incontro

Come lacrime sulle coltri

16 ottobre 2010

Il 16 ottobre p.v., presso la Sala Consiliare di Acquedolci (ME), avrà luogo – alle ore 18.00 – la prima tappa del “Come lacrime sulle Coltri … in tour”.
Vittorio Rombolà, autore, scrittore, poeta e paroliere romano, presenterà il suo nuovo romanzo “Come lacrime sulle coltri” (Casa Editrice Pagine – tel. 06/45468600).
Oltre all’autore, saranno presenti il Sindaco Dott. Cirino Gallo, l’Assessore alla Cultura Dott. Salvatore Zingales, l’Assessore al Turismo Dott. Calogero Carcione, il Presidente della Pro Loco di Acquedolci Francesco Sciambarella (organizzatore dell’evento), il Vision Art Director della PsychoLand e dell’AIFF - Acquedolci Indipendent Film Festival - Iarumasami (aka Antonio G. Valenti) ed un rappresentante dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC).
Per volontà dell’autore, infatti, il progetto “Come lacrime sulle Coltri … in tour”, prevede la presentazione del romanzo anche in seno ad associazioni, assistenti malati “in stato avanzato”, laddove una parte del ricavato sarà devoluto a favore di detti enti

“Come lacrime sulle Coltri”:
un inno alla vita e alla speranza, attraverso un racconto drammatico e profondamente poetico.

(segue uno stralcio liberamente tratto dalla Prefazione della Dott.ssa Federica Pizzuti)
L’autore e scrittore romano Vittorio Rombolà racconta, con gesto radicale e dolcissimo, la terribile odissea della malattia, il calvario di un viaggio senza ritorno.
In una sala d’aspetto di un ospedale ha inizio la fine del protagonista di questo bellissimo romanzo, che, in presa diretta, racconta con precisione quasi chirurgica, i terribili momenti in cui scopre di avere una malattia mortale ed irreversibile. Enea Petrini (questo il nome) è improvvisamente messo a nudo, “scorticato” e, all’unisono, costretto, dall’inconsolabile sofferenza, a raccontarsi e a raccontare. Inizia, così, un monologo intenso e impietoso condotto su più piani temporali che s’intersecano di continuo, sapientemente alternati e sospesi fra lo sgomento del presente e la rievocazione del passato.
I ricordi e le riflessioni, assumono la forma di immagini e primi piani che, a volte, assecondano i sussulti della memoria, a volte, si aprono in ampie e profonde dissertazioni filosofiche, o assecondano il ritmo cantilenante della preghiera o della poesia. “Come lacrime sulle coltri” non è – in senso tecnico – un romanzo, ma una storia vera, come lo sono le tante storie di persone che, quotidianamente, devono convivere con il cancro, raccontata da un grande romanziere che, con questo nuovo libro, ci commuove e ci stupisce profondamente. Un racconto doloroso, dunque, ma che, nel contempo, ci narra non solo come da una morte possa nascere nuova vita, ma anche di come un trauma possa far cadere le difese e rinsaldare i legami.
Non è possibile, infatti, prescindere – e non evidenziare – la prepotente “positività” che, per mano dell’autore, si insinua, copiosa e ficcante, nei meandri del dramma raccontato.
Vittorio Rombolà, dunque, con l’ausilio della parola, trascina il lettore nelle atmosfere rarefatte del dolore che incontra, però, la speranza e, paradossalmente, la nutre. Un racconto dell’anima e sull’anima, da leggere avvinti “tra le righe”, assistendo, spettatori-attori, al più grande degli spettacoli: la vita.

Per maggiori informazioni:
Pro Loco Acquedolci
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Laboratorio di scrittura
    Occorre appoggiare questa inchiesta e farne una bandiera di onestà e di trasparenza

    Dai veleni dell'Ilva al puzzo dell'inchiesta di Potenza

    Che l'Ilva inquinasse lo si sapeva. Ma qui si arriva a un livello di manipolazione delle istituzioni inusitato. Un sistema di potere occulto - con manovre bipartisan - ha tentato di fermare a Taranto l'intransigenza della magistratura prima dall'esterno e poi dall'interno.
    15 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Ecologia
    Ilva, a Taranto pure lo Stato si è liquefatto

    Ma i soldi del recovery Plan non potrebbero risarcire Taranto dandole un futuro pulito?

    Dopo la sentenza di primo grado che ha condannato i Riva per disastro ambientale e disposto la confisca degli impianti, ed ecco emergere un’impressionante continuità di pratiche illegali finalizzate ad ammorbidire l’azione della magistratura.
    11 giugno 2021 - Gad Lerner
  • Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Latina
    Costa Rica

    Movimento ambientalista esige giustizia

    Ratifica dell'Accordo di Escazú e stop all’impunità le principali richieste
    9 giugno 2021 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)