Disarmo e Smilitarizzazione

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    IRAQ: una tragedia infinita

    17 maggio 2010 - Aldo Fiore

     

    IRAQ: una tragedia infinita

    il vescovo di mosul con don renat sacco di pax christi
    La situazione in Iraq sembra peggiorare di giorno in giorno. In particolare a Mosul, secondo il Vescovo Caldeo Mons. Shimoun Nona, “c’è una vera e propria emergenza umanitaria. In pochi giorni una decina di persone uccise. Lo scorso 23 febbraio, nella loro casa sono stati uccisi un uomo e i suoi due figli. E’ un attacco mirato ai cristiani. Centinaia di famiglie cristiane hanno abbandonato la città. La situazione è drammatica.”
    Pax Christi Italia, da anni vive un rapporto stretto con l’Iraq, con le persone che vivono in quella terra di Abramo. Per questo condanniamo ogni forma di violenza e chiediamo a tutti di non dimenticare, di fare tutto il possibile perchè questa tragedia possa finire.
    Si avvicinano anche le elezioni, il prossimo 7 marzo, e temiamo che ci possa essere ancora di più un escalation di violenze.
    E’ in atto un conflitto di potere tra Arabi e Curdi. Per questo è importante trovare una risposta politica a questa lotta di potere.
    Come ci dice Mons Louis Sako, vescovo di Kirkuk, “c’è un progetto politico che intende togliere da Mosul e forse da tutto l’Iraq, i cristiani. Questo progetto va fermato. Ai cristiani non interessano i giochi di potere, l’egemonia economica, ma la creazione di uno Stato in cui le diverse etnie possano convivere in modo pacifico. L’Iraq è un mosaico di presenze etnico-religiose. Distruggere questo mosaico sarebbe come distruggere tutto l’Iraq.”

    Come più volte abbiamo detto e gridato: non possiamo tacere! Non possiamo dimenticare!

    Per questo Pax Christi ha preparato un piccolo cartoncino con i volti delle persone incontrate in quella terra, con i nomi di tutte le presenze etnico-religiose che compongono questo mosaico che non deve essere distrutto. Può essere usato come bigliettino di augurio Pasquale, per una vera Pasqua di Pace, di vita, di Resurrezione.

    Proprio in questi giorni, nel cammino quaresimale, ricorrono due anniversari importanti:
    In Iraq: il rapimento e l’uccisione di Mons Rahho, vescovo di Mosul, 29 febbraio 2008.
    In Palestina: l’inizio della costruzione del Muro a Betlemme, 1 marzo 2004.

    L’impegno di Pax Christi nel coltivare la comunione con i cristiani del Medio Oriente si rafforza in questi giorni con la preghiera e la solidarietà concreta anche con la presenza di un pellegrinaggio di Pax Christi a Betlemme.


    Pax Christi Italia
    Firenze, 1 marzo 2010

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy