presentazione

"Fuori di zucca", spettacolo pensante sugli agi e i disagi della follia

31 ottobre 2006
ore 21:00 (Durata: 2 ore)

L'Associazione Culturale Nuove Argonautiche, in collaborazione con l'Associazione degli Studenti di Medicina Sism, presenta "Fuori di zucca", spettacolo pensante sugli agi e i disagi della follia.
Lo spettacolo, ispirato al N. 11 di Argo "IL MATTO [sbarrato]", si svolgerà martedì 31 Ottobre 2006, ore 21, all'Aula di Istologia, via Belmeloro, 8 (Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Bologna). L'incontro sarà aperto a tutti, in particolare agli studenti di Medicina e Chirurgia.

Il programma dello spettacolo prevede:
- Ascolto propiziatorio delle canzoni "Dottore" di Mina e Beppe Grillo e "Un matto" di Fabrizio De Andrè e Nicola Piovani
- Giulia Montanari, studentessa di Medicina e membro del Sism, introdurrà la serata e presenterà il Sism
- Valerio Cuccaroni (direttore responsabile di ARGO) e Stefania Piras (redattrice di ARGO) presenteranno l'ultima monografia di Argo e la rivista
- Reading di "(Inter)Nato M(ent)ale" di e con Daniel Agami (direttore irresponsabile di ARGO e narratore)
- Reading di "Pesci rossi" di Gabriele Falco (co-autore del N. 11 di ARGO), con Antonella Mastroianni (redattrice)
- Riduzione teatrale di "Lei sente che lui lama" da un racconto di Sara Pasquino, con Giulia Endemini e Fabrizio Ferrara, regia di D. Agami
- Reading poetico di e con Matteo Fantuzzi
- Rossella Renzi (redattrice) legge Anne Sexton
- Proiezione del video "Deep Blue" di Daniela Shalom Vagata (redattrice) ed Eleonora Di Erasmo, montaggio di Flavio Giorgio, musiche di Daniele Bennardo
- Disegni di Giulia Ferrandi (redattrice)
- Proiezione delle foto di David Nebreda
- Opinioni di Paola Daniela Turilli (medico psichiatra e psicoterapeuta) e Michele Filippi (psichiatra)
- Intervento di Francesco Filippi (regista e sceneggiatore di Noetica) su cinema d'animazione e follia
- Interventi degli altri Argonauti Francesca Benassi, Francesca Blesio, Marco De Marco, Annabella Losco, Roberta Mazza e Luca Sansone di Campobianco

Per maggiori informazioni:
Valerio Cuccaroni
339.6185682
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)