Comitato delle le associazioni per la pace ed i diritti umani - Rovereto

Centro di Educazione alla Pace di Rovereto

RSS logo

Giornata Mondiale dell'acqua, in difesa di un diritto pubblico

In Trentino la questione dell’acqua sta assumendo la dimensione di un problema a causa non soltanto delle conseguenze climatiche e dello sfruttamento per uso produttivo (agricoltura, impianti di innevamento, turismo) , ma per le scelte politiche che accentuano il rischio di privatizzazione dei servizi idrici (acquedotti, fognature, depuratori).
21 marzo 2008


22 marzo 2008
Giornata Mondiale dell'acqua, in difesa di un diritto pubblico

La conferenza delle Nazioni Unite sull'Ambiente e lo Sviluppo, tenutasi a Rio de Janeiro nel 1992, ha scelto il giorno 22 marzo come data per celebrare la Giornata Mondiale dell'Acqua.

Da molti anni si va ripetendo che:
Un miliardo e duecento milioni di persone, più o meno un quinto della popolazione mondiale, non hanno accesso ad acqua sicura.
2 miliardi e 400 milioni, circa il 40 per cento della popolazione del pianeta, non dispongono di impianti igienici adeguati.
Ogni giorno, circa 6.000 bambini muoiono per malattie causate da acqua inquinata, da impianti sanitari e da livelli di igiene inadeguati – come se 20 jumbo jet si schiantassero ogni giorno.
Si stima che l’80 per cento di tutte le malattie presenti nel mondo in via di sviluppo siano all’origine dell’acqua non potabile e impianti igienici inadeguati.

Sono dati conosciuti, ripetuti fino all’ostentazione, ma non bastano a modificare la realtà. Stiamo parlando di un diritto universale inalienabile per la vita: l’acqua. L’abitudine ad avere l’acqua potabile non ci sottrae dalla responsabilità a salvaguardarla e ad impegnarsi affinché questo bene fondamentale alla vita sia accessibile a tutti nel mondo.

sorriso goccia Non si tratta di rifare l’elenco delle “buone pratiche” per un uso corretto di questo bene prezioso, occorre avere coscienza che i diritti vanno sempre rivendicati, altrimenti non esistono sicurezza e democrazia.

Nel caso dell’acqua i diritti devono essere chiari ed espliciti:
l’acqua è un bene comune inalienabile
l’accesso all’acqua potabile deve essere garantito in tutto il mondo
no alla privatizzazione degli impianti e dei servizi legati all’acqua
no all’inquinamento e allo spreco dell’acqua
si alla valorizzazione dell’acqua potabile del rubinetto: buona, comoda, controllata, poco costosa

In Trentino la questione dell’acqua sta assumendo la dimensione di un problema a causa non soltanto delle conseguenze climatiche e dello sfruttamento per uso produttivo (agricoltura, impianti di innevamento, turismo) , ma per le scelte politiche che accentuano il rischio di privatizzazione dei servizi idrici (acquedotti, fognature, depuratori).
Riteniamo che i cittadini e i Consigli comunali debbano essere informati sulle strategie di mercato che la Trentino Servizi vuole condurre, pena ritrovarsi a un continuo 'condizionamento azionario' che incide negativamente sulla gestione di un bene vitale come l'acqua.

Le persone che considerano l'acqua un diritto non mercificabile' auspicano normative provinciali che garantiscano che i servizi idrici restino totalmente in mani pubbliche, affidate a soggetti diversi dalle Spa e sottratte a logiche finanziarie di bancabilità del servizio idrico.

Infatti solo attraverso la gestione pubblica e partecipata potrà essere garantito a tutti i cittadini il diritto all’acqua. Gestione pubblica deve significare: un servizio efficiente, una tariffa che tenga conto della “fascia del diritto” (pari a 50 litri pro-capite al giorno), la garanzia della buona qualità dell’acqua potabile, la manutenzione delle reti e il contenimento delle perdite, la partecipazione diretta degli enti locali e dei cittadini al governo del bene acqua.

Celebrare la Giornata dell’acqua in Trentino significa quindi difendere la gestione e la proprietà totalmente pubblica degli acquedotti e di conseguenza sollecitare il Comune di Rovereto affinché nello Statuto comunale in fase di revisione sia riconosciuto lo status dell’acqua come bene comune pubblico e l’accesso all’acqua come un diritto umano.

Gruppo Ambiente e Nonviolenza- www.ganga.tn.it
Per contatti Andrea Trentini 338 3400211