Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • BoLiBia?

    17 ottobre 2011 - Marinella Correggia
  • La strada della discordia in Bolivia: sincere, meschine e grandi opposizioni

    La strada della discordia in Bolivia: sincere, meschine e grandi opposizioni

    Succede forse che ora le vittime della repressione si rivoltano contro il proprio progetto liberatore? O che qualcosa è cambiato nella direzione mentale di coloro che lo patrocinano? O succede forse che gli interessi in gioco pilotano l’informazione? La cosa interessante non è analizzare i fatti con atteggiamento manicheo, ma scindere il possibile errore dalla malafede.
    7 ottobre 2011 - Javier Tolcachier
  • Continua il dibattito in seguito alla repressione della polizia

    Tipnis boliviano: prosegue la marcia indigena

    Nominati i nuovi ministri agli Interni e alla Difesa
    4 ottobre 2011 - David Lifodi
  • La polizia attacca con violenza la marcia indigena in difesa del Parque Nacional Isiboro Sécure

    Bolivia: lo scempio

    Mobilitazioni in tutto il paese contro Evo Morales e il Mas
    27 settembre 2011 - David Lifodi

Evo Morales sfida la finanza globale: anche i telefoni ritornano allo Stato

Bolivia, il presidente nazionalizza la Entel (metà Telecom Italia, metà fondi pensione)
7 aprile 2007 - Angela Nocioni
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

Seguendo questo schema furono vendute molte delle imprese statali dal governo de Lozada: a parte quelle che si occupano dello sfruttamento dei giacimenti di gas (principale risorsa del Paese, nazionalizzata nel maggio scorso) anche le ferrovie e la compagnia di bandiera Lloyd aereo boliviano (che ha smesso di volare la settimana scorsa dopo la fuga con destinazione sconosciuta del suo presidente, Ernesto Absun). Ora Morales dice che tutte le capitalizzate saranno nazionalizzate secondo la formula di un non meglio definito «capitalismo popolare».
L'annuncio della sorte decisa per Entel non pare aver allarmato molto Telecom: «Non crediamo sia loro intenzione continuare ad investire da queste parti, a parte Argentina e Brasile» suppone un portavoce del presidente. Telecom per ora tace e l'ambasciatore italiano in Bolivia fa sapere che «a Roma ci si aspetta una negoziazione cordiale e senza pressioni».
Entel è una delle imprese migliori della Bolivia. Quasi cinquanta milioni di dollari di profitto nel 2006. Controlla il 68% della telefonia fissa, il 67% di quella cellulare e il 90% dei servizi Internet. A chiudere l'affare con Sanchez de Lozada fu nel 1996 la Stet, poi Telecom, che per 610 milioni di dollari comprò il 50% delle azioni di Entel. Un 6% fu comprato da investitori minori e il 44% restò statale, ma passò sostanzialmente in mano di due fondi pensione, una del gruppo spagnolo Bbva è un'altra della svizzera Zurich. L'ultimo commento dei vertici Telecom è dell'inizio di quest'anno: l'azienda faceva notare che per convertire Entel in una impresa funzionante ha dovuto investire molti più soldi di quanti ne spese per comprarsela 10 anni fa. Morales non ha commentato la puntualizzazione. Ha fatto però uno scalo veloce durante il suo viaggio in Asia per incontrare il sottosegretario agli esteri Donato Di Santo al quale ha assicurato che intende portare avanti l'operazione rispettando la legalità. Il ministro delle opere pubbliche, Jerjes Mercato, ha aggiunto però: «Ci sono due mesi per negoziare e noi vogliamo trovare una soluzione di accordo. Ma se l'accordo non si dovesse trovare i tempi cambieranno perché sarà necessario per il sovrano governo di Bolivia fare altri passi».
Nel discorso al Parlamento in cui a febbraio ha celebrato il suo primo anno da presidente, Morales ha annunciato nazionalizzazione di imprese strategiche vendute negli anni '90 e tutte le compagnie miste in cui abbia prova di gestione corrotta. Nel governo sussurrano che il caso Telecom è un'altra storia e che hanno discusso a lungo su come procedere alla nazionalizzazione di Entel. Alla fine si sono messi d'accordo solo sulla commissione che si occuperà del caso: ne faranno parte il ministro Quintana, il ministro dell'Industria, Luis Arce, e quello delle opere pubbliche, Jerjes Mercado.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy