Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Il presidente Santos intende privatizzare l'intero sistema educativo del paese

    Colombia: studenti in lotta sull'onda cilena

    Tutta la società civile appoggia la protesta studentesca
    19 novembre 2011 - David Lifodi
  • Machismo, Terra e Pace per il Libero Commercio

    5 settembre 2011 - MANUEL ROZENTAL
  • Welcome to StoptheF35.com/Benvenuti a Stop the F35
    Noi, sottoscritti cittadini del Vermont, ci opponiamo alla installazione dell’ F-35 Strike Fighter al Burlington International Airport.

    Welcome to StoptheF35.com/Benvenuti a Stop the F35

    Le lobby di aziende di forniture militari svolgono da sempre un ruolo fondamentale nella politica di difesa e di selezione degli apparati. D’altra parte tutta la politica della sicurezza porta con sé il concetto di salvaguardia degli interessi organizzati.
    16 giugno 2011 - Rossana De Simone
  • Marchio Legacoop sui Global Hawk delle forze armate USA
    Il business delle basi USA in Italia

    Marchio Legacoop sui Global Hawk delle forze armate USA

    Alla CMC di Ravenna, azienda leader della Lega delel Cooperative, i lavori per il nuovo megahangar dei velivoli senza pilota Global Hawk delle forze armate USA. La coop "rossa" si conferma uno dei principali contractor del Pentagono in Italia
    20 ottobre 2010 - Antonio Mazzeo
Il verdetto della Corte Costituzionale restituisce la sovranità nazionale al paese

Colombia: l'accordo con gli Usa sulle basi militari è incostituzionale

Il patto militare avrebbe dovuto passare dal Congresso
22 agosto 2010 - David Lifodi

 Il verdetto della Corte Costituzionale colombiana, reso pubblico lo scorso 17 Agosto, segna una vittoria importante del movimento contrario all'installazione delle 7 basi militari Usa sul territorio del paese andino: l'accordo militare tra Stati Uniti e governo Uribe è incostituzionale.
L'intesa tra amministrazione statunitense e la Colombia, perseguita fortemente non solo da Uribe, ma anche dall'attuale presidente Santos, allora ministro della difesa, era entrata in vigore nell'Ottobre 2009 nell'ambito dell'Accordo Complementare per la Cooperazione e l'Assistenza Tecnica in Difesa e Sicurezza. A pochi giorni dalla sua ratifica (avvenuta poi ufficialmente in Dicembre) il Consiglio di Stato aveva già avvisato il governo colombiano sull'incostituzionalità dell'accordo, che avrebbe dovuto essere rinegoziato in seguito alla (mai avvenuta) consultazione del Congresso e che, soprattutto, violava in maniera evidente la sovranità del paese. L'8 aprile 2010 nasceva il coordinamento colombiano contro le basi, una coalizione composta da oltre 150 organizzazioni sociali che fin dall'inizio hanno lavorato per scongiurare l'installazione di 7 basi militari Usa sul proprio territorio. Contemporaneamente, l'Alba sosteneva che le basi avrebbero rappresentato un pericolo per la stabilità dei paesi confinanti e dell'intero continente, in quanto minacciavano la sicurezza e la pace della regione. La sentenza della Corte Costituzionale assume una particolare importanza alla luce dell'indirizzo che intenderà prendere il nuovo presidente Santos in politica estera ed offre la possibilità all'ampio coordinamento contro le basi (composto da organizzazioni impegnate per il rispetto dei diritti umani, sindacati, partiti politici), di promuovere una forte azione di lobby sul Congresso affinché esprima un voto contrario alla trasformazione della Colombia nell'Afghanistan o nell'Iraq dell'America Latina, paesi di fatto invasi dagli Usa e diventati, loro malgrado, delle colonie a stelle e strisce. Spetterà infatti proprio al Congresso esprimersi in maniera affermativa o negativa sul verdetto della Corte entro un anno. Nonostante la sentenza della Corte Costituzionale suoni come una condanna, il governo sembra però intenzionato a procedere per la propria strada, ed ha ribadito la volontà di mantenere in vigore gli accordi già presi con gli Stati Uniti. Secondo il presidente della Corte Costituzionale Mauricio González invece, l'accordo per l'installazione delle basi è totalmente contrario alla stessa prassi costituzionale, che prevede appunto la previa consultazione del Congresso che, in caso di approvazione, dovrà essere sottoposto ad un nuovo riesame ad opera della Corte. Nel frattempo la coalizione contro le basi ha già chiesto il ritiro delle truppe statunitensi e lo smantellamento delle strutture militari, confortata anche dall'intervista rilasciata a Telesur dall'ex-magistrato della Corte Costituzionale José Gregorio Hernández, secondo il quale l'accordo Washington-Bogotà ha ripetutamente violato la costituzione colombiana. Hernández ha inoltre sottolineato come il patto militare per l'installazione delle basi sia stato giustificato dalla volontà di difendersi da terrorismo e narcotraffico, ma questo non deve significare la trasformazione del paese in un immenso campo militare da cui partano azioni di spionaggio nei confronti di altri paesi latinoamericani, intenzioni emerse da un documento dell'aviazione statunitense datato 3 Novembre 2009.
L'incostituzionalità del trattato ha generato sollievo anche tra i paesi verso i quali la Colombia ha sempre tenuto un atteggiamento ben poco amichevole, soprattutto Venezuela ed Ecuador, ma sul pronunciamento della Corte continua a pesare fortemente l'ostilità del governo di Bogotà: "Per la presidenza Santos", conclude il coordinamento contro le basi, "si tratta della prima prova del fuoco a livello internazionale".

 

Note:

Articolo relaizzato da David Lifodi per www.pacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy