesa
    4 ottobre 2011 - David Lifodi
  • La polizia attacca con violenza la marcia indigena in difesa del Parque Nacional Isiboro Sécure

    Bolivia: lo scempio

    Mobilitazioni in tutto il paese contro Evo Morales e il Mas
    27 settembre 2011 - David Lifodi
Boliva

Gli scontri nelle strade di Cochabamba fanno due morti, mentre il sindaco abbandona la città

22 gennaio 2007
Fonte: Indymedia.org - 13 gennaio 2007

Le strade di Cochabamba sono state di nuovo teatro di scontri tra movimenti sociali e sostenitori dell'impopolare sindaco. Contadini, nativi, cocaleros (coltivatori di foglie di coca) e gruppi indipendenti hanno protestato sin dall'inizio della settimana chiedendo le dimissioni del sindaco Manfred Reyes Vila. Dopo la violenta repressione di una marcia lunedì, i manifestanti sono rimasti nella piazza centrale della città (piazza 14 settembre) per una veglia; altre simili si sono tenute in altre piazze della zona centrale.
Giovedì 11 gennaio una marcia dei difensori del sindaco ha penetrato le barricate di polizia nel centro della città e ha attaccato decine di dimosttranti dei movimenti sociali con mazze da baseball, armi da fuoco e coltelli per cercare di riottenere il controllo della piazza 14 settembre, sede del Municipio. La polizia è avanzata usando gas lacrimogeni, che hanno dato il via a violenti scontri. C'è un gran numero di persone ferite: 115 circa secondo gli ultimi conteggi, e due morti. Sono il cocalero Nicomedes Gutiérres, ucciso da un colpo di pistola, e Cristian Urresty del gruppo 'Giovani per la democrazia', morto strangolato.
Il sindaco Manfred Vila ha abbandonato Cochabamba la stessa mattina in cui è stato dato l'annuncio degli scontri, rifugiandosi in un hotel a La Paz. Nel frattempo, quel pomeriggo, si è tenuto un meeting tra gli alleati del sindaco nelle città di Benji, Tarija, Santa Cruz, La Paz e Cochabamba. Hanno deciso di comune accordo che non stabiliranno un dialogo con il governo federale e che porteranno avanti azioni di solidarietà al sindaco Vila. Nella notte, il governo federale ha annunciato che durante gli scontri tre persone, tutte collegate al Comitato civico di Cochabamba, sono state trattenute con armi da fuoco, e ha sottolineato come “l'intolleranza e il rifiuto di negoziare” da parte di Manfred Vila abbiano dato come risultato un grave conflitto sociale .

Note:

Feature originale:
http://www.indymedia.org/en/2007/01/878309.shtml
Per aggiornamenti:
http://bolivia.indymedia.org
http://upsidedownworld.org

Tradotto da Chiara Rancati per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile per scopi non commerciali citando la fonte, l'autore e il traduttore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy