Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Finalmente libero, ma rischia la morte se torna in Colombia

    Sindacalista colombiano rapito e torturato: ora chiede danni alla BP

    L'attivista sindacale Gilberto Torres parla delle guerre per il petrolio del suo paese e perché sta facendo causa alla BP
    20 novembre 2015 - Traduzione di Barbara Pozzi

       ‘If the companies were able to order my release, how can they not have been somehow involved in my capture?’ asks Colombian trade unionist Gilberto Torres, who is in London preparing a case against BP.

    Mentre la pace si fa più vicina in Colombia - ponendo fine a una guerra di 40 anni tra il governo e la guerriglia delle Farc di sinistra – un'altra guerra infuria senza sosta: la spaventosa violenza che circonda le miniere e le trivellazioni per il petrolio.

    Un importante superstite di queste atrocità ha visitato la Gran Bretagna questo mese per un tour di incontri pubblici sul suo rapimento e sulla sua tortura, mettendo in guardia dalle devastazioni della "industrie estrattive" in America Latina, e per consultare i suoi avvocati per un'azione legale che ha presentato contro la BP per i suoi presunti collegamenti con i rapitori.

    L'attivista sindacale Gilberto Torres è stato rapito dai paramilitari, presumibilmente legati al braccio di sicurezza della Ocensa - la joint venture che trasporta il petrolio della BP, e di cui era un membro attivo - nel febbraio 2002, e lo ha trattenuto per 42 giorni, durante i quali un altro uomo, con il quale era stato rapito, è stato decapitato.

     

    Torres è stato rilasciato dopo che i lavoratori hanno chiuso le stazioni di pompaggio e le raffinerie in tutta la Colombia per protestare contro il suo rapimento. "Se le aziende sono state in grado di ordinare il mio rilascio", ha detto a The Observer, "come possono non essere state in qualche modo coinvolte nella mia cattura?" Ora vive in esilio, temendo per la sua vita nel caso tornasse a casa.

     

    L’azione legale di Torres contro la BP non conferma il suo coinvolgimento diretto nel rapimento. Si basa, invece, sul fatto che al momento del rapimento la società era proprietaria di una quota del 15,2% dell'oleodotto Ocensa, che trasporta 650.000 barili al giorno dal suo Stato di origine di Casanare, nella Colombia centrale, al mare dei Caraibi. Altre stakeholder includono la TransCanada, la Total e la Tritone. La BP ha cominciato a lavorare nella zona a partire dal 1990, quando si è unita alla corsa per perforare uno dei più grandi giacimenti di petrolio nell'emisfero occidentale. I paramilitari colpevoli del sequestro hanno testimoniato di aver ricevuto l'ordine di rapire Torres da Ocensa. Torres punta il dito anche contro i collegamenti noti tra i paramilitari di destra e l'esercito colombiano, che è stato anche finanziato dalla BP per garantire la sicurezza per le sue operazioni.

     

    Altre azioni che la BP deve affrontare attualmente riguardo le sue operazioni in Colombia includono una causa intentata dagli agricoltori i cui campi e le cui fonti acquifere sono stati contaminati, causa che giunge ad un verdetto, e un ulteriore causa presentata a luglio da Edita Guenis Arrigui, che asserisce che il marito, Carlos Mesias Arrigui, è stato ucciso "da persone che si ritiene siano state responsabili delle misure di sicurezza da parte degli imputati" - riecheggiando la rivendicazione di Torres. Mesias era un boscaiolo e l'organizzatore della comunità le cui attività, come quelle di Torres, hanno influito sulle operazioni della BP. Egli aveva organizzato un posto di blocco nei villaggi per fare pressione sulla BP per far riparare i danni alla strada che porta alla loro installazione.

     

    Torres ha dato il via al suo tour unendo attivisti del gruppo BP-o-non-BP in una dimostrazione di teatro improvvisato al British Museum, in segno di protesta contro il suo programma di mostre sponsorizzate dalla società. Un evento imminente riguarda il Giorno dei Morti del Messico. "Quanto è ironico", dice Torres ", che verrà pagato con i soldi macchiati di sangue." Il gruppo si sta anche preparando a contestare i piani della BP per l'esplorazione in Messico.

     

    In un'intervista Torres ha ricordato come egli avesse aiutato ad organizzare uno sciopero nel dicembre 2001 in segno di protesta per l'assassinio del compagno attivista sindacale Aury Sara. Tre mesi più tardi egli è stato rapito da uomini che includevano membri della destra paramilitare delle Forze di Auto-Difesa di Casanare, alla guida di un furgone dello staff di sicurezza Ocensa. Essi hanno picchiato Torres, poi lo hanno tenuto in un pozzo, incatenato e bendato, urlandogli contro per aver osato sfidare le multinazionali e lasciando le sue ferite dal pestaggio esposte agli insetti. Dopo la chiusura totale della produzione di petrolio, è stato rilasciato.

     

    Torres ha iniziato la sua azione legale in Colombia, dove è stata procrastinata fino a cadere in prescrizione. Ma un tribunale amministrativo ha stabilito che il suo rapimento è stato un crimine contro l'umanità, che richiede la riapertura del caso. "Stiamo raccogliendo prove in Colombia per ottenere un verdetto lì, che possa essere la base per l'azione legale di Londra", ha detto.

    Un soldato paramilitare ha confessato il rapimento e altri reati, e ha testimoniato il suo coinvolgimento dal carcere. Di altri quattro uomini anch'essi imprigionati, Torres ha detto: "Ne abbiamo un altro che ci auguriamo possa accettare di testimoniare che sono stati istruiti dalle società per rapirmi e hanno accusato direttamente l'Ocensa."

     

    Torres ha detto che i suoi avvocati avevano chiesto di avere i contratti relativi ai dispositivi di sicurezza della BP, tra cui i suoi legami con l'esercito. "Le nostre informazioni dicono che in quel momento la BP era responsabile per le misure di sicurezza", ha detto. La BP lo nega.

     

    Ma lo scopo del tour di Torres, organizzato da War on Want, è anche quello di "parlare della questione più ampia delle violazioni dei diritti umani nel settore dell'estrazione". "Le miniere e le perforazioni per il petrolio hanno devastato la Colombia. Si tratta di una Segundo Conquista - una seconda conquista [delle Americhe]. Cinquecento anni fa, sono venuti con i conquistadores e con gli specchi. Ora vengono con trivelle e miniere di petrolio.

     

    "Queste aziende", continua, "stanno sfruttando le risorse senza alcun riguardo per i bisogni della gente. Nei settori in cui le imprese arrivano, i lavoratori lasciano il terreno per lavori nelle trivellazioni petrolifere o minerarie, e le colture vanno sprecate. I lavoratori possono lavorare un contratto di massimo di 28 giorni [dopo i quali] rimangono ad aspettare un altro contratto, cosa che conduce alla disgregazione sociale, alla criminalità, alla violenza e alla prostituzione ".

     

    Una città mineraria, Aguazul, con una popolazione iniziale di soli 50.000 "si è espansa e ora ha il più alto tasso di omicidi pro capite in Colombia - niente a che fare con le FARC e l'esercito, è tutta colpa di estrazione del petrolio". Torres aggiunge: "Nel 1990, quando la BP e le altre aziende sono arrivate, i sindacati hanno proposto un piano per gli idrocarburi socialmente responsabile e sostenibile. E' stato discusso in Parlamento e scartato ".

     

    I paramilitari di destra smobilizzati "sono venuti per proteggere l'oleodotto e gli interessi delle multinazionali; quando sono stato rapito mi hanno picchiato per essere andato contro gli interessi delle società. Si tratta di ex combattenti con paramilitari, ma fondamentalmente mercenari - non vedo questo come parte della guerra ideologica, lavoreranno e uccideranno per il miglior offerente. Sono pagati per molestare, attaccare e uccidere chiunque metta in discussione gli interessi delle aziende, chiunque cerchi di affrontare le questioni ambientali e i diritti dei lavoratori o dei cittadini della zona, e gli sfratti della zona. " Amnesty International riporta che circa 11.000 persone sono già state spostate per far posto all'oleodotto di Casanare.

     

    "Quando sono stato trattenuto", ha detto Torres, "i miei rapitori si lamentavano che stavano perdendo soldi nel farmi la guardia - potrebbero guadagnare tra 1m e 46m pesos [€ 300 - € 13.800] con gli omicidi. E il numero di queste persone disponibili a proteggere gli interessi delle multinazionali potrebbe raddoppiare quando le Farc fermeranno la loro guerra ".

     

    Torres si è fatto un'idea sul perché il tema degli abusi dei diritti umani legati alle attività di estrazione delle multinazionali non faceva parte del processo di pace tra le Farc e il governo, che di recente è giunto alla fase finale cruciale dei colloqui ospitati a L'Avana. "Penso che se la questione delle risorse fosse stata oggetto di negoziazione, la pressione esterna degli interessi corporativi sarebbe stata così grande, e la posta in gioco così alta, che i colloqui sarebbero collassati."

     

    Torres ha detto che la sua vita personale era stata "dilaniata da tutto questo. Mi sono trasferito prima a Madrid con mia moglie e mio figlio, ma non potevamo permetterci di rimanere lì con la crisi economica". Successivamente egli si è trasferito nella Repubblica Dominicana "e mia moglie e il mio figlio in Colombia, ma non posso raggungerli laggiù – mi ucciderebbero". Egli trascorre il suo tempo a preparare la sua azione legale e a fare una campagna per conto degli haitiani che vengono esiliati dal loro paese.

     

    Susan Willman, per conto della società di avvocati londinesi “Torres Deighton Pierce Glynn”, ha detto a The Observer: "Sono necessarie leggi severe nel Regno Unito per scoraggiare le multinazionali come la BP e la G4S a investire in zone di conflitto come la Colombia e la Palestina, dove la loro presenza sarà inevitabilmente associata alle atrocità che vengono commesse. Quantomeno, le vittime come Gilberto meritano l'accesso a un ricorso nei nostri tribunali, che è bloccato dalla mancanza di assistenza legale e dalle spese enormi."

     

    Un portavoce della BP ha dichiarato: "Mentre la BP deplora ciò che è successo al Sig. Torres, rifiutiamo qualsiasi accusa che la BP abbia avuto alcun coinvolgimento con o conoscenza dell'incidente o che la BP abbia in qualche modo assunto, lavorato con o incoraggiato le attività paramilitari in Colombia durante il tempo in cui gestiva lì le sue operazioni ... Al momento dell'incidente che ha colpito il Sig. Torres, la BP era un azionista di minoranza della Ocensa e non ha avuto parte nella gestione del gasdotto ".

     

    Ocensa ha detto all'inizio di quest'anno che "non ha commissionato, ordinato o pagato per il rapimento di Gilberto Torres" e non era mai stata responsabile per la rimozione, il sequestro di persona e l'omicidio.

     

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies