Comitato delle le associazioni per la pace ed i diritti umani - Rovereto

Centro di Educazione alla Pace di Rovereto

RSS logo

I tanti colori della Carovana in Trentino

Il passaggio della carovana Arcobaleno in Trentino ha dato vita giovedì 4 marzo 2003 a un momento di happening nella piazza Duomo di Trento. Dopo la conferenza stampa dei rappresentati delle realtà del "Laboratorio NoWar" impegnate verso il 20 di marzo, in cui sono state presentate le motivazioni e le proposte per contrastare la macchina della guerra permanente, l'aggregazione si è spostata verso la piazza centrale di Trento con un festoso incontro con la popolazione.
29 settembre 2006

A suon di musica Jazz e stata colorata la fontana con una maxi-bandiera della pace che ha avvolto il furgone della Carovana della Pace. Sono state raccolte firme per il referendum autogestito per il ritiro dei soldati dall'iraq, per politiche di disarmo e per inserire il nostro art.11 per il ripudio della guerra nella Costituzione Europea. Molte firme sono state raccolte anche a sostegno della petizione che chiede il cambiamento del regolamento della fiera EXA, fiera internazionale sulle armi leggere.

Dal furgone della "Carovana" sono uscite poi le bandiere arcobaleno che sono state firmate con alcuni pensieri dai cittadini e dai pacifisti trentini che verranno poi mandate attraverso il Cordinamento nazionale negli Usa e recapitate alle reti dei movimenti americani impegnati nel fermare la macchina da guerra dell'amministrazione Bush e del sistema neoliberista. A tutti i passanti sono state volantinate le motivazioni e le informazioni per partecipare alla manifestazione del 20 marzo a Roma.

La sera del giovedì la Carovana ha fatto tappa a Pergine, cittadina a 10 Km da Trento, dove si è tenuto un incontro con le realtà raggruppate nel coordinamento "Valsugana per la Pace". Molte le proposte e le idee nate. Tra queste un impegno a fare pressione verso i Comuni affinchè approvino una mozione per la fine dell'occupazione in Iraq che sarà sostenuto anche da una raccolta firme con dei banchetti nei comuni della Valsugana prevista per sabato 13 marzo. A questa proposta si è aggiunta la volontà di contattare la squadra dell'Itas Volley, per inivitarla a vestire un simbolo di pace nella partita che precede la giornata del 20 di marzo. Per la giornata del 20 il gruppo di famiglie di Cortili di Pace sta organizzando per chi sarà impossibilitato a partecipare a Roma un escursione al Forte sopra Pergine, un simbolo di guerra sul quale verrà portata una voce di pace.

La Carovana ha poi proseguito il suo viaggio verso Verona e passando da Rovereto ha salutato l'organizzazione della "scritta di pace" che nella sera del venerdi 5 ha animato la piazza della "città della pace".

Andrea Trentini - del Gruppo Azione Nonviolenta aderente al Laboratorio NoWar

Compongono il Laboratorio NoWar

Acli Trentine, Altrimondi-Arci, Attac-Trento, Amici del Chiapas, Cgil del Trentino, Comitato Ass.ni Pace e Diritti Umani Rovereto, Commissione Giustizia e Pace della Diocesi di Trento, Cooperativa Mandacarù, Cortili di Pace di Pergine, Creceremos Juntos Onlus, Giudicariesi per la Pace, Fiom, Gruppo Azione Nonviolenta, Gruppo Chiesa Valdese, Laboratorio di Pace delle Valli di Non-Rumo--Sole-Rabbi - Pejo, Nodo della Rete di Lilliput del Trentino, Rifondazione Comunista, Sinistra Giovanile, Studenti dell'Aula 18, Tana libera tutti, Git di Banca Etica in Trentino