Catena di Sanlibero

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Gallerie Fotografiche

Catena di SanLibero n. 223

23 marzo 2004 - Riccardo Orioles (Giornalista antimafia)

Ma Aznar era iscritto ad Al Quaeda? Naturalmente no: fra l'altro e' troppo buon cattolico per farlo. Mettiamo pero', per ipotesi impossibile e del tutto surreale, che lo fosse. Chesso', per qualche miliardo di dollari di qualche banca saudita; oppure semplicemente per conversione. Bene, a questo punto che cosa potrebbe chiedere Al Quaeda a un capo di governo occidentale? Imbottirsi di tritolo e fare il kamikaze? Ma di quelli ne hanno gia' abbastanza. Andare in tivvu' a predicare il califfato di Cordova e la sharia? Ma no: si sputtanerebbe subito; e del resto ho i miei dubbi che Al Quaeda s'interessi davvero ai califfati. Tutto cio' che a un Aznar verrebbe chiesto sarebbe di fare gran dichiarazioni contro il terrorismo, di mandare magari qualche soldato a far da bersaglio da qualche parte - e pero' di stare in campana, di segnalare subito appena qualche indagine minacci di farsi pericolosa e in questo caso, forte della sua autorita' di uomo di governo, creare delle false piste e dichiarare a gran voce che l'attentato non e' di Al Quaeda ma di qualcun altro.
Aznar, come abbiamo detto, non e' un agente di Al Quaeda. Ma ha fatto esattamente cio' che avrebbe dovuto fare se lo fosse stato. L'ha fatto gratis, nel senso che non e' stato pagato; l'ha fatto per fazione politica, per ambizione, per strategia elettorale o per quel che volete. Rimane che l'ha fatto, e che - oggettivamente - ha commesso favoreggiamento nei confronti di Al Quaeda. In guerra, per cose del genere, si fucila. La Spagna non fucila piu', grazie a Dio, e tutto s'e' risolto democraticamente. Ma nessun paese civile avrebbe potuto mantenere al governo un momento di piu' un uomo che, magari "in buona fede", favorisca per fini politici il nemico.
In Italia, una faccenda cosi' sarebbe durata a lungo. Con sei televisioni di proprieta' del governo, non e' difficile persuadere la gente dell'ammissibilita' di qualunque favoreggiamento, di Al Quaeda o di Cosa Nostra che sia. Ma in Ispagna la stampa e' libera. E i cittadini spagnuoli, da poco democratici, sentono ancora molto la dignita' della democrazia (da noi, uno come Galante Garrone viene seppellito senza che il governo mandi una bandiera. Da loro, il parlamento compatto vota, destra e sinistra senza distinzioni, per onorare i superstiti delle vecchie Brigate Internazionali). "Hanno votato per paura". Ridicolo: di tutto si puo' accusare uno spagnuolo, meno che di essere vigliacco. La Spagna non e' un paese in cui il re scappa lasciando la capitale in mano ai tedeschi. E nemmeno un paese in cui il capo del governo cerca le scuse per non andare a visitare i soldati al fronte perche', fisicamente, ha paura.
Infine, bisogna dirlo, Aznar ha avuto sfortuna. Tradire la volonta' popolare, facendo esattamente l'opposto di cio' che essa vuole, da un po' non solo e' ammesso ma e' anche portato a esempio di carattere forte. In Spagna, in Italia, in Inghilterra i governi hanno mandato truppe contro la dichiarata e esplicita volonta' dei cittadini, espressa nei sondaggi e sbeffeggiata da tutti. I media hanno esaltato la "capacita' di comando" di questi leader, il loro virile infischiarsene della gente. Bene, Aznar ha avuto la disgrazia di farsi beccare proprio il giorno prima delle elezioni, l'unico giorno ogni millecinquecento in cui i cittadini possono dire la loro senza che tv e governi gli ridano in faccia. Quello che i cittadini volevano era semplicemente "combattere quei bastardi di terroristi e fargliela pagare". Aznar non era d'accordo ed e' stato cacciato. Che c'e' di strano?

* * *

Adesso, due anni e mezzo dopo l'undici settembre e prima delle altre cose terribili che sicuramente si stanno preparando, e' tempo di cominciare finalmente - il che finora non s'e' fatto - a combattere il terrorismo. Il terrorismo nasce in Arabia Saudita e in Pakistan: ma entrambi questi paesi - dittature ferocissime - sono "alleati dell'Occidente" e nessuno li tocca. Il terrorismo ha utilizzato freddamente le invasioni di Afganistan (colpa dei sovietici) e Iraq (colpa degli americani) per reclutare e addestrare le sue due generazioni, a distanza di vent'anni, di quadri combattenti: ma l'occupazione dell'Iraq, che interessa solo le aziende della "ricostruzione", viene fatta passare per una vittoria occidentale.
Il terrorismo ha un punto intrinsecamente vulnerabile, che e' il suo finanziamento: ma esso non viene colpito perche' per indagare sul denaro terrorista bisognerebbe abolire il segreto bancario, e mettere allo scoperto cosi' anche il denaro "democratico" o semplicemente ladrone (non indaghiamo sui conti dei Bin Laden perche' altrimenti saremmo obbligati a indagare anche sui conti dei Tanzi). Il terrorismo, infine, e' spesso aiutato dalla scarsa professionalita' o corruzione di chi tecnicamente dovrebbe fargli fronte: la Cia e i servizi americani, dopo decenni passati a reprimere i contadini del Salvador o i poveracci del Brasile, non sono stati capaci di contrastare nemmeno lontanamente la plateale preparazione dell'undici settembre.
Ora il tempo precipita, perche' l'attentato di Madrid e' un segnale preciso. Le "armi di distruzioni di massa" non le aveva Saddam, ma prima o poi le avra' qualcun altro. Bisogna che la lotta al terrorismo diventi una priorita' assoluta, prima degli imbrogli di Aznar o delle ambizioni di Blair o delle aziende dei Bush o degli affari di Berlusconi. E' facile, o era facile fino a ieri, far finta di far lotta al terrorismo sulla pelle dei soldati di Nassirya. Ma, oltre che moralmente ripugnante, e' ormai complicita' oggettiva con Al Quaeda.

* * *

Ci sono segnali spiacevoli, in giro per il nostro paese. C'e' gente che a suo tempo ha fatto l'elogio di Mussolini e che adesso dichiara - scherzando - che non gli dispiacerebbe essere un dittatore e - seriamente - che vuol cambiare la procedura parlamentare perche' gli fa perdere troppo tempo. Ha gia' detto una volta che un'elezione (quella che l'ha mandato a casa la prima volta) era truccata e senza valore. Non vorrei che la stessa brillante idea gli venisse, con meno timidezza e piu' incattivimento, una seconda volta. Lui se ne sarebbe andato tranquillamente, al posto di Aznar? O avrebbe dichiarato che il voto era truccato (o "da paura") e si sarebbe barricato dentro? L'articolo ottantasette dice (di quella cosa "bolscevica", come lui ha detto una volta, che e' la Costituzione) che: il Presidente della Repubblica "ha il comando delle Forze armate". Di chi e' il comando delle Forze Armate, di chi e di nessun altro? Del Presidente. Di nuovo: chi puo' dare ordini ai militari? Solo Ciampi. Ripeta con me, capitano: chi e' il comandante? Ciampi. A lei, colonnello: chi comanda? Ciampi. Mi scusi, generale: lei, da chi prende ordini? Da Ciampi. Va bene. Per oggi basta cosi'. Ma per un po', questa materia, sara' bene ripassarla spesso.
Promemoria. Piazza Fontana, 1969. Brescia, 1974. Milano, 1974. Italicus, 1974. Ustica, 1980. Bologna, 1980. Rapido 904, 1984. Firenze, 1993. Milano, 1933. Roma, 1933. Piu' Falcone e Borsellino, piu' la Falange Armata, piu' Via Fani. Tutti questi attentati terroristici, in cui complessivamente sono morti almeno tanti cittadini innocenti quanti a Madrid, hanno due cose in comune: a) sono accaduti in Italia; b) quando ancora non c'era Bin Laden.
In ogni corteo, perche' sia completo, dev'esserci per regolamento: a) un politico viscido che cerca di intrufolarcisi dentro; b) un compagno imbecille che virilmente lo minaccia in nome della Giusta Linea. E poi qualche milione di gente normale che dei due coglionazzi manco se ne accorge.
Culo. Nella notte fra il 17 e il 18 marzo (23:08 ora italiana) il pianeta che voi e io abbiamo l'onore di abitare e' stato sfiorato da un asteroide (Nasa Class. 2004 FH) di circa trenta metri. La distanza di sfioramento e' stata di soli 43mila chilometri, poco piu' di tre volte il diametro terrestre. Va bene: possiamo ricominciare a litigare.
La campanella. La ricreazione e' finita: le ragazzine italiane torneranno a studiare cucito e ricamo come si addice a delle fanciulle perbene. Avranno meno bisogno di uscire di casa, e percio' lo studio dell'inglese (che serve solo ai call-center) sara' drasticamente ridotto. E Religione, e Morale, e Economia Domestica e Calligrafia? Quelle, probabilmente, seguiranno. Insieme ai grembiuli neri, ai collettoni bianchi inamidati, alla domenica in chiesa e - forse - alla mezz'ora di struscio domenicale dopo la messa. Piu' fortunati i ragazzi: a loro hanno levato solo Darwin e un po' di scienze (c'e' gia' la bibbia) e gli antichi romani. Di questi ultimi non mi riesco proprio a capacitare. Che diavolo hanno fatto a Berlusconi, da toglierli dai programmi di scuola? Spartaco? Catilina? La plebe sindacalista, con quei communisti dei Gracchi?
Giornalismo. Di Pietro abbandona incazzato il programma di Socci."Mi sono chiesto cosa ci facevo li', visto che non mi si consentiva di parlare". E poi: "Il problema e' anche la professionalita' dei conduttori. A Santoro gli si potevano rimproverare molte cose, ma la sua bravura e intelligenza non e' paragonabile". Ogni tanto i politici (d'opposizione) si accorgono che se ci fossero ancora dei giornalisti sarebbe una bella cosa.
New tecnology. Anche questa primavera sono diminuite le rondini, che fanno fra le altre cose piu' fatica a migrare: ne sono arrivate meno dell'altr'anno e l'anno venturo ne arriveranno meno ancora. (Questo, veramente, con le nuove tecnologie non c'entra niente. C'entra invece con la nostra capacita' di godercele davvero. Le tecnologie, e tutto il resto).
Inghilterra. Ai tempi dei Celti, in Britannia veniva ancora praticato il cannibalismo: l'hanno scoperto gli archeologi dell'Universita' di Bristol, secondo cui le ossa di alcuni uomini all'epoca seppelliti nel Gloucestershire presenterebbero tracce riconducibili ad esso. Un interrogativo inquietante su Stonehenge e compagnia celtica (da qualche anno in qua rivalutata). Ed anche, alla luce della Proposta di Swift e dell'attuale crisi dell'industria alimentare, una possibile alternativa per il futuro.
Impero. Secondo uno studio dell'Universita' di Roma, ci sarebbe una causa fisica dietro la "sindrome da panico" che prende sempre piu' piede fra le popolazioni urbane dei paesi industrializzati. La sindrome, che colpisce il due-tre per cento della popolazione, sarebbe direttamente correlata all'eccesso di anidride carbonica carbonica nei centri urbani. Il tasso di anidride, che si e' mediamente quadruplicato nel giro di dieci anni, sarebbe dunque responsabile non solo delle classiche patologie polmonari e/o tumorali ma anche di disturbi di massa piu' propriamente neurologici.
Per (arbitraria) associazione d'idee, il pensiero va alla teoria di alcuni storici, di una ventina di anni fa, secondo cui la causa principale della fine dell'impero romano sarebbe stato l'avvelenamento da piombo diffuso dalle tubature idriche. La citta', insomma, all'apice del suo sviluppo puo' diventare una macchina per avvelenare i cittadini.
Cronaca. Roma. Interrotte le lezioni di Scienze delle Comunicazioni: gli addetti non sono riusciti a comunicarsi tempestivamente un cambiamento d'aula deciso in mattinata.
Cronaca. Non ho il nome del vigile del fuoco che la settimana scorsa, a Vibo Valentia, ha salvato una famiglia da un incendio con una scala improvvisata (era fuori servizio). Se qualche lettore calabrese me lo facesse avere gliene sarei grato.
Spot. In edicola "Antimafia Duemila n. 38". In questo numero: Cuffaro: un incontro con Michele Aiello?/ Il nome eccellente con cui era in contatto Riina/ Lo Ior e il riciclaggio/ Duro colpo alla 'Ndrangheta, catturati i superboss/ Lo svuotamento del 41 bis/ Caso Calvi,
Spot. In edicola "Viaggio in Cecenia" di Carlo Gubitosa. Un giornalista racconta la sua esperienza a Grozny e nei campi profughi del Caucaso, svelando i segreti inconfessabili che si nascondono dietro la "lotta al terrorismo" di Putin.

Info: 3492258342 - c.gubitosa@peacelink.it
Memoria. Marzo 44. Gli operai della Fiat e delle altre principali fabbriche del nord accolgono a fischi e urla i fascisti venuti a "riportare la disciplina". Arrivano - chiamati dai fascisti - i nazisti coi mitra, ma anche loro sono respinti dagli operai che, in diverse fabbriche, si sono gia' asserrragliati dentro. Al grido di "pane-pace-liberta'" lo sciopero, preparato accuratamente dai sindacalisti clandestini, dura per parecchi giorni ed e' la cosa piu' bella mai avvenuta sotto una bandiera rossa. Quella sulla ciminiera di Fiat-Stura era piccola e stenta ma rimase a illuminare la citta' per parecchi giorni. In Fiat, all'Ansaldo, in Marelli, alla Falck, a Genova, in decine di citta' produttive e industriali del nord, furono gli operai - non gli imprenditori, da tempo rassegnati - a salvare pochi mesi dopo le macchine, i capannoni industriali e gli impianti che i tedeschi volevano far saltare prima d'andarsene lasciando dietro di se' - come ordinava Hitler - una maceria. Non ci sarebbe stata rinascita industriale del dopoguerra, ne' "miracolo economico" quindici anni dopo, e nemmeno anni ottanta e novanta e telefonini ora, se in quel momento davanti a ogni camion di tedeschi che arrivava non si fosse schierata subito una squadra di tute blu, armata di qualche fucile ma con volti durissimi, operai e italiani. E nella mattina nebbiosa si sentono le urla dei caporali che urlano "Rauss! Indietro!", i motori che si riaccendono e i camion che si riavviano disperati e rabbiosi verso nord. La nebbia cade e ritorna e di nuovo si scioglie e s'infittisce ancora. E passano fulmineamente sessant'anni e il popolo delle fabbriche, trasformato ma simile, e' ancora li'.
Paolo wrote, due anni fa:
< 15 febbraio. Non era mai successo prima che milioni di persone manifestassero per lo stesso motivo, e che questo avvenisse contemporaneamente in centinaia di citta' in tutto il mondo. Uno dei piu' grandi (e begli) esempi di globalizzazione. Una diffusione paragonabile solo alla diretta TV della finale dei mondiali di calcio. Facciamo dunque si' che questa data sia ricordata. Certo vorremmo che fosse ricordata per il suo effetto - magari avessimo scongiurato la guerra - ma in parte questo effetto e' ancora da vedere, e dipende molto da come e quanto del 15 febbraio si parlera' in futuro.
Dipendera' da quanto quel momento sara' un punto di riferimento per tutto il movimento pacifista. "Dopo il 15 febbraio nulla e' piu' come prima" >

* * *

E adesso il venti marzo. Il day before della primavera.
alessandro.paganini@cheapnet.it wrore:
< Leggo che il maresciallo dei carabinieri Ernesto Pallotta ha dichiarato: "In Iraq c'e' la guerra". Per questa frase il ministero della "difesa" punisce il militare con la consegna di rigore. Leggo anche della recente applicazione del codice penale militare di guerra. Sublime: il ministero applica il codice di guerra e CONTEMPORANEAMENTE sanziona chi dice che c'e' la guerra >
mauro wrote:
< "Istituito un numero per segnalare i casi di bambini costretti a mendicare...". Giusto. Ma mi lascia perplesso l'accanimento contro famiglie povere che usano i loro bambini. Un signore rumeno sul tram n.8 a viale Trastevere raccoglieva soldi facendo sunonare un bambino di 7-8 anni. Il bambino suonava effettivamente bene: perche' suo padre aveva deciso di usare almeno un po' dei soldi guadagnati per far prendere al bambino lezioni di violino... Una signora chiedeva l'elemosina portandosi un neonato in braccio, sempre sulla metro a Roma; e qualche signora seduta commentava sdegnata il fatto che usasse un bambino cosi' piccolo per raccogliere soldi. Ma un bambino di pochi mesi, per lasciarlo alla baby sitter o al nido, costa 600-800 euro. Non so, sara' una grande iniziativa, dovra' essere estesa a tutta Italia, ma qualche dubbio preferisco tenermelo, non tanto sull'iniziativa ma sulle persone. Ps: proletario sul vocabolario e' colui la cui unica ricchezza e' la prole >
fedrip@tiscali.it write:
< Ho gia' ricevuto la mail contro il caro-benzina piu' volte. Dopo averci pensato un po' ho concluso che non mi sembra opportuno aderire alla "rivolta": provo a spiegare il perche':
1. la benzina e' cara solo in piccola parte per causa dell'avidita' dei petrolieri. La maggior parte del prezzo e' dovuta alle imposte e dunque anche effettuando un boicottaggio per ridurre a miti consigli le compagnie petrolifere si otterrebbe uno sconto piccolissimo rispetto al costo al litro.
2. lascio le raccolte firme e i boicottaggi a cose piu' gravi e drammatiche: la Liberta', Pace, la Fame, l'Aids, l'Ecologia, la Politica e cosi' via. Non penso che la possibilita' di andare in macchina a basso prezzo rientri nella categoria dei concetti maiuscoli da sostenere. Chissa' perche' siamo sempre piu' pronti a sostenere le "crociate" quando vanno a toccare il nostro portafoglio.
3. sono in buona parte d'accordo con Beppe Grillo che ha proposto in un suo spettacolo di far pagare la benzina per uso privato non 1 ma 5 o 10 euro il litro. Cosi' tutti andremmo piu' volentieri con i mezzi pubblici che sarebbero piu' efficienti. Eppoi scusatemi: ma la guerra in Iraq (e tante altre, purtroppo) non sono forse state fatte anche perche' tutti vogliamo la benzina meno cara? A nessuno piace la guerra ma a tutti piace la benzina regalata...
4. La ricerca automobilistica si darebbe un po' piu' da fare: non e' una novita' che le automobili moderne sono dei fornelli che si muovono, sprecando in calore piu' della meta' dell'energia fornita dalla combustione. La tecnologia c'e' gia' per fare macchine piu' efficienti magari con carburanti alternativi: solo che si e' deciso che finche' il petrolio non sara' finito e finche' sara' possibile prenderselo in qualche modo allora continueremo con la tecnologia vecchia (se l'uomo delle caverne avesse ragionato cosi' saremmo ancora... nelle caverne).
5. la mia macchina e' alimentata a Gpl: inquino meno, spendo meno e non compro benzina. Il metano e' un altra alternativa e *non* ha a che fare con il mercato del petrolio >
Federico wrote:
< BOUMMM!
- Sganciato primo missile intelligente colonnello!
Al comando, il tattico responsabile per quel settore, colonnello Bob Sveglione, segui' il tracciato luminoso del missile sul radar - si dirigeva veloce verso l'ospedale, nei cui sotteranei - forse - vi era un deposito di armi chimiche.
Ma a un tratto il missile sembro' tentennare, forse fu lo sguardo del bambino - il bambino della stanza 12, corsia 3, che svegliatosi in quel momento si chiedeva cosa fosse quel puntolino che si ingrandiva nel cielo oltre la finestra.
Tant'e', il missile viro' bruscamente e si diresse verso il cacciabombardiere che lo aveva sganciato.
- Damn', missile fuori traiettoria! - disse il colonnello. Giunto nei pressi del caccia il missile tentenno' per la seconda volta, forse furono i sogni del pilota - che fantasticava d'avere abbastanza carburante per invertire la rotta, tornarsene a casa e non sganciare mai piu' una bomba.
Tant'e', il missile viro' e si diresse verso il centro comando. Giuntovi - siccome era un missile intelligente - non ebbe alcun tentennamento >
dinamitebla@inwind.it
< Il problema e' che chiunque essi siano stanno vincendo loro. Ci stanno incatenando al terrore. Ci stanno facendo diventare statunitensi, prossimamente anche noi gireremo l'un contro l'altro armati. Non e' una questione di educazione, ma di buon senso. Non posso piu' andare al cesso senza lasciare il bagaglio? Ma perche'? Ma da quando? Dall'11 settembre o dall'11 marzo? O dall'Italicus, o dalla stazione di Bologna? Stiamo giocando male, e non so se e' colpa del regolamento, della federazione, del presidente, dell'allenatore o della squadra >
Mr B. said:
< Non e' piacevole passare la giornata in Parlamento a votare. Io ho gia' delle idee per cambiare i regolamenti parlamentari. La democrazia si puo' esprimere anche con altri sistemi, magari scandalosi >
Lev <jasnaja@narod.ru> wrote:
< Al posto di uomini dotati di potere divino e direttamente guidati dalla volonta' divina, la storia moderna ha messo o degli eroi dotati di capacita' eccezionali, sovrumane, o semplicemente degli uomini di vario genere, dai monarchi ai giornalisti, che governano le masse >
Antonella Consoli <libera@libera.it> wrote:
< Ho attraversato
la lunga fila di roghi
e ancora il filo spinato
impiglia urli di carne dolente.
Ho attraversato le foreste di Dodona
Dove colombe bambine raccoglievano
i ciottoli muti,
per sempre,
di piccole, piccole gemme >

* * *

< In punta di piedi,
fiala dorata,
una carezza, non e' il vento.
E' tornata, e' tornata primavera.

Scrivo ancora omaggi di rose
nel mio giardino ancora sbocciano,
ho cercato di nasconderlo
era un innamorato.

La freccia e' partita,
amore segna la vita >
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy