Catena di Sanlibero

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Gallerie Fotografiche

Catena di SanLibero Edizione Straordinaria

20 marzo 2002 - Riccardo Orioles (Giornalista antimafia)

Il padre dello Statuto dei Lavoratori e dell'articolo 18, l'economista Gino Giugni, e' l'unico, dei tre nomi che oramai si legano insieme: Giugni, D'Antona e adesso purtroppo Marco Biagi, che riusci' a sopravvivere: i terroristi o sbagliarono mira o mirarono basso, limitandosi a storpiare la vittima. D'Antona e Biagi erano invece destinati a morire. Morire perche'?
Non lo sapremo mai, probabilmente. Potremo (probabilmente) intuirlo, ma se l'assassinio di Biagi e' stato condotto, cio' che appare dai primissimi dati, con la spietata professionalita' di quello di D'Antona, dubito che si potra' risalire di molto la catena esecutori- mandanti-ideatori. Ci restano solo, ma e' bene in momenti come questi fissarli ad uno ad uno nitidamente, i background politici e i "cui prodest" che naturalmente, come insegnavano gia' gli antichi, non fanno comunque prova in tribunale.
Il momento e' quello, solito nella grande storia italiana, dei giorni e settimane prima di una grande manifestazione moderata, popolare e di massa.
Io sono vecchio abbatsanza per ricordarmi che nel dicembre del 1969 l'agenda politica ruotava essenzialmente attorno alle grandi manifestazioni per il contratto degli operai metalmeccanici, ciascuno dei quali prendeva allora l'equivalente di circa cinquecento euro attuali; fra gli obiettivi degli operai c'era la razionalizzazione di un sistema di categorie e incentivi che divideva ad esempio i metalmeccanici - non si sa con quanto beneficio per la produzione - in otto categorie salariali e una sessantina di sub-categorie. I giornali di quel dicembre sono pieni, a rileggerli, di fosche previsioni sulle catastrofiche conseguenze di tali rivendicazioni; e di sanguinolente previsioni sugli orrori di piazza che tanta folla di lavoratori mobilitata insieme non avrebbe mancato sicuramente di scatenare. Per fortuna dei bempensanti, il contratto metalmeccanici fini' li': le bombe di piazza Fontana cancellarono le rivendicazioni operaie dall'agenda, e da allora in poi e per quasi dieci anni (fino, diciamo, alle bombe del 75-76) chi volle scendere in piazza lo fece essenzialmente per difendere la democrazia dalle bombe.
Reggeva lo stato, in quel periodo, il partito sicuramente discutibilissimo della Democrazia cristiana; discutibile si', ma democratico e, con l'eccezione di Scelba negli anni Cinquanta e Sessanta, poco proclive dallo sparare sulla folla. All'opposizione (l'unica opposizione mai esistita in Italia, con tutti i suoi difetti) c'era un altro partito molto discutibile, il Pci, anch'esso tuttavia sicuramente e - cio' che oggigiorno appare incredibile - estremamente efficiente e serio. Questi due partiti, che insieme avevano fondato la Repubblica dopo la guerra, la salvarono, insieme, negli anni del primo terrorismo e delle bombe. Soccombettero invece, sempre insieme, al secondo terrorismo, quello dei tardi anni Settanta, piu' ricco di sigle rivoluzionarie ma anche di infiltrati e faccendieri.
Tutto questo, solo per ricordare che oggi non ci sono piu' ne' la Dc ne' il Pci. Al governo, c'e' un partito che deve ancora rispondere dell'aver portato a Genova, con la connivenza della propria polizia, bande di black bloc, lasciate libere di mettere a ferro e fuoco la citta' (e di farsi fotografare spalla a spalla con i poliziotti in borghese) e onorate della compresenza in citta', in una centrale di polizia nel momento in cui massimo era il loro impegno, di un vicepresidente del consiglio.
All'opposizione, di converso, non abbiamo dei Pecchioli o dei Berlinguer o dei Pajetta, gente che sapeva affrontare, e che aveva affrontato, le emergenze, ma dei simpatici Rutelli e Fassini e Margheriti e Ulivi.
Bene. Questa e' la situazione. Ne succederanno delle altre, in questa situazione drammatica in cui la destra non riesce a governare e la sinistra a fare opposizione ma il tempo e' scandito, come un orologio grottesco ma, in prospettiva, potenzialmente sanguinoso, dai mesi, settimane e giorni che mancano alla condanna per reati civili del premier e dunque all'inabilitazione civile di costui.
Di fronte a questa scadenza, che e' sempre piu' il centro di tutto il gioco politico nazionale, nessuno e' pronto e tutti hanno paura; la paura di alcuni e' gia' una paura feroce, da conigli mannari, di quelle che giustificano quasi tutto. Bisogna stare uniti, mantenere i nervi freddi "come se" avessimo Di Vittorio e Berlinguer e non i signorini di ora alla nostra testa. Bisogna cercare i no-global, se siamo girotondini, bisogna cercare gli amici dei giudici, se siamo quelli di Genova, bisogna stare insieme ai lavoratori e ai sindacati tutti, comunque e tutti insieme, perche' nei momenti come questi il vecchio bestia rozzo Sindacato e' quello che tiene duro e fa cordone.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy