Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Recensione di Nanni Salio, Presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino

    "Educazione e Pace" Mimesis, Milano 2011

    L’Autrice, nota per il suo impegno nel campo educativo, raccoglie e rielabora in questo agile volumetto i suoi principali contributi su temi che fanno parte della più ampia costellazione dell’educazione alla pace: memoria e dialogo, razzismo e antirazzismo, dialogo interculturale, pedagogia della shoah, pensiero delle differenze, cittadinanza planetaria, sostenibilità e trasformazione nonviolenta dei conflitti.
    26 ottobre 2011 - Laura Tussi
  • Il 4 Novembre "Vogliamo la Pace" contro ogni guerra. Il disarmo è l'obiettivo, la riduzione delle spese militari la strategia.

    "Ogni vittima ha il volto di Abele"

    L'iniziativa nonviolenta "Ogni vittima ha il volto di Abele", promossa da importanti istituti di ricerca per la pace, nella sua assoluta compostezza ed addolorata austerita' ha costituito, nel ricordo e nel nome delle vittime, un esplicito appello all'impegno per la cessazione delle guerre, per il disarmo e la smilitarizzazione dei conflitti, per la pace, la democrazia, la legalita' che salva le vite; per la difesa dei diritti umani di tutti gli esseri umani. A mio avviso questi nobili e alti ideali devono essere trasmessi in primis dall'istituzione scolastica.
    6 novembre 2011 - Laura Tussi
  • Oggi i miei studenti hanno detto cose terribili
    Lettera aperta a Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della Pace

    Oggi i miei studenti hanno detto cose terribili

    L'epilogo vergognoso di questa vergognosa guerra richiede a mio parere una netta condanna della Tavola della Pace. A che e' servito marciare da Perugia ad Assisi per ricordare Capitini se poi i ragazzi vedono torturare Gheddafi senza alcuna immediata presa di distanza di Napolitano e della stessa Tavola della Pace? Lo tsunami della "guerra giusta" oggi ha annichilito decenni di impegno di educazione alla pace e non possiamo continuare a fare finta di nulla.
    25 ottobre 2011 - Alessandro Marescotti
  • Recensione di Nanni Salio, Presidente del Centro Studi Sereno Regis di Torino

    "Educazione e Pace" Mimesis, Milano 2011

    L’Autrice, nota per il suo impegno nel campo educativo, raccoglie e rielabora in questo agile volumetto i suoi principali contributi su temi che fanno parte della più ampia costellazione dell’educazione alla pace: memoria e dialogo, razzismo e antirazzismo, dialogo interculturale, pedagogia della shoah, pensiero delle differenze, cittadinanza planetaria, sostenibilità e trasformazione nonviolenta dei conflitti.
    26 ottobre 2011 - Laura Tussi

Ma noi quando cominceremo a cambiare?

Repubblica.it sul concerto "Paz sin fronteras"
21 settembre 2009 - Marco Coscione

Mentre si fa a gara a chi firma per primo l’appello per la “libertà di stampa” o a chi sarà il più bel farabutto a mandare la foto al sito del giornale (uno strano modo di sentirci protagonisti di qualcosa, come la “egoteca Facebook”), appare su repubblica.it un articolo intitolato “Jovanotti suona per la pace a Cuba. Maxi concerto Paz sin fronteras”. E solo dal titolo comincio a farmi delle domande... Per la Pace a Cuba? Sull’isola non c’è pace? Sarà che suona a Cuba per la Pace? E allora forse era meglio fare il concerto a Miami, così i suoi boss ci avrebbero ricavato qualcosa.
Ma andiamo avanti... “Il concerto è iniziato puntuale”, dice l’articolo... che strano che si faccia enfasi sulla puntualità, come se dovesse essere normale il contrario. Non ho mai letto un articolo di critica musicale che sottolinei la puntualità dell’organizzazione. Vabbeh, ma siamo nei caraibi...
“Juanes ha difeso lo show come espressione apolitica in favore della pace”... Può una espressione in favore della pace essere apolitica? O ancora una volta siamo difronte ad un utilizzo improprio della parola “politica”?
“Un totale di 128 persone fra tecnici e musicisti sono giunti per il concerto, che può contare su moderni sistemi audio, in parte arrivati dagli Stati Uniti, dopo che Juanes ha chiesto personalmente l'autorizzazione per il trasporto al segretario di Stato Usa, Hillary Clinton”.
Moderni sistemi audio in parte arrivati dagli Stati Uniti? Ma dai, è un concerto... a Cuba se ne fanno tanti di concerti, ed in piazza della Rivoluzione non ne parliamo... chiedetelo a Silvio Rodríguez, anche lui presente. Di che moderni sistemi audio mi state parlando? Hillary Clinton da personalmente questi permessi? Non ha altre cose di meglio da fare?
Ma finalmente arriviamo al pezzo forte dell’articolo, il finale a “non-sorpresa” che naturalmente non poteva mancare: "C'è una speranza che la musica possa in qualche modo allentare anche solo per un'ora queste tensioni, e contribuire a un cambio di mentalità, a un cammino che è necessario" ha sottolineato Lorenzo, insistendo sulle necessità del cambiamento che, in ogni caso, sono inarrestabili. E fa l'esempio dell'accesso alla Rete: "Mi sembra una cosa assurda che, nel 2009, un ragazzo viva in un posto dove non ci sia accesso a internet".
Cosa? Non ci posso credere? Mi farebbe piacere sentire l’intervista lasciata da Jovanotti, perchè non ci credo che con tante cose da dire, con tanti problemi in questo mondo, la “cosa assurda” è che nel 2009, un ragazzo viva in un posto senza internet... Dev’essere solo un pezzo dell’intervista... lo spero, soprattutto per Jovanotti.
So benissimo qual’è il messaggio che Repubblica vuole dare, ma il lettore ignaro si domanderà: “Ma quanti posti nel mondo non hanno internet”? Dovremmo partire per certi posti in Italia, Europa per non parlare poi di Africa, Asia o America Latina. Ma a Cuba non è permesso non avere Internet. La “sinistra” italiana non glielo può permettere. Quella stessa sinistra che tutti i santi giorni non fa altro che parlare di Berlusconi... e ce lo ritroviano ancora lì.
E poi “le necessità del cambiamento... inarrestabili”...
Meno male che il tempo non era proprio eccezionale a La Habana, perchè per poterlo vedere comodamente seduti sul divano in prima serata TV, noi europei abbiamo costretto a più di mezzo milione di cubani ad assistere al concerto in piazza alle due del pomeriggio...
Ma noi quando cominceremo a cambiare?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy