Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

Haiti: considerazioni di Amnesty International sulla missione della MINUSTAH

AI afferma che le devastanti innondazioni che la settimana scorsa hanno colpito il paese sono una ulteriore ragione affinche' la comunita' internazionale affronti la crisi umanitaria e dei diritti umani che soffre Haiti
1 giugno 2004 - Amnistía Internacional - trad. Alejandra Bariviera


Amnesty International, giugno 2004

Le devastanti inondazioni che settimana scorsa hanno colpito Haiti sono un
altra importante ragione perché la comunità internazionale prenda le misure
per far fronte alla crisi umanitaria e dei diritti umani che vive il paese,
ha detto oggi 1° giugno, Amnesty International.

L¹attuale situazione di insicurezza e instabilità politica che attraversa
Haiti ha le sue radici in una lunga storia di disuguaglianze economiche e
sociali. La Missione di Stabilizzazione delle Nazioni Unite ad Haiti
(MINUSTAH) deve utilizzare tutte le disposizioni umanitarie del suo mandato,
questo comprende anche l¹aiutare il governo haitiano ad elaborare programmi
per offrire i servizi sociali di base come la salute, la nutrizione, l¹acqua
e l¹igiene.

In prossimità del passaggio dei poteri dalla Forze Multinazionali
Provvisorie de l¹ONU e Missione di Stabilizzazione delle Nazioni Unite ad
Haiti (MINUSTAH), il comune cittadino ad Haiti continua a vivere in una
situazione di paura e insicurezza, in tanto che bande armate controllano di
fatto gran parte del paese.

³ Il primo passo per garantire la sicurezza dei civili ad Haiti è il disarmo
dei gruppi armati e il ristabilire lo Stato di diritto in tutto il paese, ha
detto Amnesty International , che ha aggiunto: ³E deplorevole che né le
Forze Multinazionali Provvisorie né il governo provvisorio abbiano fatto
nessun tentativo credibile di iniziare, ne di proporre, programmi integrali
di disarmo nazionale ².

La prima priorità che la Missione dell¹ONU deve realizzare è il disarmo,
tante volte promesso ma mai realizzato. Soltanto quando saranno ristabiliti
i livelli minimi di sicurezza all¹interno di una cornice di autorità
governativa, la MINUSTAH si potrà occupare con efficacia del resto degli
elementi del suo mandato: l¹appoggio al governo provvisorio nella
ricostruzione dei sistemi di polizia, penitenziario e giudiziale e il
ripristino dello Stato di diritto.

³Un mandato di questo tipo ha bisogno di tutto l¹aiuto e impegno delle
nazioni che compongono l¹ONU. Amnesty International sollecita a tutti gli
Stati membri delle Nazioni Unite a fornire il prima possibile, il numero
necessario di truppe e agenti di polizia civili per consentire il successo
di questa missione. Sollecitiamo principalmente i paesi di lingua francese a
mettere a disposizione il proprio personale ².

Il ripristino di un sistema giudiziario indipendente e lo sviluppo di una
polizia e un sistema penitenziario che rispettino i diritti umani devono
essere anche queste attività prioritarie del MINUSTAH. Ad Amnesty
International preoccupa che ex militari che abbiano violato dei diritti
umani , possano arrivare a far parte della polizia o esserci già. La
MINUSTAH deve garantire che si stabilisca urgentemente un processo di
analisi degli antecedenti nella selezione dei nuovi agenti per cosi poter
individuare gli autori di abusi contro i diritti umani ed evitare che siano
incorporati nella polizia haitiana.

Tutti gli abusi contro i diritti umani, passati e presenti, devono essere
individuati rapidamente in modo esaustivo e imparziale, e i responsabili,
indipendentemente della loro posizione o idee politiche, devono essere messi
a disposizione della giustizia.

³La MINUSTAH deve mettere in chiaro con forza e senza lasciare dubbi che
non permetterà l¹impunità e che prenderà seriamente il proprio mandato di
proteggere e promuovere i diritti umani², ha detto Amnesty International.

³La MINUSTAH ha un ruolo molto importante da svolgere per garantire che il
governo provvisorio e le istituzioni e i gruppi per i diritti umani
proteggano con efficacia questi diritti, che si rilevino tutti gli abusi e
che le vittime ottengano un risarcimento .²

Inoltre, nel rendere conto delle proprie azioni si deve intendere anche il
personale delle Nazioni Unite. E¹ stato denunciato che la Forza
Multinazionale Provvisoria ha fatto un uso eccessivo della forza e
dell¹intimidazione durante le retate e Amnesty International ha insistito
con il commando statunitense di questa Forza per che porti a termine
indagini complete e imparziali riguardo tutti questi incidenti, che
individui i responsabili e si occupi in modo adeguato di chi ha commesso
degli abusi.

³La MINUSTAH deve dare priorità assolta al promuovere e proteggere i diritti
umani, questo presuppone accertarsi che le proprie truppe e gli agenti della
polizia civile per il mantenimento della pace rispettino rigidamente le
norme internazionali dei diritti umani e il diritto internazionale
umanitario ³, conclude Amnesty International.

Note:

traduzione di Alejandra Bariviera a cura di Peacelink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy