incontro

Come lacrime sulle coltri

16 ottobre 2010

Il 16 ottobre p.v., presso la Sala Consiliare di Acquedolci (ME), avrà luogo – alle ore 18.00 – la prima tappa del “Come lacrime sulle Coltri … in tour”.
Vittorio Rombolà, autore, scrittore, poeta e paroliere romano, presenterà il suo nuovo romanzo “Come lacrime sulle coltri” (Casa Editrice Pagine – tel. 06/45468600).
Oltre all’autore, saranno presenti il Sindaco Dott. Cirino Gallo, l’Assessore alla Cultura Dott. Salvatore Zingales, l’Assessore al Turismo Dott. Calogero Carcione, il Presidente della Pro Loco di Acquedolci Francesco Sciambarella (organizzatore dell’evento), il Vision Art Director della PsychoLand e dell’AIFF - Acquedolci Indipendent Film Festival - Iarumasami (aka Antonio G. Valenti) ed un rappresentante dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC).
Per volontà dell’autore, infatti, il progetto “Come lacrime sulle Coltri … in tour”, prevede la presentazione del romanzo anche in seno ad associazioni, assistenti malati “in stato avanzato”, laddove una parte del ricavato sarà devoluto a favore di detti enti

“Come lacrime sulle Coltri”:
un inno alla vita e alla speranza, attraverso un racconto drammatico e profondamente poetico.

(segue uno stralcio liberamente tratto dalla Prefazione della Dott.ssa Federica Pizzuti)
L’autore e scrittore romano Vittorio Rombolà racconta, con gesto radicale e dolcissimo, la terribile odissea della malattia, il calvario di un viaggio senza ritorno.
In una sala d’aspetto di un ospedale ha inizio la fine del protagonista di questo bellissimo romanzo, che, in presa diretta, racconta con precisione quasi chirurgica, i terribili momenti in cui scopre di avere una malattia mortale ed irreversibile. Enea Petrini (questo il nome) è improvvisamente messo a nudo, “scorticato” e, all’unisono, costretto, dall’inconsolabile sofferenza, a raccontarsi e a raccontare. Inizia, così, un monologo intenso e impietoso condotto su più piani temporali che s’intersecano di continuo, sapientemente alternati e sospesi fra lo sgomento del presente e la rievocazione del passato.
I ricordi e le riflessioni, assumono la forma di immagini e primi piani che, a volte, assecondano i sussulti della memoria, a volte, si aprono in ampie e profonde dissertazioni filosofiche, o assecondano il ritmo cantilenante della preghiera o della poesia. “Come lacrime sulle coltri” non è – in senso tecnico – un romanzo, ma una storia vera, come lo sono le tante storie di persone che, quotidianamente, devono convivere con il cancro, raccontata da un grande romanziere che, con questo nuovo libro, ci commuove e ci stupisce profondamente. Un racconto doloroso, dunque, ma che, nel contempo, ci narra non solo come da una morte possa nascere nuova vita, ma anche di come un trauma possa far cadere le difese e rinsaldare i legami.
Non è possibile, infatti, prescindere – e non evidenziare – la prepotente “positività” che, per mano dell’autore, si insinua, copiosa e ficcante, nei meandri del dramma raccontato.
Vittorio Rombolà, dunque, con l’ausilio della parola, trascina il lettore nelle atmosfere rarefatte del dolore che incontra, però, la speranza e, paradossalmente, la nutre. Un racconto dell’anima e sull’anima, da leggere avvinti “tra le righe”, assistendo, spettatori-attori, al più grande degli spettacoli: la vita.

Per maggiori informazioni:
Pro Loco Acquedolci
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Legami di ferro
    Lo riferisce il sito di siderurgia Siderweb

    "La nuova acciaieria a Odisha rischia di provocare un'autentica sollevazione popolare"

    In India i cittadini della regione sono contrari al progetto di Jindal e difendono l'ambiente dal rischio di deforestazione. E' previsto un taglio di un'area forestale per far posto a un maxi-stabilimento della JSW Steel da 12 milioni di tonnellate annue di acciaio
    25 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    L'Italia cessi di rifornire di armi chi ogni giorno in Africa commette stragi

    Giornata internazionale dell'Africa

    L'Africa ci parla, ci interroga, ci indica i nostri comuni doveri, e primo fra tutti il dovere di condividere il bene ed i beni fra tutti gli esseri umani, tutti ugualmente appartenenti all'unica umana famiglia, tutti ugualmente abitanti di quest'unico mondo vivente.
    24 maggio 2020 - Peppe Sini (Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera)
  • Ecologia
    Fuga da Taranto

    "ILVA è la peggiore operazione mai fatta da ArcelorMittal"

    "Un Vietnam", così Il Sole 24 Ore definisce Taranto. "Una bomba a orologeria piazzata nei conti del gruppo ArcelorMittal"
    24 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    La terrestrità unisce donne e uomini e ogni essere vivente in spazi e tempi di fraternità e sororità

    Agenda Onu 2030: pensare la pace

    In questi giorni, è stato l’anniversario della morte del colonnello sovietico Petrov che è riuscito a salvare l’umanità dalla terza guerra mondiale e nucleare, il giorno 26 settembre del 1983, in piena guerra fredda
    24 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Disarmo
    Il TPNW quasi in dirittura d'arrivo. Ma i trattati sul disarmo che si sciolgono...

    Da festeggiare. Forse sì ma forse no

    Il TPNW, il Trattato per la proibizione delle armi nucleari, ha trovato adesso un altro impegnativo firmatario. Il Belize, piccolo Stato nei Caraibi che va ad aggiungersi alla schiera delle ratifiche già avvenute da parte delle altre nazioni dell’arcipelago. Però...
    24 maggio 2020 - Roberto Del Bianco
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)