Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • BoLiBia?

    17 ottobre 2011 - Marinella Correggia
  • La strada della discordia in Bolivia: sincere, meschine e grandi opposizioni

    La strada della discordia in Bolivia: sincere, meschine e grandi opposizioni

    Succede forse che ora le vittime della repressione si rivoltano contro il proprio progetto liberatore? O che qualcosa è cambiato nella direzione mentale di coloro che lo patrocinano? O succede forse che gli interessi in gioco pilotano l’informazione? La cosa interessante non è analizzare i fatti con atteggiamento manicheo, ma scindere il possibile errore dalla malafede.
    7 ottobre 2011 - Javier Tolcachier
  • Continua il dibattito in seguito alla repressione della polizia

    Tipnis boliviano: prosegue la marcia indigena

    Nominati i nuovi ministri agli Interni e alla Difesa
    4 ottobre 2011 - David Lifodi
  • La polizia attacca con violenza la marcia indigena in difesa del Parque Nacional Isiboro Sécure

    Bolivia: lo scempio

    Mobilitazioni in tutto il paese contro Evo Morales e il Mas
    27 settembre 2011 - David Lifodi

Bolivia: la " libanizzazione " del paese

A causa dei suoi conflitti sociali e politici, la Bolivia rishcia una " libanizzazione" , dividendosi in tre parti, di cui una, Tarija sara' annessa all' Argentina che aspirta ad utilizzare il 90 % delle riserve di gas naturale della Bolivia
12 luglio 2004 - Andrés Soliz - trad. S. Corbatto
Fonte: Argenpress

Bolivia: La "libanizzazione" della Bolivia
Andres
Soliz

Con la scioltezza di uno squartatore di professione, il Ministro argentino
della Difesa, Jose' Pampuro, ha manifestato a Radio 'Rivadavia' di Buenos
Aires la propria preoccupazione riguardo la 'libanizzazione' che vive la
Bolivia a causa dei suoi conflitti sociali e politici. Sega alla mano, Pampuro
assicura che il paese si dividera' in tre parti. Una sara' Tarija, che si
annettera' ad un altra repubblica (a quella argentina, senza dubbio), regione
che, casualmente, detiene quasi il 90% delle riserve boliviane di gas naturale.
Le altre due avanzeranno per i restanti vicini. Egli ha segnalato, inoltre,
che il problema verra' analizzato durante una visita ad Haiti che compira'
nei prossimi giorni, assieme ai colleghi Jose' Viegas, del Brasile, Michelle
Bachellet, del Cile, e Yamandu' Fau, dell'Urugay ('La Prensa', 26-06-04).

Ricordiamo che il Libano ha affrontato durante gli scorsi anni degli spaventosi
conflitti, interni ed esterni. A seguito della Guerra dei Sei Giorni, nel
1967, perse una parte del proprio territorio per mano di Israele e costitui'
un importante scenario bellico durante la Guerra dello Yom Kippur del 1973.
Gli scontri armati provocarono un aumento del numero dei rifugiati palestinesi
in territorio libanese, fatto che scateno' una sanguinosa guerra civile,
iniziata nel 1975 ma attraversata dai momenti piu' cruenti, come i massacri
di Sabra e Chatila, tra il 1977 e il 1980. La successiva ondata di crimini
ed attentati ha impiegato molto tempo a placarsi.

Non sappiamo quante di queste disgrazie desideri Pampuro per la Bolivia,
paese che, secondo le ingenue parole del Presidente Carlos Mesa, ha deciso
di vendere gas all'Argentina come atto di solidarieta' nei confronti del
popolo argentino. E non e' che pensiamo che i boliviani non debbano essere
solidali con la patria di San Martino e Scalabrini Ortiz; e' solo che questa
vendita e' stata stabilita dalla spagnola Repsol, filiale Bolivia, assieme
alla Repsol, filiale Argentina, allo scopo di obbligare il governo di Kirchner
ad aumentare le tariffe nel suo mercato interno, obiettivo che e' stato
pienamente raggiunto.

Con ulteriore ingenuita', Mesa aveva assicurato che neanche una molecola
del gas boliviano venduto all'Argentina sarebbe stata poi esportata in Cile,
dal momento che il suo governo ha deciso di usare il gas come arma strategica
per recuperare la costa marittima, persa nella guerra del 1879. Pochi giorni
prima che iniziasse l'esportazione, l'Argentina ha ratificato le sue vendite
al paese transandino, non di gas boliviano, probabilmente, ma della materia
prima disponibile rimasta inutilizzata dopo i rifornimenti dalla Bolivia.
La notizia e' di 'Ripley' che, contemporaneamente, ha rivelato che le compagnie
petrolifere che operano in Bolivia vendono al Cile gas di petrolio liquefatto
(GPL) senza alcun intermediario.

Pochi giorni fa Mark Falcoff, l'esperto ibero-americano dell'American Enterprise
Institute (AEI), un centro di periti neoconservatori al servizio del vicepresidente
statunitense Dick Cheney, ha annunciato che la Bolivia si disintegrera'
se le transnazionali non venderanno il gas di Tarija al Messico o agli USA.
E' questo il punto che, secondo Pampuro, discuteranno ad Haiti i Ministri
della Difesa di Argentina, Brasile, Cile e Uruguay? Perche' ad Haiti, paese
dal quale pochi mesi fa e' stato espulso il presidente Aristide, democraticamente
eletto, e che ha subito un'invasione nordamericana, per poi ricevere l'appoggio
dei soldato cileni, argentini e brasiliani?

I paesi vicini alla Bolivia non divrebbero contribuire a 'libanizzarlo',
dato che in qualsiasi momento potrebbero subire la sua stessa sorte. Piuttosto,
dovrebbero dare impulso tutti insieme alla creazione di Petroamerica, la
compagnia petrolifera latinoamericana suggerita dal Presidente Hugo Chavez
del Venezuela, allo scopo di frenare la politica imperialista di Washington.
Martedi' scorso, il cancelliere di Kirchner, Rafael Bielsa, ha dichiarato:
'La verita' e' che il Governo argentino e' stufo che l'Ambasciatore degli
USA a Buenos Aires, Roger Noriega, si intrometta nelle questioni interne
dell'Argentina' ('La Razon', 30-06-04). Il diplomatico americano aveva manifestato
la sua preoccupazione per le manifestazioni di disoccupati che avevano bloccato
le strade e occupato le sedi di alcune transnazionali. E' arrivato il momento
che Bielsa dica a Pampuro che smetta di essere il portavoce di interessi
che oltretutto opprimono il popolo argentino.

Note:

redaccion@argenpress.info

articolo originale: http://www.argenpress.info/nota.asp?num=012046

Traduzione a cura di Silvia Corbatto - Associazione PeaceLink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy