un invito dal gruppo AGESCI Terni 9 e dal Clan Puez 85 in collaborazione col circolo Primomaggio

Contro la mafia: incontro con Giovanni Impastato

Terni 15 dicembre 2006 ore 21 Parrocchia Immacolata Concezione (via Narni zona Polymer)
30 novembre 2006 - Gabriele De Veris
Fonte: Alessandra tarquini - 30 novembre 2006

INCONTRO CON GIOVANNI IMPASTATO
Fratello di Peppino Impastato
Vicepresidente del Centro Siciliano di documentazione Peppino Impastato
Membro di Libera Associazioni Nomi e Numeri contro le Mafie

"Peppino nasce in Sicilia, a Cinisi nel gennaio 1948. Bambino curioso che non gradiva il silenzio opposto alle sue domande, al suo sforzo di capire, nel 1968 si ribella come tanti giovani al padre. Ma in Sicilia la ribellione diventa sfida allo statuto della mafia. Quando si batte insieme ai contadini che si oppongono all'esproprio delle loro terre per ampliare l'areoporto Peppino conosce le prime sconfitte ma scopre l'orgoglio di una vocazione. Dopo varie esperienze fonda "Radio aut" che infrange il tabù dell'omertà e con l'arma del ridicolo distrugge il clima riverenziale attorno alla mafia.Tano Badalamenti diventa Tano Seduto e Cinisi è Mafiopoli. Il clima per lui si fa pesante: il padre cerca di farlo tacere, madre e fratrello sono solidali con lui. Quando arriva il Settantasette, mentre c'è chi si rifugia nel privato, lui si presenta alle elezioni comunali. Due giorni prima del voto lo fanno saltare in aria sui binari della ferrovia con sei chili di tritolo. La morte coincide con il ritrovamento a Roma del corpo di Aldo Moro, viene rubricata come "incidente sul lavoro" poi, dopo che gli amici mettono a disposizione degli inquirenti molti indizi dell'esecuzione diventa addirittura "suicidio". Solo vent'anni dopo la Procura di Palermo rinvierà a giudizio Tano Badalamenti come mandante dell'assassinio. Nel 1998 presso la Commissione parlamentare antimafia si è costituito un Comitato sul caso Impastato e il 6 dicembre 2000 è stata approvata una relazione sulle responsabilità di rappresentanti delle istituzioni nel depistaggio delle indagini. Il 5 marzo 2001 la Corte d’assise ha riconosciuto Vito Palazzolo colpevole e lo ha condannato a 30 anni di reclusione. L’11 aprile 2002 Gaetano Badalamenti è stato condannato all’ergastolo."

Note:

PER INFO: http://www.agesci-terni9.org
Alessandra Tarquini 3479117177 alessandratarquini@gmail.com e Lorenzo Pulcioni 3382935604

Allegati

  • IncontroImpastato (413 Kb - Formato pdf)
    invito per iniziativa antimafia 15 dicembre 2006 a Terni
    PDF logoIl documento è in formato PDF, un formato universale: può essere letto da ogni computer con il lettore gratuito "Acrobat Reader". Per salvare il documento cliccare sul link del titolo con il tasto destro del mouse e selezionare il comando "Salva oggetto con nome" (PC), oppure cliccare tenendo premuto Ctrl + tasto Mela e scegliere "Salva collegamento come" (Mac).