Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Pari opportunità: Il Nicaragua al decimo posto a livello mondiale

    Quinto nel sotto-indice della partecipazione politica subito dopo i paesi scandinavi
    29 ottobre 2013 - Giorgio Trucchi

    Grafico BBC Mundo

    Con il fine di misurare la disparità di genere nel mondo, il Foro Economico Mondiale (World Economic Forum - WEF) ha elaborato il nuovo Global Gender Gap Index, l’indice di misurazione del divario tra uomo e donna relativo al 2013.

    L’indice analizza il gap in termini di opportunità fra i due sessi e offre un quadro completo per la valutazione e il confronto delle differenze globali uomo-donna in 136 nazioni (93% della popolazione mondiale).

    Quattro le aeree d'indagine: partecipazione e opportunità economica delle donne, cioè un'analisi dei salari, dei livelli di partecipazione al mondo del lavoro e del grado di accesso alle posizioni più qualificate; l'accesso all'educazione, sia quella di base che quella più elevata; l'influenza politica, cioè il grado di partecipazione alle strutture decisionali; le differenze tra uomo e donna in termini di salute e di aspettative di vita (ecostiera.it).

    Anche nel 2013, il Nicaragua continua a essere il Paese più avanzato dell'America Latina in quanto alle pari opportunità e occupa il decimo posto a livello mondiale, subito dopo i paesi nordici europei (Islanda, Finlandia, Norvegia e Svezia), le Filippine (quinte), Irlanda, Nuova Zelanda, Danimarca e Svizzera (vedi amplio reportage di BBC Mundo).

    Secondo il WEF, il Nicaragua occupa inoltre il quinto posto mondiale nel sotto-indice della partecipazione politica, come risultato diretto della riforma alla Legge dei Municipi che promuove l’equità e la complementarietà di genere, stabilendo che i partiti politici dovranno garantire il 50% di partecipazione femminile nelle proprie liste dei candidati alle elezioni municipali e nazionali.

    Nicaragua, Bolivia ed Ecuador sono le nazioni che hanno fatto i maggiori progressi in quanto all’equità di genere tra il 2006 e il 2013.

    La coordinatrice del Consiglio di comunicazione e cittadinanza, Rosario Murillo, ha sottolineato che questo risultato rappresenta un riconoscimento per i progressi fatti dal Nicaragua in materia di diritti e di partecipazione delle donne.

    “Ci sentiamo contenti, orgogliosi e anche se non possiamo dire di essere totalmente soddisfatti, sappiamo che abbiamo fatto degli importanti passi in avanti. Soprattutto grazie alla caparbietà delle donne, che sono decise, lavoratrici, capaci e responsabili”, ha detto.

    L’Islanda è la nazione in cui le donne godono dell'accesso più equo all'educazione e alla salute e hanno anche la maggiore probabilità di partecipare pienamente alla vita politica ed economica del Paese.

    Nessun paese del G20 - gruppo che riunisce le nazioni più industrializzate del mondo - è nei primi 10 posti. Il primo esponente è la Germania al 14esimo posto.

    Per quanto riguarda l’America Latina e Caraibi, il Global Gender Gap Index evidenzia che il divario di genere si è ridotto di circa il 70% nel 2013, una percentuale superiore a quella degli altri continenti. Subito dopo il Nicaragua, i Paesi che maggiormente garantiscono le pari opportunità tra i sessi sono Cuba (15esimo posto), Ecuador (25), Bolivia (27), Barbados (29), Costa Rica (31), Argentina (34), Colombia (35). Il Messico (68) compie un balzo in avanti di 16 posti, mentre il Brasile mantiene la stessa posizione del 2012 (62).

    "Molti Paesi devono cambiare radicalmente mentalità per quanto riguarda le questioni legate al capitale umano e, in particolare, su come integrare meglio le donne nei piani alti dell'economia", ha indicato il fondatore del WEF, Klaus Schwab, in un comunicato.

    E l’Italia?

    L’Italia è cresciuta di 9 posizioni nell’indice generale e si è posizionata al 71esimo posto, ma si mantiene come fanalino di coda in Europa. Il sotto-indice in cui si piazza peggio è quello della parità di retribuzione: 124esimo posto. L'ambito economico è quello con più dati negativi, visto che per partecipazione e opportunità economiche siamo al 97esimo posto, e per partecipazione al mercato del lavoro al'89esimo (euronews).

    Note:

    © Lista Informativa "Nicaragua y más" di Associazione Italia-Nicaragua - www.itanica.org

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy