Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Otto Pérez Molina, ex-generale di estrema destra, è il nuovo presidente

    Guatemala: un militare al potere

    Le elezioni sono state caratterizzate da un alto tasso di astensionismo
    8 novembre 2011 - David Lifodi
  • Otto Pérez Molina non sfonda e si ferma al 38%

    Guatemala: ballottaggio presidenziale tra le destre

    Ritardi e caos durante lo spoglio elettorale
    13 settembre 2011 - David Lifodi
  • L'ultradestra sfrutta l'insicurezza sociale e rischia di fare il pieno di voti

    Guatemala: Otto Pérez Molina probabile presidente

    Le presidenziali di domenica 11 Settembre si preannunciano senza storia
    6 settembre 2011 - David Lifodi
  • Lettera aperta delle comunità di Cotzal (Quiché, Guatemala)
    Guatemala. La società italiana ENEL e le autorità governative hanno cercato di ignorare i diritti delle comunità Maja sul territorio e le decisioni che lo riguardano

    Lettera aperta delle comunità di Cotzal (Quiché, Guatemala)

    "Noi esigiamo i nostri diritti sulle montagne, i fiumi e i boschi che sono quelli che danno vita alle nostre comunità indigene, alle nostre figlie e ai nostri figli, alle future generazioni, questo è quanto stiamo esigendo dall’ENEL ed il Governo deve rispettare i nostri diritti legittimi"
    8 agosto 2011

Guatemala : il Procuratore per i Diritti Umani, Sergio Morales indaga sui fatti di violenza del 31 agosto nello sgombero della finca Nueva Linda in Retaulheu.

6 settembre 2004 - Flavio Tannozzini

Secondo testimoni, i morti tra i contadini sarebbero piu di sei, infatti
alcune persone hanno dichiarato di aver visto al suolo molti corpi senza
vita durante la fuga dall'incursione della polizia. Altri dichiarano di
aver visto un trattore interrare dei corpi in una fossa comune e ricoprire
le tracce. I proprietatri del latifondo, dopo aver partecipato alle
sgombero con le proprie guardie private che hanno aperto il fuoco sui
contadini, hanno ripreso possesso della terra e insediato le proprie forze
di sicurezza nella zona e fatto cancellare tutte le tracce dello scontro
armato. Alcuni giornalisti, che avevano seguito lo sgombero sin
dall'inizio, sono stati anch'essi aggrediti dalla polizia e privati di
fotografie e filmati.
Il procuratore per i DDUU ha denunciato le forze di polizia per omicidio,
aggressione, abuso di potere e lesioni, oltre che di esecuzione
extragiudiziale di almeno un contadino giustiziato a freddo dagli stessi
poliziotti. Ieri la relazione del Procuratore e' stata esposta
nell'assemblea plenaria del Congresso della Repubblica, ma i partiti di
maggioranza continuano a difendere l'operato della Polizia Nazionale
Civile, che conta tre morti tra gli agenti, che avrebbero risposto al fuoco
di alcuni contadini armati.
La Chiesa Cattolica, per voce dell'Arcivescovo Quezada Toruño esprime il
pieno appoggio alle investigazioni e alle denunce della Procura per i
Diritti umani, ribadendo la mal gestione dello sgombero effettuato dalle
forze armate e la volonta' di indagare sull'esistenza di fosse comuni e
sulla sorte di 6 persone tra i containi che risultano tutt'ora scomparse.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy