Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

    I media rivelano complotto per destituire Morales. Gli autori sarebbero gli indipendentisti di Santa Cruz

    8 settembre 2007
    Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

    Il governo della Bolivia ha denunciato un complotto per destituire il presidente Evo Morales, per chiudere definitivamente i lavori dell'asseblea costituente e per portare al potere l'attuale sindaco di Potosì, Rene Joaquino. È quanto riferiscono i principali media locali sotto il controllo del governo, da Canal 7 a radio Patria Nueva, all'agenzia di notizie Abi, che raccontano del cosiddetto piano «per far cadere l'indio di merda» con riferimento al presidente Morales, elaborato nel ricco dipartimento di Santa Cruz dal movimento "Nacion Camba".
    Il primo passo del complotto, secondo le informazioni ottenute dai servizi di intelligence e già trasmesse a Morales, è far fallire l'assemblea costituente; riunita a Sucre dal 6 agosto del 2006, finora non ha raggiunto alcun accordo sugli articoli della nuova Costituzione per la Bolivia e, per legge, dovrà chiudere i lavori il prossimo 14 dicembre. Come secondo passo, dovranno nascere tensioni a livello regionale, tra i dipartimenti di Oruro e Potosi, per il controllo della Comibol, la confederazione statale delle miniere. Terzo passo saranno una serie di proteste per destituire il governo Morales.
    Stando al documento attribuito alla "Nacion Camba", «quando la pressione diventerà intollerabile, il governo cadrà. Ma dobbiamo assicurarci - hanno scritto i cospiratori- che sia una rinuncia totale, non vogliamo il vicepresidente. Il governo dovrà passare nelle mani del presidente del Senato, questo è molto importante», si legge nel documento.
    Subito dopo verranno indette nuove elezioni e il sindaco di Potosi, Rene Joaquino, sarà appoggiato dai dipartimenti orientali boliviani nella sua candidatura alla presidenza, conclude il documento diffuso dai media.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy