Catena di Sanlibero

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Gallerie Fotografiche

Catena di SanLibero n. 227

20 aprile 2004 - Riccardo Orioles (Giornalista antimafia)


Fra un anno, probabilmente, l'Italia avra' stabilizzato i propri
rapporti con l'Iraq: saranno state ritirate le truppe, e saranno stati
consolidati invece i rapporti economici e, in larga misura,
clientelari.
Avremo un rapporto abbastanza buono con la nuova classe dirigente
locale (quella che si sta facendo i soldi sotto l'occupazione), saremo
molto piu' simpatici e civili degli americani (che a quell'epoca
saranno asserragliati in tre o quattro citta' del paese) e saremo
insomma in grado di fare delle richieste con buone probabilita' che
vengano accolte.
In quel momento - pensarci sempre e non parlarne mai - dovremo
ricordarci di Quattrocchi. Il giorno in cui potremo chiedere qualcosa,
chiederemo la consegna dei suoi assassini, perche' siano regolarmente e
legalmente processati da noi. E questo e' quanto. Altre parole adesso
sono inutili, o strumentali, o dannose.
* * *
Fra un anno, probabilmente, l'America sara' tornata ad essere civile e
si porra' la questione matura dei suoi rapporti reali con l'Europa. Noi
ancora abbiamo in Italia, residuo di una fase che s'e' conclusa, le
basi di un esercito che non e' il nostro. Quando saremo in grado di
parlare nuovamente con l'America - senza servilismi da un lato, e senza
patologie dall'altro - dovremo chiedere che queste basi vengano
restituite. Non all'Italia, che di per se' e' troppo piccola per aver
bisogno di basi. Ma all'esercito del Paese di cui l'Italia ormai e' una
regione, all'esercito europeo. Quest'ultimo, fra un anno, sara' una
realta' tecnica ed anzi il risultato maggiore dell'intera crisi
irachena.
* * *
Fra un anno, il terrorismo non sara' stato affatto sconfitto - visto
che non e' stato ancora seriamente combattuto - e continuera' a
minacciare, come tutti gli altri, anche il nostro paese. A quel tempo,
pero', probabilmente saremo liberi di cominciare a vederlo come un
problema da risolvere e non come un pretesto per i giochi politici di
chiunque altro. A meno che, nel frattempo, dovessimo esserci di fatto
abituati ad esso: attentato, dibattito, utilizzo politico, nuovo
attentato. Noi siamo il paese che e' riuscito ad abituarsi a convivere
con la mafia. Il problema del terrorismo e' identico a quello della
mafia, su cui gia' come italiani ci siamo arresi.
* * *
Fra un anno, almeno una parte delle forze politiche che verosimilmente
andranno al governo avranno la possibilita' materiale di riprendere le
vecchie idee di Falcone, di Chinnici, di Borsellino e di tutti gli
altri servitori del popolo che tentarono di porre fine alla mafia.
Queste idee, che sono state vergognosamente tradite dalla destra e da
buona parte della sinistra, si concentrano in una sola: controlli
bancari e trasparenza dell'economia. Cio' implica una trasformazione
radicale della societa' italiana, basata non sul capitalismo ma su un
insieme di omerta' vischiose che, nel corso degli anni, hanno prodotto
i Sindona e i Tanzi.
Sconfiggeremo il terrorismo, se tratteremo Al Qaeda come Chinnici
tratto' Cosa Nostra. Tradiremo i morti del terrorismo, come abbiamo
traditi quelli della mafia, se ci comporteremo diversamente.
* * *
Fra un anno, l'Europa sara' molto piu' forte e unita di ora (e gia'
adesso non e' debole ne' disunita) e all'interno di questa Europa
l'Italia avra' di nuovo un peso non indifferente. Un paese piu'
piccolo, come la Spagna, in queste settimane e' riuscito
"improvvisamente" a far tendenza sull'intera Europa. L'Italia, quando -
fra un anno - tornera' libera di fare una politica nazionale, potra'
far tendenza ancor di piu'. Potra' gettare sul piatto iniziative
diplomatiche tali da aggregare attorno ad esse l'Europa e da rendere
piu' difficile ogni ulteriore avventura "imperiale". Per esempio,
recidere pubblicamente ogni rapporto coi paesi che in realta' hanno
alimentato il terrorismo, e cioe' l'Arabia Saudita e il Pakistan,
entrambi semiprotettorati americani. Questo significherebbe isolare la
lobby saudita in America (il gruppo Bush-Cheney non e' altro),
interloquire coi settori conservatori dell'establishment Usa (Kissinger
denuncio' le responsabilita' saudite pochi mesi dopo l'11 settembre) e,
in prospettiva, rimettere in movimento l'intero quadro politico del
Medio Oriente. In prospettiva ulteriore, sarebbe l'assetto
energetico-tecnologico del pianeta ad esserne drasticamente modificato.

Israele/Palestina. Non c'e' un erede di Arafat, fra i palestinesi
"laici", e solo un qualche risultato ottenuto per vie pacifiche avrebbe
potuto concedere all'Olp il tempo necessario per la crescita di un
gruppo dirigente in grado di contrastare gli islamisti. La destra
israeliana ha deciso di non concedere questo tempo. E questo, forse,
non tanto per oltranzismo preconcetto quanto perche' sottoposta essa
stessa alla pressione crescente dei propri integralisti. Integralisti,
anche in questo caso, vuol dire semplicemente emarginati. La societa'
israeliana non e' piu' una societa' di ceti medi economicamente e
culturalmente coesi ma, come in tutto il Medio Oriente, consiste ormai
di due strati diversissimi fra loro, che prendono identita'
apparentemente da tematiche religiose ma in realta' da ragioni
strutturali. Allo strato piu' nuovo e piu' povero della societa'
israeliana la destra e Sharon hanno dovuto gettare un pezzo di carne
dopo l'altro. Infine, non potendola controllare, hanno deciso di far
precipitare a freddo la crisi - il che e' avvenuto con la famosa
provocazione di Sharon alla Spianata - per governarne almeno i tempi e
gestirla, per quanto possibile, chirurgicamente.
L'elemento drammatico dello scenario, nella mente di Sharon (che e' un
ebreo del dopo-Auschwitz, non un politico europeo o americano) e in
generale di tutta l'elite israeliana, e' l'incertezza sui termini della
superiorita' convenzionale di Israele. Gia' nel 73 (quando a un certo
punto gli americani dovettero congelare il conflitto) essa era molto
meno indiscussa di quanto si volesse far credere. Oggigiorno, nessuno
sa se in definitiva essa esista ancora. Lo stato della tecnica
militare, dall'altro lato del fronte, non e' piu' quello di prima. Gli
armamenti moderni, attraverso l'Iran e forniti dalla Cina, sono ormai
disponibili per tutti. Se oggi Israele, come cultura militare, vale
dieci, gli altri sono arrivati almeno a quattro, probabilmente a cinque
e forse anche a sei.
Mentre, fra Israele e arabi, diminuisce la disparita' militare, la
distanza ideologica aumenta sempre piu'. I Nasser e gli Arafat erano
dei laici, dei progressisti riformatori. E dunque, in un mondo
possibile, dei possibili interlocutori. I leader arabi della prossima
generazione, e in parte gia' di questa (chi succedera' alla famiglia
saudita? Chi emergera' in Iraq alla fine della crisi?) saranno prima
islamici e poi qualunque altra cosa. Nella prossima fase, accesamente
"popolare", essi non avranno alcun interesse ad alcun dialogo, anzi
useranno la questione palestinese-israeliana come loro specifico mito
di fondazione.
In questa situazione drammaticissima, in cui l'esistenza dello Stato di
Israele torna ad essere in pericolo esattamente come nel '48, il gruppo
dirigente israeliano si muove come puo', senza illusioni ma con
determinazione: nessuno puo' dire oggi, e nemmeno lo stesso Sharon,
fino a che punto questa determinazione possa spingersi nella prossima
crisi.
Questo gruppo dirigente e' molto piu' lucido del paese che l'ha eletto,
e infinitamente piu' consapevole della posta in gioco. La percezione
che gli israeliani hanno del problema palestinese, ci sembra di capire
da qui, e' molto piu' "sociale", da ceto medio occidentale rispetto a
una massa di "extracomunitari", che geopolitica. Per questo, hanno
gettato via senza accorgersene gli enormi risultati conseguti dai
governi di sinistra, che erano sostanzialmente riusciti - con
pochissime concessioni - a implementare Arafat e tutta la dirigenza
palestinese "laica" nella conservazione di Israele. Il mandato popolare
a chiudere ogni dialogo e ad arroccarsi a occhi chiusi e' stato senza
remore, ingenuo e fiducioso. E anche questa discrepanza fra la
superficialita' dell'opinione pubblica e la drammatica lucidita'
dell'elite e' una novita' per Israele, e non manchera' di indurre
trasformazioni ulteriori nella sua identita' profonda, nel trasferire
ulteriormente la sua cultura nel Medio Oriente e fuori dall'Europa.
Si annunciano tempi gravissimi, per gli amici degli ebrei - per tutte,
vale a dire, le persone civili europee. Fino a un paio d'anni fa, il
pericolo da cui esse dovevano guardare i loro fratelli d'Israele era
quello di commettere ingiustizia verso altri esseri umani. Oggi, e'
quello di perdere il loro Stato.

Numeri 1. Il lavoro in fabbrica (la "produttivita'") e' aumentato
parecchio dal '95 in poi (Prodi, D'Alema), ma nello stesso periodo il
potere d'acquisto dei salari e' rimasto piu' o meno lo stesso. La
produttivita' e' aumentata ancora dal 2002 in poi (Berlusconi,
Tremonti), ma il potere d'acquisto non solo non e' ancora aumentato, ma
e' diminuito.
Questo non si e' affatto verificato nel resto d'Europa, dove il salario
reale e' invece progressivamente cresciuto: del 10 per cento in
Germania, del 20 per cento in Inghilterra e del 23 per cento in
Francia.

Numeri 2. L'intervento umanitario italiano in Iraq (ospedale di Bagdad)
e' costato 21 milioni 554 mila euri. L'intervento militare italiano in
Iraq (base di Nassirya) e' costato 232 milioni 451 mila euri.

Numeri 3. Secondo la Camera di commercio di Milano, nell'ultimo anno
l'export di armi dall'Italia e' aumentato di circa il dieci per cento.
Le armi italiane vengono vendute indifferentemente a paesi democratici
(Grecia, Polonia, Danimarca) e non (Arabia Saudita, Pakistan, Cina).

Numeri 4. Le riserve di petrolio nel territorio di Nassiriya sono state
valutate dall'Eni a circa 2,5 miliardi di barili. Questa cifra, secondo
quanto dichiarato dall'ex dirigente Eni Benito Li Vigni, sarebbe stata
iscrivibile nel bilancio Eni perche' "i contratti seguivano una formula
molto vantaggiosa che consente di considerare come propria riserva una
quota della produzione".

Kein Gegenstaende. Su questo treno e' vietato pensare al di fuori degli
appositi scompartimenti pensatori.

Chi ha mai vinto una guerra?

Ah, se Cristoforo Colombo invece dell'America avesse scoperto Napoli.

Elezioni. "Vogliamo dei ladri onesti!"

"Devi conquistare la totalita' dell'Asia e dell'Africa". "L'Europa, il
Sudamerica e un terzo continente a scelta". "Distruggere tutte le
armate rosse".

Libri. Il processo del secolo. (Lino Jannuzzi, Mondadori). Il processo
Andreotti visto dalla parte del governo. Pentiti e miliardi investiti
all'unico scopo di portare Andreotti sotto processo. Gia' in precedenza
i communisti avevano cercato di calunniare galantuomini come Lima
(difeso da Jannuzzi in un altro memorabile libro) per bassi motivi
politici: per non parlare dei poveri Salvo e Ciancimino.

Bookmark: http://www.cuntrastamu.org


Pechino. "Fulmine di primavera" e' il nome dell'operazione, annunciata
dalle autorita', con cui il governo si propone di debellare lo scambio
di file musicali fra gli utenti cinesi dell'internet. La rete, in quel
Paese, e' stata fin dall'origine considerata con sospetto per le
incontrollabili possibilita' d'interscambio che offre ai cittadini. "La
lotta alla pirateria e' una delle priorita' di quest'anno".

L'oro del Po. La sabbia del Po, dal punto di vista edilizio, vale il
doppio delle altre: 20-22 euro a tonnellata. A differenza di quella
scavate nelle cave, infatti, e' quasi pronta per l'utilizzo immediato
in edilizia; il prelievo non e' controllabile, e quindi praticamente
illimitato. Peccato che e' vietato estrarla: si puo' spostarla dai
canali navigabili, scavarla in piccola percentuale delle zone golenali
autorizzate, e basta. Tuttavia, da due anni le procure di Reggio
Emilia, Mantova e Rovigo indagano su reati legati all'estrazione
abusiva. A Mantova c'e' un esposto della provincia che parla di
disastro ambientale.
A Reggio sono sotto indagine quasi tutti i cavatori della provincia,
dai privati alle "coop rosse". Nel 2001 il Tg1 riusci' a filmare una
nave che a Boretto scavava sabbia dal Po, di notte; le Iene poche
settimane fa hanno mandato in onda un servizio (sempre da Boretto)
sullo stesso argomento. Intanto il letto del fiume e' sprofondato di
quattro metri, lasciando le fondamenta dei ponti allo scoperto.
Fenomeno nuovo? No. L'allarme risale almeno al '79, al convegno di
Idraulica Padana di Parma: "Si sta verificando un progressivo
abbassamento degli alvei fluviali la cui causa prevalente e' da
ricercare nelle massicce e spesso disordinate estrazioni di materiali
litoidi dai fiumi". E infatti l'abbassamento del letto del Po ha
provocato l'innalzamento delle golene, con l'interramento delle zone
umide che fungevano da casse d'espansione durante le piene e da riserve
d'acqua durante le magre. (da Reggio Emilia)

Uno sconosciuto patriota wrote (ma perche' proprio a me?):

< America's Most Patriotic Radio Network: listen live on the internet
today! They've had 2 million hits during their first week of
broadcasting! Check out Air America Radio today! >


Fausto Caffarelli wrote:

< La guerra umanitaria non ha umanizzato. La guerra preventiva non ha
prevenuto. La guerra pacificatrice non ha pacificato. Ci vuole ancora
molto per capire che il problema non e' l'aggettivo? >


Pasquale wrote:

< Non ho visto il film di Mel Gibson, e non so se andro' a vederlo, ma
trovo interessante la risposta che Corrado Augias ha dato su
Repubblica, la' dove elenca le religioni che, oltre a quella Cristiana,
hanno assunto Gesu' come uno dei loro simboli. Nell'elenco, a parer
mio, potrebbero trovare posto anche quei laici (agnostici, o,
addirittura, atei) che vedono in Cristo il simbolo della Ragione, da
sempre perseguitata e messa in croce dall'oscurantismo. Gesu', infatti,
per quei laici, e' il primo uomo condannato, torturato ed ucciso per le
sue idee. Idee di Giustizia, di Fratellanza, di Uguaglianza, che
dovevano essere terrificanti per i berlusconidi dell'epoca, che sia a
Roma che in Palestina vivevano nel culto della societa' divisa in
padroni, servi e schiavi. Non erano molto dissimili da quelli attuali
che ancor oggi, a Roma, in Palestina e altrove, vedono un comunista
pericoloso in chiunque professi con convinzione idee di Giustizia e di
Uguaglianza. (Ma non ditelo al Cavaliere: costui, per fare un dispetto
ai comunisti che, anche se agnotici o atei, hanno Gesu' in simpatia e
lo considerano un compagno crocefisso, appunto, per le sue idee,
potrebbe far cancellare dal calendario le feste di Natale e Pasqua) >


Enzo wrote:

< C'e' una mailing list di amici a cui ho inviato, ogni tanto, mail in
diretta dalla Colombia, dalla Birmania o da Timor Est. Se vuoi ricevere
delle mail anche sull'Irak (e poi dall'Irak, se riusciamo ad arrivarci)
ne sarei felice. Comincero' inviando aggiornamenti che arrivano in
diretta da una Ong che sta in Irak da anni, da personale della Croce
Rossa e da qualche altro: e' possibile che vengano fuori cose che sui
giornali non arrivano. Basta inviare una mail vuota e senza soggetto a:
enzob-subscribe@yahoogroups.com >
Enzo


AntonellaConsoli libera@libera.it > wrote:

Nascita della scrittura

< Dormiva la tribu'
nella caverna silenziosa.
Nel buio il fuoco
illuminava i loro sogni.
Il Taciturno solo li vedeva.
Cosi' tracciava un segno nella roccia,
danzava con le mani
lo spettro dei pensieri:
i sogni devon esser duraturi,
rosso su nero
dal fuoco illuminati >


PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy