Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

Messico. Ancora impunità per i fatti di Atenco

Deludente la decisione di FEVIMTRA di declinare la sua competenza sul caso Atenco, la Procura Generale della Repubblica dello Stato del Messico deve rispondere alle domande delle vittime.
25 ottobre 2009 - Monica Mazzoleni
Fonte: Fonte: Comunicato Stampa Amnesty International - 28 settembre 2009.

Conferenza stampa dell'associazione Fronte del popolo in difesa della terra © Centro de Derechos Humanos Agustin Pro Juarez

Il 28 settembre 2009, Amnesty International ha espresso il suo disappunto riguardo la decisione della "Fiscalia Especial Para Delitos de Violencia contra Las Mujeres y Trata de Personas" (FEVIMTRA) di declinare la sua competenza riguardo il caso di abuso sessuale di almeno 26 donne per opera della polizia in San Salvator Atenco nel 2006, nonostante abbia identificato 34 elementi delle forze di sicurezza statale come responsabili.

Il 3 e 4 maggio 2006 più di 2.500 agenti di polizia federale, statale e municipale parteciparono ad un'operazione per porre fine alle proteste della organizzazione campesina "Frente de Pueblos en Defensa de la Tierra" (FPDT) in Texcoco e San Salvator Atenco. L'operazione di polizia portò alla detenzione di 207 persone, la morte di due civili, decine di manifestanti e agenti di polizia feriti e alcuni agenti di polizia trattenuti in ostaggio.

Amnesty International denuncia il fatto che dopo tre anni di indagini FEVIMTRA non si è dimostrata capace di esercitare azione penale contro i responsabili e abbia rimandato il caso alla Procura Generale di Giustizia dello Stato del Messico, la stessa autorità che si è rifiutata di procedere contro i responsabili durante tutto questo periodo.

Amnesty International sostiene che ancora una volta il sistema di giustizia penale in Messico pare incapace di garantire giustizia alle vittime di violazione dei diritti umani.
Questa disperata situazione ha spinto le vittime sopravvissute alle violenzi a rivolgersi alla Commissione Interamericana dei Diritti Umani.

Amnesty International sostiene che le autorità federali e statali hanno la responsabilità di garantire che questo caso non sia come tanti altri per i quali risulta che le autorità non hanno fatto fronte alla loro responsabilità di garantire alla giustizia i responsabili delle violazioni dei diritti umani.

L'organizzazione sollecita con urgenza il nuovo Procuratore Generale della Repubblica a dimostrare che realmente è impegnato nella difesa dei diritti umani indagando in modo efficace e senza ritardo tutti i funzionari federali implicati nelle violazioni dei diritti umani commessi nel maggio 2006.
Inoltre, sostiene Amnesty International, la Procura Generale di Giustizia dello Stato del Messico deve rispondere alle richieste delle vittime e porre fine a questa ingiustizia, garantendo la dovuta riparazione del danno.

Note:

coord.americalatina@amnesty.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy