Palestina

Palestina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)

In rilievo

  • Settembre Musica ignora, come il Salone del Libro, il problema dei diritti umani

    Nell'ambito di Settembre Musica 2011 si terranno due concerti della Israel Philarmonica Orchestra (IPO) a Milano e a Torino
    13 settembre 2011 - International Solidarity Movement
  • Angela Lano racconta la vergogna di Israele

    Angela Lano racconta la vergogna di Israele

    Tortura psicologica, violenza, crudeltà inflitte con inspiegabile sadismo. Perché tutto questo? Chi vuole lavorare veramente per la pace, non può e non deve accettare, ma, soprattutto, supportare i metodi con cui Israele sta portando avanti la "sua missione" in tal senso.
    4 giugno 2010 - Nadia Redoglia
  • Angela Lano: una giornalista non embedded
    Tieni duro, amica mia

    Angela Lano: una giornalista non embedded

    Quando un giornalista è sul campo, non rimpannucciato in un albergo in attesa d'essere collegato, per leggere le veline che gli hanno appena passato...
    31 maggio 2010 - Nadia Redoglia
  • I Palestinesi, un popolo di troppo – Intervista a Jeff Halper

    Jeff Halper, uno dei più importanti attivisti per la pace israeliani, risponde a domande su sionismo, apartheid, pulizia etnica e futuro per i palestinesi.
    18 settembre 2009 - Lorenzo Galbiati - traduzione di Daniela Filippin
  • Macerie emozionanti

    Macerie emozionanti

    5 agosto 2009 - Amira Hass
  • L'umanità del sottosuolo
    Intervista a Kassem Aina, fondatore della prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano

    L'umanità del sottosuolo

    Kassem Aina è il fondatore di Beit Aftal Assumoud, la prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano, nel 1982, per una sorta di adozione collettiva degli orfani di Sabra e Chatila, dove nel 1982 le milizie maronite uccisero 3500 palestinesi con la complicità dell'esercito israeliano. Oggi l'associazione è attiva in tutti i campi profughi palestinesi in Libano e rappresenta la più ampia rete di assistenza sociale e sanitaria e di sostegno agli studi
    5 agosto 2009 - Francesca Borri
Motore di ricerca in
RSS logo
PALESTINA

Ong israeliane e palestinesi contro il nuovo ordine di espulsione

Settantamila palestinesi rischiano l'espulsione in base a un nuovo ordine militare. Le associazioni si mobilitano
19 maggio 2010 - M.C.R.
Fonte: Alternative Information Center e Redattore sociale - 19 maggio 2010

Militari israeliani

Abolire il nuovo ordine militare che definisce 70 mila abitanti della Cisgiordania come “infiltrati”. È questo il contenuto di un appello diffuso ieri, 13 maggio, in un comunicato stampa firmato da alcune tra le più note associazioni per i diritti umani israeliane e palestinesi, da B'Tselem a Badil Resource Center for Palestinian Residency and Refugee Rights, da Addameer Prisoner Support and Human Rights Association a  Physicians for Human Rights-Israel. "Esprimiamo la nostra opposizione alla politica israeliana di trasferimento e deportazione illegale dalla Cisgiordania, che si è intensificata con l'ordine riguardo la 'prevenzione d'infiltrazione' (ordine 1650)", scrivono le associazioni. L'ordine militare di espulsione, approvato in dicembre ed entrato in vigore dal 13 aprile, riguarda tre categorie di persone: i palestinesi originari di Gaza ma che vivono in Cisgiordania (compresi coloro che si sono trasferiti da molti anni o che sono nati in Cisgiordania da genitori di Gaza); i coniugi stranieri di palestinesi che vivono in West Bank (compresi i palestinesi con carta d'identità israeliana, i cosiddetti Palestinians 48) e infine le persone di altre nazionalità con permesso di soggiorno scaduto.

L'ordine militare, scoperto e denunciato sulle colonne del quotidiano israeliano Haaretz dalla giornalista Amira Hass, suona come uno dei provvedimenti militari più duri e pericolosi dal 1967 a oggi. Il documento, ricorrendo a un linguaggio in vari punti ambiguo, definisce gli appartenenti alle tre categorie come “infiltrati”. Come denunciato da numerose associazioni, "decine di migliaia di persone, inclusi coloro nati o residenti in Cisgiordania da decenni, rischiano di essere scacciati dalle loro case, famiglie, scuole e posti di lavoro, perché Israele li ha dichiarati 'illegali' nella loro stessa terra". In un territorio pesantemente frammentato dal Muro di separazione, la libertà di movimento viene ulteriormente compromessa: molti palestinesi stanno infatti scegliendo di non spostarsi da casa per non dover attraversare check-point e rischiare di essere espulsi. Da un punto di vista giuridico, inoltre, la decisione viola l'articolo 49 della Convenzione di Ginevra.
Le associazioni fanno appello al governo israeliano di "cancellare l'ordine 1650, di desistere dalla politica di deportazione e trasferimento, di riconoscere il diritto dei palestinesi e degli stranieri di vivere, lavorare e visitare la Cisgiordania, in accordo con il diritto internazionale e gli accordi siglati da Israele, e di permettere alle persone protette di muoversi liberamente, entrare e uscire dalla Cisgiordania".

Alla vigilia dell'inizio di applicazione dell'ordine militare, l'Aic aveva aspramente criticato un ordine che rende 70 mila palestinesi "ostaggio nelle proprie case", minando anche la vita privata e familiare di migliaia di persone di diverse nazionalità. Il provvedimento s'inserisce in mesi d'inasprimento delle restrizioni negli accessi a Israele e ai Territori palestinesi da parte di ong e associazioni internazionali.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy