Storia della Pace

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il come e il quando

    Un pezzo che tratta d'informazione e tocca politica, potere, proteste sociali (come a Pianura); termina col guardare a un altro mondo grazie a un'esortazione risorgimentale.
    22 febbraio 2008 - Leopoldo Bruno
  • Contro la base

    Osare e distogliere

    Il sistema fa finta di non interessarsi alla questione, media e politici parlano di qualsiasi altra cosa. La società civile italiana in queste ore è impegnata su Vicenza. Tema centrale
    23 gennaio 2007 - Leopoldo Bruno
Storia romana

Perché crollò l’Impero Romano d’Occidente?

“Noi moriamo ogni giorno; ogni giorno infatti ci è tolta una parte della vita, e anche quando cresciamo la vita decresce. E’ passata l’infanzia, poi la puerizia, poi l’adolescenza”, scriveva Seneca.
1 ottobre 2004 - Daniele Marescotti

Max Weber, storico e sociologo tedesco, ritiene che la pace era la malattia mortale dell’impero. “Roma aveva saputo sfruttare meglio di ogni altro stato antico le guerre di conquista come mezzo per procurarsi denaro, terra e schiavi a spese dei vinti. L’accumulazione continua di capitali tramite la rapina era il segreto del successo romano. Con la pace si era inaridito l’afflusso di ricchezza e l’impero aveva iniziato il suo declino”.

In sostanza l’economia di Roma era basata sulla guerra e la pace era una “malattia” che quindi non consentì all’impero di arricchirsi ulteriormente.

Partendo da queste considerazioni, vi invito a leggere il file allegato in cui analizzo le cause del crollo dell'Impero Romano d'Occidente.

Note:

AA.VV., Storia 1, Bruno Mondatori

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies