incontro

Come lacrime sulle coltri

16 ottobre 2010

Il 16 ottobre p.v., presso la Sala Consiliare di Acquedolci (ME), avrà luogo – alle ore 18.00 – la prima tappa del “Come lacrime sulle Coltri … in tour”.
Vittorio Rombolà, autore, scrittore, poeta e paroliere romano, presenterà il suo nuovo romanzo “Come lacrime sulle coltri” (Casa Editrice Pagine – tel. 06/45468600).
Oltre all’autore, saranno presenti il Sindaco Dott. Cirino Gallo, l’Assessore alla Cultura Dott. Salvatore Zingales, l’Assessore al Turismo Dott. Calogero Carcione, il Presidente della Pro Loco di Acquedolci Francesco Sciambarella (organizzatore dell’evento), il Vision Art Director della PsychoLand e dell’AIFF - Acquedolci Indipendent Film Festival - Iarumasami (aka Antonio G. Valenti) ed un rappresentante dell’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC).
Per volontà dell’autore, infatti, il progetto “Come lacrime sulle Coltri … in tour”, prevede la presentazione del romanzo anche in seno ad associazioni, assistenti malati “in stato avanzato”, laddove una parte del ricavato sarà devoluto a favore di detti enti

“Come lacrime sulle Coltri”:
un inno alla vita e alla speranza, attraverso un racconto drammatico e profondamente poetico.

(segue uno stralcio liberamente tratto dalla Prefazione della Dott.ssa Federica Pizzuti)
L’autore e scrittore romano Vittorio Rombolà racconta, con gesto radicale e dolcissimo, la terribile odissea della malattia, il calvario di un viaggio senza ritorno.
In una sala d’aspetto di un ospedale ha inizio la fine del protagonista di questo bellissimo romanzo, che, in presa diretta, racconta con precisione quasi chirurgica, i terribili momenti in cui scopre di avere una malattia mortale ed irreversibile. Enea Petrini (questo il nome) è improvvisamente messo a nudo, “scorticato” e, all’unisono, costretto, dall’inconsolabile sofferenza, a raccontarsi e a raccontare. Inizia, così, un monologo intenso e impietoso condotto su più piani temporali che s’intersecano di continuo, sapientemente alternati e sospesi fra lo sgomento del presente e la rievocazione del passato.
I ricordi e le riflessioni, assumono la forma di immagini e primi piani che, a volte, assecondano i sussulti della memoria, a volte, si aprono in ampie e profonde dissertazioni filosofiche, o assecondano il ritmo cantilenante della preghiera o della poesia. “Come lacrime sulle coltri” non è – in senso tecnico – un romanzo, ma una storia vera, come lo sono le tante storie di persone che, quotidianamente, devono convivere con il cancro, raccontata da un grande romanziere che, con questo nuovo libro, ci commuove e ci stupisce profondamente. Un racconto doloroso, dunque, ma che, nel contempo, ci narra non solo come da una morte possa nascere nuova vita, ma anche di come un trauma possa far cadere le difese e rinsaldare i legami.
Non è possibile, infatti, prescindere – e non evidenziare – la prepotente “positività” che, per mano dell’autore, si insinua, copiosa e ficcante, nei meandri del dramma raccontato.
Vittorio Rombolà, dunque, con l’ausilio della parola, trascina il lettore nelle atmosfere rarefatte del dolore che incontra, però, la speranza e, paradossalmente, la nutre. Un racconto dell’anima e sull’anima, da leggere avvinti “tra le righe”, assistendo, spettatori-attori, al più grande degli spettacoli: la vita.

Per maggiori informazioni:
Pro Loco Acquedolci
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1973: Firma della cessazione della guerra tra Stati Uniti e Vietnam del Nord.
  • Anno 1973: Il segretario americano alla difesa annuncia a Washington l'abolizione del servizio di leva obbligatorio.
  • Anno 0: Giornata di commemorazione della <b> Shoah</b> e di tutte le persecuzioni. Per non dimenticare

Dal sito

  • Cultura
    Da "L’anima e la notte, della poesia ed altri versi"

    Canzone per un bambino zingaro

    Dale Zaccaria continua la sua ricerca letteraria con la poesia e la prosa, scrivendo racconti e fiabe, in sinergia con altri artisti e generi come la pittura, la danza, la musica, il teatro e il video.
    25 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Cultura
    Recensione

    Il miracolo della corda

    Una storia che non si può narrare tanto facilmente. Ma Monica, la figlia di Elvio Alessandri, riesce nel suo intento fino ad arrivare a scrivere un libello narrativo e riflessivo sulla Resistenza partigiana dei suoi cari.
    21 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Latina
    Honduras

    “Nessuno che abbia provato il dolore del popolo può unirsi a dei dittatori”

    Xiomara Castro invoca la difesa del risultato espresso dai cittadini nelle urne
    25 gennaio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Conflitti
    Occorre negoziare una pace sostenibile

    La società civile globale esorta a fermare il tintinnio delle sciabole sull'Ucraina

    Entrambe le "grandi potenze" desiderano possedere l'Ucraina e rivendicare il loro "diritto" di concentrare le loro armi letali, truppe e basi ovunque lo desiderino, il più vicino possibile l'una all'altra. Entrambe oltrepassano la linea rossa del buon senso.
    25 gennaio 2022 - Yurii Sheliazhenko (Ucraina - World BEYOND War)
  • Disarmo
    Iniziativa di NoFirstUse Global

    Armi nucleari: no al "primo uso"

    In una lettera aperta, eminenti leader sollecitano le nazioni ad adottare politiche per ridurre i pericoli nucleari ed eliminare le armi nucleari. L'adozione di politiche di non-primo uso potrebbero aprire la porta a negoziati per la completa eliminazione delle armi nucleari.
    NoFirstUse Global
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)