Storia della Pace

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Giovanni Pesce, Medaglia d'Oro della Resistenza
    Cooperativa La Liberazione - Libreria del Convegno, MILANO presentano:

    Giovanni Pesce, Medaglia d'Oro della Resistenza

    Intervengono Vittorio Agnoletto, Ketty Carraffa, Fabrizio Cracolici, Laura Tussi. Con la partecipazione di A.N.P.I. sezione XXV Aprile - Milano
    3 ottobre 2015 - Laura Tussi
  • Genocidi in Africa
    La Rivista n. 73 dell'Associazione Libero Pensiero Giordano Bruno presenta:

    Genocidi in Africa

    Articolo realizzato in collaborazione con Raffaele Masto: scrittore, giornalista e conduttore radiofonico
    2 ottobre 2015 - Laura Tussi
  • "Nucleare: accettereste di abitare in una polveriera?" di Alfonso Navarra
    Un convegno a Villarfocchiardo per il diritto all'esistenza dell'umanità

    "Nucleare: accettereste di abitare in una polveriera?" di Alfonso Navarra

    La guerra nucleare è costantemente vicina alla nostra vita tutti i giorni anche se nessuno lo racconta
    2 ottobre 2015 - Laura Tussi
  • UNIMONDO - La scuola che educa alle diversità
    UNIMONDO.org presenta:

    UNIMONDO - La scuola che educa alle diversità

    Unimondo è una testata giornalistica online che offre un'informazione qualificata sui temi della pace, dello sviluppo umano sostenibile, dei diritti umani e dell'ambiente. Diffonde un'informazione plurale e quotidiana dando voce alle molteplici realtà della società civile italiana e internazionale
    3 ottobre 2015 - Laura Tussi
Dagli eventi alla testimonianza

La Memoria della Shoah

La memoria della Shoah non appartiene solo al popolo ebraico, a tutti coloro che l'hanno vissuta e ai loro discendenti, ma anche a una società civile capace di analizzare una parte triste e dolorosa della propria storia, in cui chi sa ascoltare un testimone, diviene esso stesso traduttore della memoria degli eventi storici, che si devono tramandare alle nuove generazioni.
4 novembre 2009 - Laura Tussi

LA MEMORIA DELLA SHOAH

Dagli eventi alla testimonianza

 

di LAURA TUSSI

 

La ricerca storica inerente la Shoah si è occupata, per lungo tempo, delle vicende riguardanti lo sterminio, la diffusione e l'organizzazione dell'eccidio, le dimensioni della strage, le modalità di realizzazione.

In seguito si è assistito all'ingresso delle storie di vita private, delle singole vicende di persecuzione e di sopravvivenza, che hanno fatto emergere altre dimensioni della soluzione finale.

Nella grande tragedia collettiva, inizia ad imporsi l'analisi della vita quotidiana, lo studio delle trasformazioni dell'ambiente, dei comportamenti, dei vissuti dei perseguitati, dei persecutori e della fascia intermedia degli spettatori.

Nel processo di trasmissione degli eventi storici, subentrano le voci testimoniali, per poi passare alle seconde e terze generazioni della memoria, con le questioni della conservazione e divulgazione della storia.

Si pone il problema di come gestire, classificare, schedare racconti orali, come supporto e approfondimento, nell'epoca della scomparsa fisica dei testimoni diretti. Subentra la necessità di raccogliere tutte le testimonianze dei carnefici e delle vittime, degli osservatori e degli attori che non si possono escludere dai processi di ricostruzione della storia e della memoria collettiva, in quanto la Shoah non è una sequenza definita di vicende e di azioni, ma una continuità di contrattazioni di vite umane, di modalità di sopravvivenza, di ricerca di luoghi adibiti a morte o a protezione.

La soluzione finale consiste nel patteggiare con altri e verificare, in questa dinamica, la capacità, la solidità, la labilità e le lacerazioni di gruppi umani culturalmente caratterizzati.

Lo studio, la documentazione e la trasmissione degli eventi storici connessi alla Shoah implicano un legame diretto con dinamiche di trasformazione sociale, di evoluzione del sistema di valori e di costruzione della società civile stessa.

I temi dell'emancipazione dell'individuo e dell'affermazione dei diritti inalienabili della persona, in relazione con lo sviluppo della democrazia, sono il risultato di un processo di elaborazione illuministica e marxista che ha accompagnato l'evoluzione di una coscienza politica indipendente da strategie di potere.

Questi principi imprescindibili sono stati invece accompagnati dallo sviluppo contraddittorio di intolleranze, razzismi, nazionalismi, fino alla tragedia stessa della Shoah.

Il dibattito sull'identità nelle società contemporanee occidentali si accompagna alla convinzione della necessità di forme di identificazione collettiva che possono sfociare in organizzazioni sociali totalitarie.

Il tema della Shoah deve essere affrontato, considerando che i processi di trasformazione sociale ed economica si connettono a forme diverse di legami con luoghi e dinamiche della geografia e della storia.

L'evento della Shoah si colloca nella complessa relazione fra tradizioni di collettività, di nazioni, di gruppi, di relazioni tra popoli.

Nella Torah, il ricordo non consiste semplicemente nel rievocare e rammentare un evento passato, ma significa riattivarlo, rimembrarlo, in forma potenziata e vitale, nel momento in cui viene rimesso nel circolo della narrazione, in una storia della memoria in cui le libere associazioni assumono un approccio tematico alla Shoah.

La memoria individuale e collettiva diventa sede confusa di connessioni e associazioni di date e avvenimenti, che vedono episodi tragici richiamare alla mente continui eventi drammatici di atrocità sociali e individuali, in un richiamo, in una riproposizione della memoria vicendevole e reciproca. In questo contesto, per la tradizione ebraica, si è liberi solo nel ricordo e la dimensione narrativa, l'evoluzione del racconto, radicati nella memoria, diventano condizioni fondanti della propria esperienza individuale.

La memoria dell'evento non deve essere considerata come particolaristica, ossia riferita solo agli ebrei, in una riflessione solamente ebraica, perché il ricordo della Shoah è attualmente il modello della costruzione civile della memoria, il paradigma a cui si fa riferimento, a livello culturale e politico, per analizzare il passato e il presente occidentali.

La memoria della Shoah non appartiene solo al popolo ebraico, a tutti coloro che l'hanno vissuta e ai loro discendenti, ma anche a una società civile capace di analizzare una parte triste e dolorosa della propria storia, in cui chi sa ascoltare un testimone, diviene esso stesso traduttore della memoria degli eventi storici, che si devono tramandare alle nuove generazioni.

Risulta difficile comprendere come sia stato possibile per i sopravvissuti ritrovare il desiderio e la gioia di vivere, dove la memoria è connessa non solo al passato, ma al futuro, alla capacità di valorizzare le esperienze trascorse e al reinserimento dell'ex deportato in un'idea di società civile.

La Shoah costituisce un cambiamento irreversibile che ha investito la civiltà nei suoi fondamenti.

All'idea di un processo fondato sulla semplice illustrazione degli eventi si oppone la tesi di un'attività di ricerca e di elaborazione di un ricordo collegato alla conoscenza, di una formazione connessa alla più ampia promozione della coscienza civile e democratica, in modalità di analisi delle realtà, in cui trovi spazio una memoria storica, dove risultino collegati valori di riferimento e conoscenza degli eventi.

 

 

 

 

 

 

 

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies