Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

Honduras:Il popolo honduregno insorge contro il regime

Violenta repressione in tutto il paese non ferma lo Sciopero Civico Nazionale
31 marzo 2011 - Giorgio Trucchi

Mobilitazione in tutto il paese

La violenta repressione scatenata ieri (30/3) dal regime oppressore di Porfirio Lobo non ha fermato la grande mobilitazione popolare che si è estesa in tutto il paese, all'interno di una giornata di lotta indetta dal Fronte nazionale di resistenza popolare (Fnrp). Si contano a decine i feriti e gli arresti in tutto il territorio nazionale.

L'Honduras si è risvegliato ieri semiparalizzato, con blocchi stradali in tutto il paese. Fin dalle prime ore della mattina sono iniziate ad arrivare notizie sulle varie mobilitazioni e proteste che stavano bloccando le principali vie di comunicazione locali e internazionali. 

Nella capitale Tegucigalpa, la popolazione in resistenza si è appostata in vari punti della città, bloccando le principali arterie e i ponti veicolari. 

Nel frattempo, centinaia di maestri e maestre che lottano contro la privatizzazione dell'istruzione e contro la brutale repressione scatenata contro lo loro protesta da ormai più due settimane, si sono riconcentrati di fronte all'edificio della Corte suprema di giustizia ed esigono il rilascio di venti colleghi accusati di manifestazione illecita e sedizione. 

Di fronte a questa nuova prova di forza e alla capacità di mobilitazione della popolazione honduregna, il regime succedaneo del colpo di Stato ha nuovamente mostrato il suo vero volto, reprimendo per la seconda settimana consecutiva la popolazione in resistenza. 

"Stanno reprimendo la popolazione in tutto il Paese, ma la gente sta resistendo a Progreso, San Pedro Sula, Santa Rosa de Copán, Olancho, Colón, qui nella capitale e in molte altre città. Sono stati sgomberati e sono tornati a occupare le strade. Continuano a lottare", ha detto la coordinatrice del Consiglio civico delle organizzazioni popolari e indigene dell'Honduras (Copinh), Bertha Cáceres. 

"È peggio che durante i primi giorni del colpo di Stato, ma la gente ha imparato a difendersi e ha acquisito una maggiore capacità di risposta alla repressione. Stiamo difendendo i nostri diritti, la nostra territorialità e le nostre conquiste. Siamo convinti che questa mobilitazione permanente non si fermerà", ha affermato Cáceres. 

La dirigente indigena ha anche condannato la politica ipocrita degli Stati Uniti che continua a finanziare i corpi repressivi dello Stato e mantiene le proprie truppe sul suolo honduregno. 

STIBYS sotto assedio 

Durante la brutale repressione ordinata dal regime honduregno, la sede del combattivo Sindacato dei lavoratori dell'industria delle bevande e simili (Stibys) è stata violentemente attaccata, con un saldo di vari feriti e fermati. 

"Verso le 6.30 di mattina, le organizzazioni sindacali e popolari hanno occupato la strada antistante la sede dello Stibys. Alle 10.30, centinaia di membri dei corpi antisommossa della polizia e di militari ci hanno attaccato con bombe lacrimogene, con camion con cannoni d'acqua che sparavano liquido urticante.
 
Hanno iniziato a caricare e a colpire selvaggiamente le persone. Le hanno inseguite fin nei quartieri adiacenti la nostra sede. Le bombe lacrimogene venivano sparate direttamente contro le persone", ha denunciato il vicepresidente dello Stibys, Porfirio Ponce. 
 
Molte persone hanno cercato di rifugiarsi nella sede dello Stibys, ma ciò non ha fermato la violenza criminale. 
 
"Dalla strada hanno iniziato a tirare le bombe dentro il nostro recinto. La gente stava soffocando e fuori c'era la polizia pronta a reprimere. Molte persone sono state ricoverate e molte altre sono state colpite e arrestate. Nonostante ciò - ha continuato Ponce - la repressione non c'intimorisce e non ci fermerà.
 
Continueremo con la nostra lotta. Una lotta che è del popolo honduregno, in difesa dei diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, delle conquiste sociali, per l'educazione e la salute pubblica, contro le politiche neoliberiste. 
 
Questo regime è nato viziato ed è la continuazione del golpe. In Honduras non esistono le istituzioni e i poteri di fatto che controllano la politica e l'economia del paese, vogliono arrivare fino alle ultime conseguenze. 

Ma qui c'è un popolo che non tace. Sono due settimane che ci stanno reprimendo, giorno dopo giorno, ma continueremo per la nostra strada. Domani (oggi per chi legge) ci mobiliteremo nuovamente e lanciamo un appello alla solidarietà internazionale affinché denunci ciò che sta accadendo", ha concluso il vicepresidente dello Stibys. 

Poco prima di concludere questo articolo, il dirigente nazionale del Fnrp, Wilfredo Paz, ha comunicato alla Lista Informativa che nel Bajo Aguán la polizia ha aperto il fuoco contro i manifestanti. Ci sarebbero almeno 13 feriti e un morto. La polizia ha impedito che le persone si avvicinassero al corpo. Poche ore dopo, l'uomo ucciso è stato caricato su un automezzo della polizia e nessuno sa dove sia stato portato.

"La polizia ci ha sgomberato con violenza e ha iniziato a inseguirci sparando sui manifestanti. La gente si è raggruppata e ha cercato di occupare nuovamente la strada nella zona di Sonaguera, Colón. Ci sono decine di feriti in tutto il paese. La polizia ha sparato contro professori, contadini e membri della Resistenza".
 
L'esercito e la polizia hanno anche invaso l'Università Nazionale Autonoma dell'Honduras (Unah). Gli studenti hanno resistito e anche qui si contano vari feriti e fermati.

Note:


© (Testo Giorgio Trucchi - Lista Informativa "Nicaragua y más" di Associazione Italia-Nicaragua - www.itanica.org )

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy