Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

CUBA: AMNESTY INTERNATIONAL IN FAVORE DI ALTRI QUATTRO PRIGIONIERI DI COSCIENZA

29 gennaio 2004 - Amnesty international
COMUNICATO STAMPA "Basta con le molestie, le intimidazioni e gli impedimenti alla libertà di espressione nei confronti dei dissidenti cubani!" - ha dichiarato oggi Amnesty International, diffondendo un nuovo rapporto in cui descrive i casi di quattro prigionieri di coscienza: Rolando Jiménez Posada, Rafael Millet Leyva, Miguel Sigler Amaya e Orlando Zapata Tamayo, quattro degli oltre 80 dissidenti finiti in prigione a seguito di un vasto giro di vite attuato dal governo il 18 marzo 2003. "Questi quattro dissidenti sono stati arrestati, e due di loro formalmente incriminati, solo per aver preso parte a iniziative pacifiche. Siamo particolarmente preoccupati per il fatto che, a distanza di quasi un anno, molti altri prigionieri siano ancora in attesa di sapere di cosa verranno incolpati" - ha aggiunto l'organizzazione per i diritti umani. Le autorità cubane hanno giustificato la loro azione contro i 75 dissidenti processati lo scorso aprile con la necessità di difendersi dalle provocazioni e dalle minacce degli Stati Uniti alla sicurezza nazionale. Amnesty International ritiene che nulla possa giustificare la detenzione di prigionieri di coscienza o altre violazioni dei fondamentali diritti umani e per questo continua a condannare Cuba, riconoscendo al tempo stesso anche l'effetto negativo dell'embargo statunitense sulla situazione dei diritti umani nel suo complesso. Pertanto, l'organizzazione chiede agli Stati Uniti di rivedere la propria politica. "L'embargo fornisce alle autorità cubane una scusa per le proprie politiche repressive e ha un impatto negativo sulla nutrizione, la salute, l'educazione e molte altre sfere della vita, colpendo in maniera sproporzionata i settori più deboli e vulnerabili della società" - ha precisato Amnesty International. Amnesty International chiede ancora una volta alle autorità cubane di rilasciare immediatamente e senza condizioni tutti i prigionieri di coscienza e porre fine a ogni forma di molestia e intimidazione nei confronti dei dissidenti. FINE DEL COMUNICATO Roma, 29 gennaio 2004 Il rapporto Cuba: Newly declared prisoners of conscience è disponibile presso il sito Internet a questo indirizzo: http://web.amnesty.org/library/index/ENGAMR250022004 e presso l'ufficio stampa di Amnesty International Italia su richiesta. Per ulteriori informazioni, approfondimenti e interviste: Amnesty International Italia - Ufficio stampa Tel. 06 4490224 - cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy